Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Vangelo di Domenica 17 Maggio. VI Dom. di Pasqua

cristo.jpgVangelo di Gesù Cristo secondo Giovani 14,15-26

 15 Se mi amate, osserverete i miei comandi; 16 e io pregherò il Padre e vi darà un altro Consolatore, affinché sia con voi in eterno, 17 lo Spirito della verità, che il mondo non può accogliere, perché non lo vede né conosce. Voi lo conoscete, perché dimora presso di voi e sarà in voi. 18 Non vi lascerò orfani, vengo da voi. 19 Ancora un poco e il mondo non mi vede più, ma voi mi vedete, perché io vivo e voi vivrete. 20 In quel giorno voi conoscerete che io (sono) nel Padre mio e voi in me e io in voi. 21 Chi ha i miei comandi e li osserva, quegli è chi mi ama; ma chi ama me, sarà amato dal Padre mio e io amerò lui e a lui manifesterò me stesso. 22 Gli disse Giuda, non l’Iscariota: «Signore, come è accaduto che devi manifestarti a noi, e non al mondo?». 23 Gli rispose Gesù: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. 24 Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato. 25 Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. 26 Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.

Lectio di don Alessio De Stefano

Amare ed essere amati 14,15-26.Che questa relazione, nonostante le apparenze, non sia in realtà interrotta dalla morte lo dice proprio il passaggio dal lessico della fede a quello dell’amore. L’invito che viene fatto ai discepoli, posta la fede costante in Dio e in Gesù, è quello di continuare ad amare (vv. 15.21.23.24). Diversamente dal credere (v. 1), l’amare non è direttamente comandato. L’a­more, anzi, è un presupposto sicuro della relazione di Gesù con i suoi (cf 16,27), anche se mai prima, nel vangelo, è stato predicato dei discepoli nei confronti di Gesù. L’intera storia di relazione con lui è stata per loro una storia di amore. Qui, però, vengono chiarite con nettezza le condizioni di possibi­lità e i frutti dell’amare autentico. Condizione di possibilità perché la relazione d’amore col Maestro continui, dopo la Pasqua, è «osservare i suoi comandamenti» o la «sua parola» (vv. 15.21.23.24), che coincidono col comandamento nuovo dell’amore reciproco (13,34-35), sintesi perfetta della legge e spazio sicuro della vita (cfSap 6,12-20). Se l’amare fino alla fine sintetizza e riassume l’intera vita, azione e predicazione di Gesù (13,1), amarsi reciprocamente, secondo il suo coman­damento, è l’unica condizione per continuare ad amarlo e, così, a lasciarsi amare da lui. Frutto dell’obbedienza al suo comandamento, infatti, è l’esperienza di essere amati da Gesù e dal Padre (vv. 21.23) e, in questo amore, l’esperienza della rivelazione intima e personale di Gesù stesso (v. 21). Nello spazio scavato dall’assenza di Gesù, andato a preparare un posto nella casa con «molte dimore», il vero spazio della comunione viene in realtà aperto nell’intimo dei discepoli in atto di amarsi reciprocamente: essi stessi, obbedendo all’amore, diventeranno «dimora» permanente del Padre e di Gesù (v. 23) e faranno un’esperienza di rivelazione non accessibile al «mondo», inteso come quella forma di esistenza umana, personale e collettiva, che «ama» solo «ciò che gli appartiene» (7,7; 15,19) e non è in grado di accogliere l’alterità divina. La verità della rivelazione messianica, dunque, non è smentita e invalidata dal fatto che il «mondo» non ne sia ancora interamente e pubblicamente coinvolto (vv. 19.22); essa, d’altra parte, non è nemmeno una realtà esoterica e privata perché spinge i discepoli a vivere l’amarsi reciproco proprio nel mondo, atteso, a sua volta, all’appuntamento della fede e dell’incontro con la rivelazione dell’amore (cf 17,11.15.18.21.23). Il dono dello Spirito Santo, Spirito di verità agli antipodi del mondo, «altroparaclito» dopo Gesù (cf1Gv 2,1), chiama­to a fianco dei discepoli per sostenerli nella testimonianza che davanti al mondo dovranno svolgere a favore di Gesù e della sua rivelazione, è l’altro frutto dell’amare (vv. 16-18.26) e, al contempo, maestro nell’amare. La preghiera che Gesù eleva al Padre per i discepoli, sicuro di essere esaudito, ha come contenuto proprio il dono dello Spirito, la cui presenza e la cui azione determineranno e qualificheranno esattamen­te lo spazio ecclesiale, quello del «dimorare» divino «con», «presso» e «nei» discepoli, comunione che non conosce lace­razione né fine temporale perché espressione della vita stessa di Dio donata loro dal Risorto. Nello Spirito Gesù «verrà» a loro, ancora più intimo e custode come prima della fragilità dei discepoli-figli (v. 18). Il tempo ormai breve del «rimane­re» di Gesù con i suoi prima della morte (v. 25) è funzionale alla parola che garantisce loro che il tempo che dopo inizierà non segnerà la fine del rapporto col loro Maestro, ma l’ini­zio di una storia nuova di cui essi saranno protagonisti nel mondo insieme allo Spirito che continuerà a perpetuare in loro la memoria di Gesù e a insegnarne la parola. La morte del Servo, dunque, non è che la via perché la sua vita sia la vita dei molti e il suo Spirito lo Spirito sempre presente sulla sua discendenza a segno dell’alleanza perenne del Signore con il suo popolo redento (cfIs 59,21).

Ultime Notizie

Il 24 ottobre del 1725 moriva a Napoli il compositore siciliano Alessandro Scarlatti (Palermo 1660 - Napoli 1725). Fu la...
Come da copione, le opere compensative che i sindaci dell'alto ionio chiedevano a parziale "compenso" per lo sfregio che il...
Il presidente Lino Notaristefano, sentita la conferenza dei capigruppo ha proceduto, ai sensi dell’articolo 49 del Regolamento, alla convocazione del...
IL COMUNE DI TREBISACCE E LE ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO AL LAVORO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ZONA Il Comune...
La passione per la musica dei tempi passati ci porta ad incontrare dei personaggi molto singolari nell'infinito panorama dei musicisti...

Please publish modules in offcanvas position.