Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Vangelo di Domenica 28 giugno 2020

Amare-Gesu.jpgVangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 10,37-42

37 Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; 38 chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me. 39 Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.40 Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.41 Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto. 42 Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».

Lectio di don Alessio De Stefano

In questa parte conclusiva del cap. 10 Gesù presenta i criteri della sequela e dichiara di essere venuto a portare la «spada», strumento che invece bandirà categoricamente al momento della sua cattura (Mt 26,51-52). Questa «spada» infatti qui non allude alla difesa o all’attacco, ma piuttosto alla separazione. In Mt 5,17 Gesù aveva affermato di non essere venuto ad annullare la legge, cioè ad operare delle ri­voluzioni, e qui sostiene di non essere venuto però nemmeno a lasciare tutto nel suo status quo. Separare tuttavia non è l’intenzione di Gesù, ma un effetto della sua predicazione. La sequela Christidiventa comunque una sorta di spartiacque che rivela la qualità dei rapporti. I discepoli quindi devono mettere in bilancio l’insorgere di contrasti con i propri cari, che non sempre riusciranno a comprendere le ragioni di un certo stile di vita, e devono fare attenzione a non cedere ai ricatti affettivi che denotano immaturità e incapacità di assumere fino in fondo le sfide del discepolato. Essi devono inoltre sapere che l’ostilità più grande spesso viene proprio dai familiari (il termine oikiakoiè stato impiegato da Gesù per parlare dei suoi discepoli al v. 25). Questa verità è espressa in modo molto lapidario applican­do ai propri familiari l’espressione «nemici dell’uomo». La sequela infatti rivela un primato a volte difficile da accettare: un amore per Cristo che trascende l’amore verso i familiari. Questo amore può portare un uomo o una donna ad antepor­re Cristo non solo ai beni materiali ma anche agli affetti più cari, per seguirlo anche nei percorsi più impervi. Prendere la croce dietro a Gesù (v. 38) significa infatti andare fino in fondo nel cammino di sequela, mettendo i propri passi nelle orme del Maestro, disposti a essere liberi non solo in rap­porto agli affetti più cari (come era chiesto anche ai leviti in Dt 33,8-11), ma addirittura alla propria stessa vita. Chi cerca di salvare la vita, restando legato a sicurezze economiche o affettive, si perde. Chi invece si libera da ogni attaccamento possessivo, cammina spedito e felice, e fa fruttificare ogni autentico affetto. Una duplice accoglienza(vv. 40-42) - La vita dei discepoli non è solo segnata dalla persecuzione. L’istruzione missio­naria di Gesù infatti trova un epilogo positivo nel motivo dell’accoglienza riservata ai discepoli. Se la reazione di molti dinanzi ai missionari è la persecuzione, la reazione di altri invece è la solidarietà. Vi sono alcuni in grado di accogliere l’operato dei discepoli. Questi, accogliendo i discepoli, in realtà accolgono Gesù stesso e anche il Padre (accogliere Cristo quando si accoglie un essere umano sarà un tema importantissimo in Mt 25, specie nella parabola del giudizio finale dei vv. 31-46). Nel giudaismo l’inviato di un uomo è un altro se stesso. L’inviato dunque comunica la presenza di colui che lo ha inviato. Come Gesù comunica la presenza del Padre che è nei cieli, così i discepoli comunicano al mondo la sua presenza. Anche il dono di un bicchiere di acqua fresca basta a riconoscere in essi un cuore semplice che fa di loro dei potenziali discepoli. Come chi nella storia di Israele ha accolto profeti e giusti partecipando alla loro stessa dignità e ricevendo la loro stessa ricompensa, così chi concede acco­glienza ai discepoli di Gesù è degno di ricompensa. Questa non èla riconoscenza o la gratitudine umana, ma piuttosto una ricompensa di natura più ampia che immette nell’oriz­zonte del destino ultimo dell’uomo che è la vita eterna.

a cura di Michele Sanpietro

Ultime Notizie

(foto: Ass. Roberta Romanelli) IL COMUNE DI TREBISACCE APPROVA IL PIANO DI DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO E SOSTIENE IL POTENZIAMENTO DEGLI...
(Francesco, detto Ciccio, il giorno del giuramento nel 1929) Il racconto che state per leggere fa parte della biografia...
Il caro amico dott. Achille Della Ragione, che siamo onorati di ospitare spesso nel nostro portale, ci ha, ancora una...
Come un fulmine a ciel sereno ieri sera è giunta la tristissima notizia della scomparsa della carissima amica Teresa MANCUSO.
Theo Geoghegan Hart vince il Giro d’Italia della storia. Per tre settimane nonostante il Covid l’Italia ha atteso e tifato...

Please publish modules in offcanvas position.