Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Vangelo di Domenica 30 Maggio 2021 - della TRINITA'

GESU RISORTO MONTE.jpgVangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 28,16-20

16 Gli undici discepoli, intanto, andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro ordinato. 17 Quando lo videro, lo adorarono; alcuni o quelli però dubitavano. 18 E Gesù, avvicinatosi, disse loro: Mi è stato dato ogni potere in cielo e in terra. 19 Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo, 20 insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino al compimento del mondo.

Lectio di don Alessio De Stefano

Epilogo in Galilea (28,16-20). Matteo, in questa pericope, sviluppa il tema dell’appa­rizione in Galilea come il vero epilogo non solo delle apparizioni post-pasquali, ma di tutto il suo evangelo. Benché ci possano essere tradizioni sto­riche di apparizioni in Galilea (cf. Gv 21), la finale matteana non ha un carattere tradizionale, ma è una costruzione teologi­ca, una sintesi dottrinale dell’evangelista stesso. Senza essere del tutto inaspettata, ma essendo preparata dall’annuncio dell’angelo (28,7) e dello stesso Gesù (26,32; 28,10), questa con­clusione, nella sua particolare posizione strategica, contiene de­gli elementi originali, che fanno luce su tutta la narrazione pre­cedente, sull’intero progetto teologico matteano. Tutto si capi­sce veramente solo a partire dalla fine. Il Gesù che appare sul monte ai suoi undici discepoli, è anzi­tutto il Kyrios. Il termine non è esplicito, ma risulta dall’adora­zione dei discepoli che si “prostrano” davanti a lui (proskynéo: cf. 14,33s). È il “Signore” della chiesa, colui che è og­getto di adorazione e di preghiera da parte dei suoi discepoli. Questi, dal canto loro, sono un corpus mixtum (grano e zizzania, pesci buoni e cattivi): “altri invece dubitarono” perfino davanti al Risorto. Gesù è qui il Figlio dell’uomo danielico, investito da Dio di “ogni autorità in cielo e in terra” (cf. Dn 7,14): vale a di­re che è il giudice escatologico, assiso fin da ora alla destra del Padre (26,64). Matteo non cancella dal suo orizzonte la parusia, il ritorno glorioso del Messia alla fine del mondo. Ma per lui non si tratta di un evento immediato, imminente. Occorre invece prepararsi a dei tempi più lunghi. Ma fin da ora, cioè fin dalla morte e resurrezione, considerate come un unico evento e dotate di una forza veramente già “ultima”, finale, decisiva, egli è tale quale ci apparirà alla fine dei tempi. Vi è, in particolare, un compito che “trattiene” la fine, che la differisce ancora per molto: è l’evangelizzazione di “tutte le genti” (24,14). Pantatà éthneè una designazione standardizzata delle nazioni pagane, ed è chiaro che ormai, per Matteo, il campo missionario della chiesa è il mondo intero (13,38). Dilazione della parusia e per­cezione del mandato missionario universale sono due realtà correlate. Ma l’apertura ai pagani non va necessariamente insieme a una chiusura della chiesa rispetto a Israele. Le modalità di una missione a Israele e di una missione ai pagani differiscono, però neppure la testimonianza presso Israele è esaurita (10,23). Pantatà éthne si riferisce innanzitutto alle genti ancora non evangeliz­zate, ma non ha una portata esclusiva (cf. 25,32). Le modalità della missio ad gentes, del grande mandato missionario che con­clude l’evangelo di Matteo, sono due: il battesimo e la didaché apostolica. Si tratta di “fare discepole” (matheteuo) tutte le gen­ti, battezzandole e insegnando loro tutte le cose comandate da Gesù, ossia evangelizzandole. La formula trinitaria del battesimo è sorprendente, inusuale in Matteo. È noto che la primitiva formula battesimale era “nel nome del Signore Gesù” (At 2,38). Si è anche osserva­to che questa formula più sviluppata interrompe il ritmo quasi innico del comando (con la quadruplice ripetizione dell’agget­tivo pas:“ogni” autorità; “tutte” le genti; “tutte” le cose; “tut­ti” i giorni). D’altro canto, il battesimo “nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo” si ritrova anche nella Didaché(VII, 1) e indubbiamente conferisce alla finale di Matteo un andamento particolarmente solenne e teologicamente riassun­tivo. Quanto all’evangelizzazione, Matteo sottolinea il suo aspetto legale, normativo: l”‘osservanza”, il “comando”. Non si tratta solo di un lieto annunzio ma anche di un fattore centrale per il quale non solo la Torà resta in vigore (5, 1 7) ma lo stesso insegnamento rabbinico (23,3 che ricorre allo stesso verbo teréo). Infine, una grande promessa, che è davvero l’ultima parola di Gesù: “Ed ecco, io sono con voi”. Non solo: “Io verrò presto” (Ap 22,20). Ma: “Io sono già con voi”. Certo, questo mondo avrà una fine, una “consumazione(syntéleia) che coinciderà con la parusia (24,3). Ma tutti questi giorni che viviamo nell’at­tesa, sono già ricolmi di una presenza. Il linguaggio usato qui da Matteo è quello dell’alleanza, del “Dio con noi” che inaugura l’evangelo fin dall’annunciazione (1,23), e rispetto al quale que­sta ripresa finale fa da inclusione maggiore. Ancora più partico­larmente, Matteo si rifà al tema della Shekhinà, della divina pre­senza che dimorava nel tempio’?”. Ora che il tempio è stato di­strutto, la Shekhinà dimora là dove due o tre sono radunati nel nome di Gesù (18,20). Questa è l’e­sperienza del Risorto che Matteo ci trasmette. Non si tratta di un’apparizione, non si tratta di un’occasionale cristofania, non si tratta ancora della parusia. Si tratta di una presenza discreta e silenziosa che ci accompagna per tutti i giorni della nostra vita. Gesù risorto e assiso alla destra del Padre è la Shekhinà di Dio nella storia del mondo.

Ultime Notizie

“Prendersi cura: una risposta alla domanda di sollievo”. Sarà il filo conduttore in occasione della XXI Giornata Mondiale Nazionale del...
(foto: il magnifico organo a canne della Basilica di San Giuliano a Castrovillari) E' con questo titolo che è stato...
Della problematica dei bambini con potenzialità cognitive superiori alla media, dovevamo occuparci qualche tempo fa, poi un po' per la...
"Al sig. Sindaco della benemerenza, “Per il servizio reso alla Città di Cassano all’Ionio ed alla sua comunità; per aver promosso...
Ho ricevuto per email da un'amica americana il messaggio che segue con l'annessa fotografia. Forse qualcuno ha già sentito o...

Please publish modules in offcanvas position.