Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Mons.Savino ai politici: "Essere Speranza per dare Speranza"

savino 1.jpg“La vera sfida dell’epoca opaca che stiamo vivendo è la difesa della verità che è madre di una giustizia equa e di una carità generativa”. Lo ha affermato Mons. Francesco Savino, vescovo di Cassano All’Jonio, nel corso di un incontro tenuto nella Basilica Cattedrale, alle donne e agli uomini impegnati nelle istituzioni politiche della diocesi cassanese. Agli amministratori il presule ha consegnato due parole, paradigmatiche per tutti, in questo tempo complesso ed oscuro: sostenibilità ed esercizio del potere. “La sostenibilità per mons Savino, è il principio architettonico, il principio fondante che deve coordinare e ritmare la realtà complessa e interconnessa in cui siamo “gettati”. Già alla fine del secolo scorso ci fu consegnato l’imperativo culturale: “soddisfare i bisogni della generazione presente senza compromettere quelli della generazione futura”. Faccio riferimento, oltre alla già citata enciclica dedicata da Francesco «alla cura della casa comune», all’ormai nota Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile sottoscritta nel settembre del 2015 dai governi di centonovantatré paesi aderenti all’ONU, nonché alla riforma costituzionale che nello scorso mese di febbraio ha introdotto il tema della salvaguardia ambientale, nella carta fondamentale della nostra Repubblica. Non possiamo non fare nostro l’appello – ha esortato -, preoccupato ma generativo di speranza di Papa Francesco a unire tutta la famiglia umana nella ricerca dello sviluppo sostenibile integrale, nella consapevolezza che “l’umanità ha ancora la capacità di collaborare per costruire la nostra casa comune” Promuovete la nascita di comunità energetiche, informando e supportando la gente, accompagnandola, come buon pastore farebbe, senza dimenticare di iniziare sempre dagli ultimi. Tre sono gli errori più gravi per chi esercita un potere – ha ammonito -: aprire un conflitto che non si è capace di governare, sopravvalutare le proprie capacità, essere arroganti. Una vita senza conflitti non è auspicabile. Vigilate con sapienza su voi stessi per non fare di questi tre errori, che ho sottoposto alla vostra coscienza, il codice malsano del vostro essere donne e uomini delle Istituzioni."

Ultime Notizie

“Ennesimo capolavoro del centrodestra in Calabria. Dopo il dietrofront sul consigliere supplente, quello sull’ “epocale” finanziamento della ss106, a distanza...
Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 3,1-121In quei giorni venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea 2dicendo:...
Si è concluso con una sentenza di assoluzione con la formula “perché il fatto non sussiste” il procedimento penale a...
Rinviato lo scorso mese di novembre a causa delle avverse condizioni atmosferiche, è in programma domenica 4 dicembre, presso la...
Toccare i reperti dell’antica Sybaris per superare i limiti percettivi imposti dalle disabilità e viaggiare nella storia esplorando il mondo...

Please publish modules in offcanvas position.