Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Pietro Aretino, il Pasquino erotico del Rinascimento.

Pietro_Aretino.jpgNasceva nella notte fra il 19 e il 20 aprile del 1492, e quindi proprio assieme al Rinascimento, Pietro Aretino, figlio illegittimo di un calzolaio e di una donna che faceva la modella per artisti e la prostituta all’occasione.

Testardo, irriverente, scandaloso, Pietro Aretino è diventato sinonimo di licenziosità. Fu poeta erotico. No, poeta erotico è poco: Aretino fu il poeta del sesso, così esplicito, così vitale e gioioso, così centrale che ancora oggi si mangia a colazione tutte le signore delle sfumature di grigio e se ci si mette è in grado di far arrossire con due versi ben piazzati pornostar e divi hard.

Le poesie di Aretino sono esplicite, ma soprattutto, e questo andrebbe detto, sono ben scritte. Perché Pietro è innanzitutto un ottimo poeta, che non sbaglia un verso e sa usare la metrica come un fioretto. Non parlassero di sesso, sarebbero usate come modello di struttura e di costruzione.

Ma parlano di sesso, e tanto, e soprattutto in un modo poco accettabile per la società perbene di ogni tempo: ne parlano, infatti, in maniera divertente. In Aretino non c’è colpa, non c’è pentimento, e per questo non ci sono nemmeno perversioni. C’è un mondo che fa sesso perché il sesso è vita, e piacere, è gioco, è una forza primigenia che prende tutto e tutti, e non ci sono barriere sociali, morali, religiose che possano arginarlo.

Aretino non è un erotomane, è un anarchico. Ama il sesso perché odia il potere costituito. Per questo aveva iniziato a Roma come Pasquino, scrivendo poesie satiriche contro i Papi. E poi invece ha capito che la politica e la società hanno più paura del sesso che delle critiche, perchè quelle le possono controllare e il sesso invece no.

Omosessuale dichiarato, furbo nel fare affari, visse come volle trovando asilo a Venezia, perché Venezia era la città più vicina al suo sentire: non solo godereccia ma sostanzialmente indifferente a come tutti volevano vivere la loro vita. Fu amico di Tiziano e di altri artisti, fu, come diceva lui, il figlio di una cortigiana con l’animo di un re. Sarebbe stato scomodo in ogni secolo, ma lui sapeva adattarsi bene alle circostanze e volgerle a suo favore, godendo per altro parecchio dell’invidia degli altri letterati, spesso non meno ossessionati di lui dal sesso, ma più ipocriti.

Fu un grande, insomma. E meriterebbe forse di più. Ma ho come l’impressione che lui degli elogi post mortem riderebbe di gusto, e suggerirebbe a tutti noi di andare a farci… Be’ lo sapete.

Mariangela Vaglio

da: Il mondo di Galatea

Ultime Notizie

Nel 1972 Mons. Francesco Pennini si adoperò per far ristampare dalle Edizioni Brenner l'unica opera all'epoca esistente sulla storia di...
Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 1,1-4. 4,14-21 1 Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che...
A seguito di un sopralluogo sulla strada provinciale 263, detta delle saline, ricadente nel territorio del Comune di Lungro, l’assessore...
A PARTIRE DA LUNEDI 24 GENNAIO PROSSIMO LA POPOLAZIONE SCOLASTICA TORNA IN CLASSE. DI CONCERTO CON I DIRIGENTI DELLE SCUOLE DI...
(Foto: Antonino Fonsi) Quest’anno la qualità dell’olio è molto alta, eppure la scarsa resa, gli aumenti dei costi e il...

Please publish modules in offcanvas position.