Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

I romani non erano fascisti, anzi ...

unnamed.jpgI Romani non erano fascisti. Purtroppo ancora oggi c’è gente che li identifica con le patetiche macchiette divulgate dalla storiografia del ventennio, Dio patria e famiglia e via a conquistare il mondo a forza perché siamo una razza superiore. No. Roma era un civiltà complicata, multirazziale e sofisticatissima. Roma era una città fondata fin dall’origine sull’accoglienza delle genti, e i romani erano curiosi verso il nuovo, tanto è vero che accettarono culti, abitudini e persone provenienti da ogni angolo del mondo allora conosciuto, mediando moltissimo su tradizioni e regole. Di gran parte delle sparate ideologiche di Mussolini avrebbero abbondantemente riso, e del resto se lui è durato vent’anni e loro millenni un motivo ci sarà.

I Romani non amavano la guerra. La facevano quando ritenevano che servisse, altimenti non avevano nessun problema a pagare per ottenere la pace e a stringere accordi. Erano duttili, e non necessariamente pensavano che la forza fosse la migliore soluzione. Le legioni erano formate da professionisti, non da violenti che passavano la vita a menare le mani per divertimento. E il cuore dell’esercito romano era il genio militare, che spesso costruiva ponti e insediamenti e serviva in pace.

I romani non erano crudeli, o almeno non più degli altri popoli contemporanei. Gestire un impero non è un lavoro per mammolette e il mondo antico era duro e spietato, ma di norma i violenti e i sadici non erano particolarmente amati o rispettati, e il diritto romano aveva una chiara percezione dei limiti di crudeltà e di arbitrio. Erano gente pratica, e sapevano che alla fine la violenza gratuita è un cattivo affare.

roma-sesso.jpgI Romani non erano “machi” secondo i nostri standard sessuali. Ne avevano semplicemente altri. Alcuni tabù della nostra civiltà occidentale gli erano ignoti e pertanto la sessualità era praticata in modo diverso. Non avrebbero capito lo scandalo che alcune cose provocano in noi, come i rapporti con ragazzini e ragazzine molto giovani. Ma non avrebbero nemmeno capito molta delle nostra omofobia. I rapporti omosessuali non erano stigmatizzati, al massimo il cittadino romano non doveva avere un ruolo passivo nel rapporto. Ma poi, sostanzialmente, erano fatti suoi e rischiava tutt’al più qualche battutaccia. Lesbiche, travestiti e qualsiasi altra scelta erano semplicemente possibili declinazioni del tutto, e nessuno si scandalizzava più di tanto.

I romani erano ipocriti. Quando gli serviva. Soprattutto in politica. Si rimangiavano, come tutti, le parole date e cambiavano termini e condizioni a proprio vantaggio. I grandi ideali di onore e virtù erano slogan comodi da citare alla bisogna, ma poi erano lì per gestire il potere e lo facevano più o meno bene. Non erano miti, erano semplici esseri umani.

I romani erano pratici. Adoravano risolvere problemi e cercare soluzioni. Spesso non capivano le sottigliezze anche se ne erano affascinati. Ma dopo un po’ si scocciavano e tagliavano dritto. Del resto quella roba del nodo di Gordio l’aveva inventata Alessandro ma loro l’hanno applicata benissimo.

I romani non amavano forse l’ordine, ma odiavano le rotture di c0gli0n*. Per gestire una città e un impero un minimo di regole si devono garantire, e i fanatici di ogni tipo non erano amati. Le persecuzioni per i romani non sono religiose, sono semplicemente una questione di ordine pubblico. Venera chi ti pare ma non turbare la pubblica quiete e il mondo come l’ho disposto io.

I romani erano pitignosi. Sono il popolo che ha inventato il diritto, e tendevano a normare tutto con incredibile pignoleria. Chi li dipinge come simpatici scassamondo non ha capito una cippa di loro, del resto sono quelli che definiscono gli Americani di oggi “ingenui”, e non ha mai letto un contratto USA.

I romani erano comunque mediterranei, il che vuol dire che poi il gusto per la battuta, il saper godersi la vita e financo un po’ di sano stic@zzi lo praticavano con sommo piacere.

I romani erano “altro” da noi. Possono essere i nostri fratelli maggiori ma bisogna sempre rendersi conto che fra noi e loro c’è una distanza, alle volte siderale. Ci sarà sempre un leggero scivolamento che ci sfugge, anche se lo intuiamo. Del resto, è difficile capirsi con genitori e nonni, figuriamoci con gente che è vissuta duemila e passa anni fa.

Mariangela VAGLIO

da: Il mondo di Galatea

Ultime Notizie

Si terrà il prossimo 20 Settembre, con inizio alle ore 17.30, presso l'oasi naturalistica del parco del Monte di Cassano...
Tullio Pironti (nella foto) uno dei più celebri editori italiani ci ha lasciati, vogliamo ricordarlo a tutti i lettori...
La Commissione elettorale comunale, riunitasi nel salone di rappresentanza del Palazzo di Città, sotto la presidenza del vice sindaco Antonino...
Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 9,30-37 30 E usciti di là, attraversavano la Galilea; e non voleva che alcuno...
"Le previsioni presenti in questo sito non vogliono istigare al gioco del lotto, chi lo fa si assume tutte le responsabilità...

Please publish modules in offcanvas position.