Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

IL COMPAGNO VIRUS

Uebersicht_Fangspiele.jpgQuando le dicevo io certe cose mi si rideva in faccia.

Tutti mi consideravano un idealista di sinistra, che la sinistra non esisteva più, che le categorie destra e sinistra non avevano più senso, per poi confondere con quest'ultima categorie e forze politiche che non vi avevano nulla a che fare; tutto è sinistra,niente è sinistra.

Oggi i fatti mi danno ragione, danno ragione a tutte quelle compagne e quei compagni, derisi, sbeffeggiati e inascoltati che sono rimasti in trincea dentro a ciò che è rimasto dei partiti politici e al di fuori di essi nella società, per denunciare le follie neoliberiste del partito unico perpetrate negli ultimi 25/30'anni, e dando torto al resto del mondo.

Il compagno Virus ci sta costringendo a fermare la forza centrifuga dell'individualismo egoista, del consumismo sfrenato al costo di indebitare le famiglie, dello sfruttamento indiavolato del pianeta, dello stupro a cui abbiamo sottoposto la natura e il nostro pianeta.

In pochi si sono arricchiti, l’1% della popolazione mondiale, per il resto illusioni, impoverimento, precarietà, indigenza, sfruttamento.

Abbiamo tollerato tutto, potere politico, religioso e imprenditoriale corrotto e noi stessi corruttori, siamo stati complici di tutto, abbiamo consentito il trionfo della diseguaglianza, dell'ingiustizia sociale, dell'intolleranza, della xenofobia.

Abbiamo sotterrato i valori di Uguaglianza, di Solidarietà, di Libertà, di Fratellanza e ci siamo prostrati ai piedi del totem del liberismo, dell'avidità, della guerra, delle mafie, di un capitalismo senza freni, illudendoci che il mercato avrebbe arricchito tutti e abbiamo mandato al macero decenni di lotte e di conquiste, decenni di lotte politiche operaie e studentesche di lacrime e sangue che sono partite dalla RESISTENZA, dalla nostra COSTITUZIONE, dal sacrificio di innumerevoli vite che si sono sacrificate per la nostra libertà e per la Democrazia, quella DEMOCRAZIA alla quale tanti di noi oggi vorrebbero rinunciare per tornare all'uomo della provvidenza e dei pieni poteri o tutt'al più a una democrazia illiberale in mano a ristrette oligarchie assolutiste; si la nostra coscienza sporca ci ha impedito di riconoscere le cause del nostro decadimento sociale, economico e culturale e abbiamo liberato i nostri istinti bestiali dell'odio, della fobia, della ricerca del nemico che abbiamo intravisto nei poveri, negli ultimi,nei diseredati, negli umili, nei migranti, nei diversi, accecati e rancorosi non ci siamo accorti che noi stessi siamo stati la causa dei nostri mali della nostra regressione e impoverimento materiale e spirituale, a causa nostra, del nostro disimpegno, della nostra sopravvenuta superficialità, del nostro effimero benessere tutto firma, agi, viaggi, menefreghismo, abbiamo perso di vista la vera essenza della vita e la nostra anima.

Il compagno virus ha fermato il mondo, ha reso palesi tutte le regressioni della nostra organizzazione sociale e le deviazioni amorali del nostro modo di vivere, noi persi nella nostra modernità perversa abbiamo incoraggiato la politica a fare questo.

Il nostro DIRITTO DI CITTADINANZA E LA NOSTRA CIVILTÀ DEL LAVORO SANCITI DALLA COSTITUZIONE, sono stati massacrati con il nostro consenso e mentre la nave affondava, noi abbiamo continuato a suonare e a ballare sul Titanic, compiaciuti della nostra mediocre pochezza.

Il compagno virus ci ha isolato nelle nostre case, fermato le nostre attività, ci ha costretto a fermarci, a pensare, a riflettere; nel frattempo il Pianeta ha ripreso a respirare nella sua personale TERAPIA INTENSIVA, dopo le urla di aiuto che ci ha lanciato invano.

O CAMBIAMO O MORIAMO, È GIUNTO IL TEMPO DELLA RISCOSSA, DI RIPENSARE LE NOSTRE VITE, DI RISCOPRIRE I VALORI CHE ABBIAMO PERSO, DI TORNARE A SPERARE CHE POSSIAMO ESSERE TUTTI PIÙ FELICI RINUNCIANDO AL SUPERFLUO E ALL'EGOISMO.

Un NUOVO UMANESIMO SARÀ LA NOSTRA SALVEZZA, METTERE AL CENTRO L'UOMO E I SUOI BISOGNI LA NOSTRA VIA D'USCITA, LA COESIONE E L'UNITÀ LE NOSTRE ARMI PER USCIRNE FUORI, L'AMORE LA NOSTRA ARMA PIÙ FORMIDABILE.

CI RIUSCIREMO?

SCARPE ROTTE EPPUR BISOGNA ANDAR.

Giuseppe Carrozza

Ultime Notizie

Oggi mi piace ricordare, nell’anniversario della sua morte, una donna di straordinarie qualità innamorata della musica di un grande compositore.
In una comunicazione diretta al neo commissario straordinario dell'azienda sanitaria provinciale di Cosenza Vincenzo La Regina, il portavoce del comitato...
Apprendiamo compiaciuti che il Comune di Cassano si appresta a chiedere al Ministero degli Interni ben 14 Mio di Euro...
Ricordo oggi, nell'anniversario della sua nascita, un musicista che a me piace definire "elegante", la sua musica è come una...
Riceviamo e pubblichiamo l'accorato appello dell'artista Ercolino Ferraina, cittadino della terza città calabrese, al proprio sindaco. Leggendo si arguisce un...

Please publish modules in offcanvas position.