Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Sibaritide. Siamo tutti mafiosi?

mafia_vignetta.jpgLa recrudescenza di atti criminosi nella sibaritide sembra non scalfire più le coscienze, si continua a vivere in una specie di limbo ovattato come se tutto quello che accade ad altri non si ripercuota poi anche sulla nostra esistenza. "Discorsi vecchi, triti e ritriti", qualcuno potrebbe opinare; ma questo ciclo continuo non ha fine perché un po' tutti, chi più chi meno in fondo, siamo "mafiosi" o forse é meglio dire sopportiamo e talvolta scopiazziamo un comportamento "para-mafioso". Magari ci si scandalizzerà, ma se riflettiamo un attimo sull'agire comune di ognuno, si arriva a comprendere: quante volte per ottenere qualcosa prima degli altri  abbiamo approfittato dell'amico o del conoscente importante, quante volte abbiamo fatto ricorso al "compare", allo "zio dello zio" per avere qualcosa che comunque ci spetterebbe, ma che senza la parolina magica: "mi manda Picone" non saremmo riusciti ad avere o comunque molto tardi? Questo modo di agire come lo vogliamo chiamare se non "comportamento mafioso"? Fin quando un qualsiasi pubblico impiego non sarà più un piccolo o grande centro di potere, la Calabria, e forse l'Italia intera, non uscirà dal vortice del malaffare in cui poi sguazza la criminalità organizzata, quella pesante, quella che fa pagare, a volte col sangue, lo "sgarro" o la ribellione di pochissimi.

La nota che pubblichiamo dell'avv. Amerigo Minnicelli della vicina Cor-Sano prende spunto da un ulteriore atto criminoso-vandalico ai danni di uno stimato professionista, allo sconforto segue una disamina triste e comprensibile della miserrima situazione generale in cui versa il comprensorio dell'arco ionico cosentino. (la redazione)

6 Brevi pensieri in libertà di Amerigo Minnicelli

1-Mi associo al raccapriccio per la notizia del brutale ma assai ricorrente rituale delinquenziale di bruciare qualcosa che appartiene ad una vittima designata: in questo caso il Collega Osvaldo Romanelli. A lui dirigo, in segno di solidarietà, la mia assoluta indignazione e quella dei tanti cittadini che conosco e che vivono in questa Città purtroppo sottostimata nelle sue legittime aspirazioni, dai suoi stessi Amministratori.

2-Infatti è incredibile che si sopporti con indifferenza questo (come altri) gravissimi e ricorrenti fatti (anche di sangue) di stampo mafioso, senza adeguate risposte e analisi e senza contare che ciò avviene nel territorio del II° Collegio Senatoriale e nel V° Collegio Camerale della Regione.

3-Non dimenticheremo, inoltre, che un cricca di manigoldi vestiti da politici, in un triste giorno d’agosto, quando solitamente sono in servizio solo i ladri d'appartamento, ha tolto il Tribunale a questo stesso territorio consegnandolo di fatto alla mafia e alla disperazione degli “utenti”, per accorparlo in un altrove ridossato autostradale di cui nessuno sente mai parlare, come piace alla mafia.

4-Tuttora quel Presidio non torna indietro per la resistenza tenace di una specie di ex sodali tipo quelli descritti e individuati dal dr. Palamara nel suo ormai famoso “Codice” anche se non c’è giornale o talk che ne voglia parlare fino in fondo.

5-Qui, comunque, da buoni mafiosi, tutti tacciono e c’è solo “ù virùs” che imperversa sulle rovine della sanità calabrese così come sui muri di cinta del nuovo Ospedale … la cui costruzione, ad Insiti, fu varata nell’anno 2006 come ultimo atto testamentario di un’Azienda Sanitaria maggiore e più vasta di tutte le altre e, a dire di molti, anche la più efficiente della Provincia di Cosenza.

6-Cosa aspetta, ci chiediamo, il Presidente dell’Assemblea dei Comuni della Provincia che è anche il nostro Sindaco a convocarsi d’urgenza con un adeguato ODG?

Ultime Notizie

Domani a Villapiana il web tour di “Giro dell’Italia: Centro Mobile di sostegno e supporto per le vittime di bullismo...
E’ da tanto che non pubblichiamo poesie. No, non siamo insensibili all’emozione provocata dalle parole, ma oggi c’è addirittura un’invasione...
(foto: nuovo tracciato in rosso, immagini ingrandite in coda alla presente nota) Ho partecipato alla presentazione dell'ipotesi di tracciato del...
La Giunta Comunale, riunitasi sotto la presidenza del sindaco Gianni Papasso, assistita dal segretario generale Ciriaco Di Talia, in ossequio...
Il re è nudo

Il re è nudo

14.04.2021
Si è sempre sostenuto che i danni maggiori per la città delle diverse sindacature Papasso, piuttosto che da ricercare nelle...

Please publish modules in offcanvas position.