Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Cassano. Una ex-collaboratrice del sindaco spara a zero

panorama cassano.JPGDa alcuni giorni circola sul web una Lettera Aperta indirizzata al sindaco di Cassano Jonio dalla dott.ssa Eleonora Gitto, incaricata a suo tempo in qualità di responsabile dei siti istituzionali del comune, dalla quale apprendiamo che non le è stato più rinnovato il contratto e che il comune ha lanciato un bando per dare l’incarico ad altro professionista. Ma dalla lettera emergono ben altre situazioni a dir poco allarmanti, si evince che il clima all’interno del palazzo è tipico dei regimi tirannici, dove tutti si danno da fare per non “urtare” la sensibilità (sic) del feudatario. Non riportiamo il testo della lettera perché l’abbiamo ricevuta non in modo ufficiale, ma garantiamo che nelle 12 pagine abbiamo riscontrato diversi elementi per avviare un discorso serio (e forse non solo un discorso) su come viene condotta l’attività all’interno del palazzo. A proposito, poi, del bando che è stato pubblicato sull’albo pretorio per scegliere un nuovo professionista al posto delle defenestrata Gitto, è giunto in redazione un comunicato del giornalista Pasquale Golia, che fa rimarcare come la procedura sia scorretta non avendo tenuto conto della deontologia professionale - come previsto nel regolamento dell’Ordine - dei giornalisti che non possono lavorare contemporaneamente per un ente pubblico e per un organo di stampa libero e indipendente.

In allegato pubblichiamo il comunicato di Pasquale Golia.

Non abbiamo molti dubbi sulla veridicità delle affermazioni della dott.ssa Gitto riguardo ai comportamenti diciamo “irriguardosi”, giusto per usare un eufemismo, nei suoi confronti da parte del “barone” e dei suoi “vassalli, valvassori e valvassini”, conosciamo da anni il “modus operandi” del soggetto in questione.

Giusto per chiarire meglio il concetto citiamo un interessante parallelismo tra sindaco e barone pescato sul web.

“Il rapporto storico re-vassalli vari ci ricorda in un certo qual modo il rapporto sindaco-consiglieri comunali. Cioè c’è il Re-Sindaco che concede il feudo-delega agli uomini di sua fiducia e cioè agli assessori-vassalli. Ora a differenza del medio evo in cui i valvassori erano dipendenti dei vassalli e i valvassini dai valvassori, nel nostro confronto troviamo come i valvassori siano i consiglieri con delega. Il feudo-delega può essere di vari tipi, ma non ha importanza, in quanto è solo un modo per elevare di “rango” il consigliere il quale eserciterà il “suo” potere sul suo territorio in maniera piena”.

A dire il vero a Cassano gli assessori-vassalli non esercitano per niente il “pieno potere” perché sono tenuti solidamente al guinzaglio e fanno e dicono solo quello che viene loro indicato. Dopo le affermazioni di Eleonora Gitto, difficilmente confutabili, ci aspettiamo la solita replica che “i servi della gleba” accetteranno sicuramente e così, a meno che non seguano strascichi di tipo giudiziario, la cosa finirà quì.

Quel che appare strano, se non addirittura comico, è che il modo di agire da padre padrone del sindaco descritto dalla Gitto, ricalca pari pari quel che pensava e scriveva Papasso circa 30 anni fa dell’allora sindaco sen. Frasca, recentemente deceduto e al quale si vuole dedicare una piazza. Leggete il volantino che ci è stato inviato, roba da farsa grottesca:

Non crediamo ci sia bisogno di ulteriori chiarimenti.

A.M.Cavallaro

 

 

 

 

Ultime Notizie

“Prendersi cura: una risposta alla domanda di sollievo”. Sarà il filo conduttore in occasione della XXI Giornata Mondiale Nazionale del...
(foto: il magnifico organo a canne della Basilica di San Giuliano a Castrovillari) E' con questo titolo che è stato...
Della problematica dei bambini con potenzialità cognitive superiori alla media, dovevamo occuparci qualche tempo fa, poi un po' per la...
"Al sig. Sindaco della benemerenza, “Per il servizio reso alla Città di Cassano all’Ionio ed alla sua comunità; per aver promosso...
Ho ricevuto per email da un'amica americana il messaggio che segue con l'annessa fotografia. Forse qualcuno ha già sentito o...

Please publish modules in offcanvas position.