Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

La storia di profughi dovrebbe insegnare

Enea e Didone.jpgStorie di profughi: Enea, Giunone e Salvini

Il libro primo dell'Eneide si apre con Giunone incazzata a morte. Per evitare che la città che ama di più al mondo, ovvero Cartagine, possa un giorno perdere il suo benessere economico, vuole impedire a tutti i costi che i profughi troiani al comando di Enea possano raggiungere le coste del Lazio.

Contro questi pulciosi immigrati ha già provato di tutto: grazie alla sua influenza (è la regina degli dei, mica cotica!) ha fatto in modo che non trovassero asilo in nessuna terra civile. Ma quelli, testardi come zecche, rimangono vivi, e in mare.

Giunone se ne duole, e se ne lagna. Si lamenta assai perché Atena (la solita raccomandata, in quanto figlia primogenita e prediletta del marito Zeus) ha potuto fulminare le navi di Aiace, mentre a lei il fato nega questa soddisfazione, perché il principe Enea è destinato ad un glorioso destino. Ma mica si arrende, eh. Va da Eolo, il dio dei venti, e lo intorta: se la aiuterà a scatenare una bella tempesta che finalmente affondi le navi troiane, lei gli darà in moglie una delle sue ninfe, la più bella. Giunone, quanto le serve qualcosa, è disposta a tutto, anche a fare la mezzana.

Eolo si presta, perché una bella ninfa è sempre una bella ninfa, e Giunone non è una dea che si possa scontentare senza conseguenze. Per cui scatena la tempesta, che cala come notte sopra il mare infinito.

I Troiani però ancora una volta ce la fanno. A dispetto di Giunone, a dispetto di tutto. E la regina degli dei, per quanto potente e subdola, alla lunga è destinata ad essere sconfitta.

L'Eneide ha più di duemila anni. E in questi duemila anni non c'è un lettore, uno solo, che non abbia considerato Giunone una grandissima stronza e non abbia tifato per i poveri Troiani, senza patria, senza aiuto, sballottati in mare e in costante pericolo di morte. Nessuno ha mai dubitato che avessero ragione loro, e diritto di trovare accoglienza e supporto in una nuova terra, per ricostruirsi una vita in un luogo sicuro e migliore.

Nessuno. In duemila anni.

Pensateci, ogni volta che ascoltate un proclama di Salvini.

Mariangela Vaglio alias Galatea

Ultime Notizie

Lc 10,38-42 - XVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO In quel tempo,mentre Gesù e i suoi discepoli erano in cammino, entrò in...
Luciano De Crescenzo ci ha lasciati vogliamo collaborare alla sua conoscenza proponendo ai lettori la sua biografia: Un ingegnere filosofo,...
La democrazia è ferocemente oppressiva delle minoranze; essa le obbliga a subire, dolorosamente, scelte che non condividono. Anche la minoranza dei...
Nel centro nautico ripartono gli eventi estivi - La programmazione curata dall’Associazione “Laghi di Sibari” Si ricomincia. Ai Laghi di Sibari...
Fine settimana dedicato all’enologia a Vaccarizzo Albanese dove si terrà il 15’ Concorso dei Vini Arbereshe. Promuovere la qualità del...

Please publish modules in offcanvas position.