Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Lauropoli. Progetto del CRESESM per l'ambiente

Filardi geom Franco.jpgNell’ambito del Centro di Ricerche e Studi Economici e Sociali per il Mezzogiorno, con sede a Lauropoli (CS) si è costituito un “gruppo di studio” per la mappatura, il recupero, la valorizzazione e la tutela del patrimonio ambientale, paesaggistico, agricolo, forestale, pastorale e agrituristico della località Tre Piani di Lauropoli.

In occasione della Giornata mondiale dell’ambiente il geometra Franco Filardi chiarisce alcuni aspetti per la valorizzazione della collina Tre Piani di Lauropoli (CS)

La località è una delle più belle e panoramiche della piana di Sibari: si può spaziare da Corigliano Rossano fino a Trebisacce ed altre località marine dell’Alto Jonio cosentino. Al gruppo hanno aderito tecnici, agronomi, proprietari ed amanti del bello e della natura.

Per saperne di più e conoscere alcune specificità di tale località, abbiamo avvicinato il geometra Franco Filardi (nella foto) che ben volentieri ha risposto ad alcune domande.

<L’intero comparto -esplicita Filardi- può essere fruito da tutti i cittadini residenti e non del comune di Cassano per ammirare il paesaggio sottostante, con vista mozzafiato sul Mare Jonio che brilla e si riflette nell’area, all’alba, e la fauna esistente che scorazza libera in un abitat ancora incontaminato e le flora mediterranea che nasce spontanea oltre all’esigua pineta con esemplari imponenti, alla mercé di autori di incendi dolosi”.

La collina dei Tre Piani, che si sviluppa appunto su tre livelli, può avere un futuro progettuale di rilevanza generale?

<Certamente -chiarisce Filardi- non solo per gli eventuali proprietari ma per le numerose persone vedendo riqualificata un’area importante del proprio territorio ne saranno fieri e contenti, la comunità potrà godere delle bellezze paesaggistiche, col conseguente ripristino del Vallone di Francischiello e delle varie sorgive d’acqua che esistono e abbandonate da tempo>.

La superficie dei terreni, sui vari livelli a quanto ammonta, all’incirca?

<Sul primo livello la superficie, salendo dal vallone di Francischiello, ammonterebbe a circa seicento e otto ettari, coltivati con colture specializzate e intensive, come agrumeti, pescheti, uliveti, seminativi; per il secondo livello la superficie ammonterebbe a circa 346 ettari, impiantati ad uliveti ed altri seminativi, mentre il terzo coprirebbe una superficie di circa 158ettari, impiantati con uliveti, seminativi e pascoli>.

A proposito di ambiente naturale e paesaggio, nonché di flora e fauna cosa si può evidenziare?

<Il recupero dei terreni incolti e le poche abitazioni rurali presenti su tale territorio, bisognerebbe trasformarli in agriturismi, in veri e propri attrattori turistici, per gli appassionati della natura e del paesaggio incontaminato>.

<Per quanto concerne il paesaggio circostante, bisognerebbe riqualificare la pineta esistente da anni, incrementarla con nuova piantagione nella parte sud che si affaccia sulla Piana di Sibari ed essere tutelata e protetta con interventi di manutenzione continua da parte degli enti preposti alla salvaguardia del patrimonio boschivo: creare -ad esempio- una zona di sosta da destinare ad area pic-nin e sentieri naturalistici per essere fruiti non solo dall’intera comunità locale ma anche e -forse soprattutto- dagli amanti della media collina e degli escursionisti professionisti>.

Ed ora andiamo sul concreto. Per poter valorizzare e tutelare il comparto agricolo-forestale e agroturistico, quali sono le priorità da affrontare sia da parte dei privati sia dall’intervento pubblico?

<In primis realizzare una strada decente, creare un bacino idrografico per la raccolta e distribuzione delle acque per irrigare e potenziare la produzione delle colture esistenti, promuovendo interesse e attrazione per giovani imprenditori e creare attività agrituristiche per un turismo sostenibile ed efficace per il sviluppo complessivo della collina>.

Concludendo, le possibilità di uno sviluppo integrato e sostenibile che darebbe buoni risultati sia sul piano dele recupero e della valorizzazione del sito, potrebbe essere un buon volano per lo sviluppo economico.

Lauropoli, 06 giugno 2022

                                                                 L’ufficio stampa

                                                          Centro studi CRESESM

Ultime Notizie

“Ennesimo capolavoro del centrodestra in Calabria. Dopo il dietrofront sul consigliere supplente, quello sull’ “epocale” finanziamento della ss106, a distanza...
Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 3,1-121In quei giorni venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea 2dicendo:...
Si è concluso con una sentenza di assoluzione con la formula “perché il fatto non sussiste” il procedimento penale a...
Rinviato lo scorso mese di novembre a causa delle avverse condizioni atmosferiche, è in programma domenica 4 dicembre, presso la...
Toccare i reperti dell’antica Sybaris per superare i limiti percettivi imposti dalle disabilità e viaggiare nella storia esplorando il mondo...

Please publish modules in offcanvas position.