Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Parlamentari del M5S per SYBARIS patrimonio UNESCO

museoPubblichiamo di seguito due comunicati giunti in redazione della sen.ce Silvana ABATE e dell'on. Francesco FORCINITI del M5S, ambedue inerenti i 3 Mio di Euro stanziati dal governo per l'area museale di Sibari. Questi 3 si aggiungono ai 50 e passa spesi negli ultimi 30 anni (sic). E si, lo stupore è d'obbligo.

La recente proposta lanciata dal sindaco di Cassano e ripresa poi da altri politici, di far diventare l'area archeologica sibarita patrimonio dell'Unesco, è affascinante per chiunque, figuratevi per chi, da circa 40 anni (da quando il Museo era allocato in una struttura del Consorzio a Sibari Centro) accompagna appassionati e turisti nella visita alla struttura museale.

Non ci dilunghiamo, ma vorremmo ricordare a chi di competenza che nel Museo da due anni non funziona il condizionamento, visitarlo significa fare la sauna d'estate e finire raffreddati d'inverno, ci auguriamo che di  questi 3 milioni, qualche "spicciolo" venga impiegato per provvedere al problema. Il numero dei visitatori negli ultimi anni è diminuito drasticamente e non solo per la pandemia, chissà perché!  Riflettere ed agire. (La redazione)

Comunicato

Ho aspettato la notizia del nuovo stanziamento dell’importo di tre milioni di euro da parte del Ministero dei Beni Culturali per confermare la mia massima attenzione sul futuro del Parco e del Museo archeologico della Sibaritide e, contestualmente, annunciare il mio sostegno e perorare la causa affinché l’area archeologica di Sibari diventi patrimonio dell’Unesco

Non è un caso che nei mesi scorsi il Consiglio dei Ministri del Governo a trazione M5S, aveva approvato il regolamento che provvede alla riorganizzazione dello stesso Ministero e degli uffici di diretta collaborazione del ministero. Il testo, tra le altre cose, a livello di territorio e di uffici periferici, sanciva l’autonomia per il Museo e Parco Archeologico Nazionale della Sibaritide di Cassano all'Ionio (Cosenza). Con questi tre milioni, annunciati dalla sottosegretaria pentastellata Anna Laura Orrico,si andranno a potenziare i sistemi di drenaggio del sito, tutelare e valorizzare i reperti attualmente depositati all’esterno del museo, avviare altri interventi di conservazione e restauro, completare le recinzioni esterne, migliorare l’accessibilità e l’illuminazione, installare un adeguato impianto di videosorveglianza, creare aree dedicate alla didattica.

Sin dall’inizio del mio mandato ho posto massima attenzione sulle sorti del Parco e del Museo di Sibari. Una delle prime visite istituzionali che ho fatto era stata proprio quella fatta con la collega senatrice del Movimento 5 Stelle, l’archeologa Margherita Corrado, al sito magnogreco per capire quali fossero i problemi che da sempre lo attanagliano. Negli ultimi anni, infatti, l’area ha subito due grandi allagamenti di cui uno di proporzioni gigantesche che mise a repentaglio la sopravvivenza stessa dei beni culturali in essa contenuti. C’eravamo mosse proprio per evitare che il problema si ripresentasse visto che parliamo di uno dei due maggiori siti culturali (insieme a Paestum) del Sud Italia e del Mondo.

La decisione odierna del Governo è un altro passaggio importante verso l’autonomia della struttura e verso lo sviluppo di tutta l’area che si basa, in modo imprescindibile, sulla Cultura. È per questo motivo che ho deciso anche io di sposare il progetto di candidare il Parco e il Museo archeologico di Sibari a patrimonio dell’Unesco. Un modo per far sì che l’antica Sybaris, una delle più importanti poleis della Magna Grecia fondata nel 720 a.C., torni ad avere la centralità e l’importanza che ha sempre avuto sin dagli albori della Storia.

Roma, 6 agosto 2020

Senatrice Rosa Silvana Abate

Capogruppo M5S in Commissione “Questioni Regionali”

Comunicato

ROMA, 6 AGO 2020 – MIBACT, Regione Calabria ed enti comunali lavorino congiuntamente per realizzare il “Il Grande Progetto Sibari”, come già attuato a Pompei. Bene lo stanziamento dei 3 milioni di euro da parte del MIBACT, per la tutela e la valorizzazione del sito. Il governo conferma, così, dopo il riconoscimento dell’autonomia economica e gestionale del Parco archeologico di Sibari, la sua massima attenzione per uno dei più importanti simboli culturali del sud Italia.

Quasi una settimana fa, ancora, la Regione Calabria accoglieva con favore la proposta del Sindaco di Cassano di candidare Sibari a patrimonio Unesco. Ora le Istituzioni facciano un ulteriore e importante passo in avanti: un piano interregionale di valorizzazione del patrimonio culturale – turistico della Magna Grecia. Il recupero del parco archeologico di Sibari deve essere lo strumento attraverso cui realizzare un indotto economico, che vede il parco contenuto culturale per eccellenza.

Francesco Forciniti Portavoce M5S alla Camera dei Deputati

Ultime Notizie

Misura Covid Psr: pronti ad essere erogati oltre 15 milioni di euro Andranno a 990 beneficiari dei comparti lattiero, florovivaistico,...
Venerdì 27 novembre, alle ore 10.00, sarà presentato come ogni anno il Rapporto BCC Mediocrati sull’economia cosentina. Giunto alla sua sedicesima...
Il Comune di Frascineto ha istituito ufficialmente la figura del Garante per la disabilità, su proposta del Vice Sindaco con...
Dopo aver seguito il consiglio del 24 novembre 2020 del comune di Cassano all'Ionio come comitato 'La Silva' vogliamo, a...
Una notizia terribile: il Pibe de oro è morto, vogliamo ricordarlo commossi con un capitolo del I tomo della serie...

Please publish modules in offcanvas position.