Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Laghi di Sibari. Consegnata la draga ad AssoLaghi

draga1.jpeg(In coda il comunicato congiunto Comune di Cassano/Assolaghi)

Questa mattina, sabato 20 marzo, ai Laghi di Sibari, così come da convenzione precedentemente sottoscritta, è avvenuta la sospirata consegna della draga - a suo tempo acquistata con risorse regionali - all'Associazione Laghi di Sibari da parte del Comune di Cassano Ionio. Alla presenza del sindaco di Cassano Gianni Papasso, del presidente della LNI arch. Ferruccio Lione e di altri rappresentati della politica locale e dei residenti nel complesso nautico residenziale, sono state espletate le formalità di rito. Il Presidente Guaragna, firmando il documento di consegna, ha preso in carico il natante che dovrebbe essere messo in funzione al più presto.

Si attende ora che l’amministrazione comunale di Cassano provveda all’esecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria per lo spostamento di circa 20mila mc di sedimenti che occludono, al momento totalmente, la foce del canale degli Stombi; altrimenti non sarà possibile effettuare la manutenzione ordinaria con la draga, che potrà entrare in funzione appena sarà ripristinato il deflusso delle acque.

draga.jpegUna volta messa a regime la manutenzione costante si dovrebbe poter assicurare la navigabilità del canale per tutto l'anno.

I tanti appassionati di nautica, dopo la lunga attesa, speravano di poter uscire in mare aperto già per i giorni di Pasqua, ma ci si rende conto che questo non sarà possibile. La municipalità di Cassano probabilmente pensa di assicurare l’apertura del canale solo per il periodo estivo, ci sembra però che la legge regionale prescriva la navigabilità costante o almeno per buona parte dell’anno, quindi, non solo estiva.

draga 3.jpegIn ogni caso quando tutto sarà in funzione si potrà acclarare se effettivamente sarà possibile garantire la percorrenza dello Stombi per tutte le tipologie di imbarcazioni.

Deve essere chiaro che solo così “Sybaris Marine” potrà ritornare ad essere appetibile non solo per i residenti, ma anche per i navigatori stranieri. Tutti ricordano quante imbarcazioni affollavano, nei tempi passati, gli ormeggi dei cantieri, molte di provenienza anche di paesi molto lontani, tipo Svezia, Australia, Nuova Zelanda, Germania, Belgio, che con la loro presenza permettevano a molte attività commerciali e di accoglienza di lavorare serenamente. La sezione della locale Lega Navale Italiana, con il presidente arch. Ferruccio Lione, ha assicurato, come da sempre, all'AssoLaghi il supporto tecnico amministrativo riguardante le formalità necessarie.

Quello di oggi rappresenta solo il primo passo verso una piena e continua fruizione del complesso nautico più grande del Mediterraneo. Chi vivrà vedrà.

Michele Sanpietro

 

Il Comune di Cassano All’Ionio ha formalmente consegnato il pontone galleggiante con la benna dragante all’Associazione Laghi di Sibari.

Il responsabile dell’Area Tecnica dell’Ente sibarita, l’ingegnere Luigi Serra-Cassano, e il Presidente Luigi Guaragna hanno sottoscritto il passaggio della strumentazione stamattina nel corso di una cerimonia che si è tenuta nelle aree gestite dai Cantieri nautici dei Laghi di Sibari. Ai lavori hanno partecipato, il sindaco Gianni Papasso, il presidente di AssoLaghi Luigi Guaragna, il consigliere di maggioranza Antonio Strigaro, quello di minoranza Sofia Maimone, i tecnici del comune, l’ingegnere Luigi Serra Cassano e il dottor Mauro Stellato, responsabile dell’ufficio Patrimonio, il rappresentante comunale nel consiglio di AssoLaghi Leonardo Iannicelli, oltre agli altri membri del comitato direttivo dei Laghi e i rappresentanti dei residenti e dei diportisti del complesso nautico, fiore all’occhiello di tutta la Sibaritide.

Il pontone galleggiante con la benna dragante, di proprietà comunale, passa così in comodato a uso gratuito, all’associazione Laghi di Sibari, che ha accettato tutte le attrezzature che la compongono, secondo quanto già stabilito dal Contratto, firmato il mese scorso in Comune, che sanciva l’esecuzione della convenzione, già licenziata nell’ottobre del 2019 dalla civica assise cassanese, con la quale si definiva la consegna del pontone dragante che dovrà assicurare, mediante il disinsabbiamento della foce, la navigabilità del Canale Stombi e, di conseguenza, la circolazione dei natanti da e per il centro nautico dei Laghi di Sibari.

La consegna avvenuta stamane segue di poche ore una riunione che si era tenuta nella Sala del Consiglio Comunale dell’Ente cassanese dove i sopracitati rappresentanti di Comune e AssoLaghi avevano incontrato i delegati dell’Arpacal per accordarsi sui lavori di disinsabbiamento del Canale degli Stombi. La messa in opera del pontone dragante servirà, infatti, proprio a questo ma, essendo il cono di atterraggio dello Stombi completamente insabbiato, prima di poterla mettere in funzione, sarà necessario che una grossa parte di accumulo sabbioso venga rimosso con mezzi meccanici. I lavori di disinsabbiamento dovranno essere eseguiti secondo quanto previsto dall’autorizzazione VINCA rilasciata dalla Regione Calabria e, secondo la quale, il progetto dovrà essere concordato proprio con l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Calabria. Secondo quanto previsto dal decreto, infatti, dovrà essere definito il monitoraggio delle componenti ambientali prese in considerazione nel progetto avendo particolare attenzione anche della flora e della fauna marina visto che sui fondali dello Stombi sono stati rinvenuti dei fasci di Posidonia oceanica e considerati anche i periodi di massima sensibilità per le specie ittiche autoctone. Sempre con Arpacal andrà concordato l’eventuale monitoraggio di alghe potenzialmente tossiche (Ostreopsis ovata) che potrebbero formarsi in conseguenza di una minore mobilità dovuta ad un peggioramento delle acque costiere e della balneazione, determinando problemi sia all’habitat marino che alla salute umana. Nell’incontro di giovedì, quindi, si è raggiunto un sostanziale accordo tra le parti per il monitoraggio di Arpacal e nel corso della prossima settimana il Comune di Cassano All’Ionio dovrà, quindi, incaricare formalmente i tecnici e approvare il progetto esecutivo dei lavori di disinsabbiamento. Il Sindaco Gianni Papasso, nel corso di un altro incontro che si era tenuto in Comune a febbraio aveva ribadito che, se non ci saranno ulteriori problemi burocratici, il Canale degli Stombi potrebbe essere riaperto alla navigazione già nella seconda parte del mese di aprile.

20/03/21 - Comune di Cassano All’Ionio e Associazione Laghi di Sibari

Ultime Notizie

"Le previsioni presenti in questo sito non vogliono istigare al gioco del lotto, chi lo fa si assume tutte le responsabilità...
Il 14 ottobre scorso il noto giornale online "Iacchité" che ha sede in Cosenza, ha pubblicato un articolo contenente pesanti...
Il 10 ottobre nella Basilica di San Pietro in Roma, il Santo Padre Francesco ha celebrato la Santa Messa per...
Al Salone del Libro di Torino, Cassano è presente con l'editore Giovanni Spedicati titolare de "La Mongolfiera". Spulciando tra gli...
Nella nostra rubrichetta di musica oggi ci occupiamo di un personaggio del XX sec. che ha influenzato il pensiero filosofico...

Please publish modules in offcanvas position.