Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

3 giovani s'incollano alla Primavera di Botticelli per protesta

mani incollate.jpg“L’arte da sempre ha avuto un ruolo importante nel trasmettere messaggi, perché è compito dell’arte farsi veicolo di significati forti, di realtà che non vogliono essere viste. Ora dovrebbe ancora essere così. Al giorno d’oggi è possibile vedere una primavera bella come questa? Incendi, crisi alimentare e siccità lo rendono sempre più difficile. Abbiamo deciso di usare l’arte per trasmettere un messaggio d’allarme: stiamo andando verso un collasso ecoclimatico e sociale. Dobbiamo agire ora e dobbiamo farlo insieme. Quante opere d’arte potranno esserci in un futuro devastato?”. Con questo post, condiviso sul proprio profilo Instagram, gli attivisti di Ultima Generazione hanno condiviso il video dell’azione compiuta questa mattina agli Uffizi di Firenze: tre giovani intorno alle 10:30 hanno fatto ingresso al museo e, recandosi nella sala in cui è custodita La Primavera di Sandro Botticelli, si sono incollati con le proprie mani al vetro che protegge il dipinto. L’operazione è stata sugellata dall’esposizione di uno striscione recante la scritta “Ultima Generazione No Gas No Carbone”, andando così a inserirsi, per tipologia, nel novero delle proteste ambientaliste che nelle ultime settimane stanno vedendo protagonisti musei di tutto il mondo, tra cui la Royal Academy e la National Gallery di Londra: ovvero incollare le proprie mani alle cornici di opere famose che nella maggior parte dei casi, nei contenuti, richiamano temi legati alla natura e all’ambiente.

Che messaggio hanno voluto lanciare e che obiettivo si prefiggono, con questo gesto, gli attivisti di Ultima Generazione? Lo scopo è quello di fare pressione sul governo “affinché vengano prese scelte più coraggiose per fronteggiare il collasso climatico e sociale in atto”, attraverso una nuova stagione “di azioni all’interno dei nostri musei, dove milioni di turisti approderanno per apprezzare l’inestimabile patrimonio artistico”, sottolineano gli attivisti in una nota. “Nello stesso modo in cui difendiamo il nostro patrimonio artistico, dovremmo dedicarci alla cura e alla protezione del pianeta che condividiamo con il resto del mondo. L’arte da sempre ha avuto un valore importante nel trasmettere bellezza, nell’unire culture e nel preservare le migliori espressioni di umanità. Ora dovrebbe ancora essere così”. Con due precise richieste: “interrompere immediatamente la riapertura delle centrali a carbone dismesse e cancellare il progetto di nuove trivellazioni per la ricerca ed estrazione di gas naturale; procedere a un incremento di energia solare ed eolica. Non ci fermeremo finché il governo non le prenderà in considerazione”.

I tre autori del gesto – due donne e un uomo con un’età compresa tra i 20 e i 29 anni – in un primo momento sono stati allontanati dai custodi del museo, e poi condotti dai Carabinieri. Sono stati denunciati per interruzione di pubblico servizio, resistenza a pubblico ufficiale, manifestazione non autorizzata e deturpamento o imbrattamento di cose. Per quanto riguarda La Primavera, gli Uffizi fanno sapere che non ha subito alcun danno.

Desirée Maida

fonte: https://www.artribune.com/

 

Sandro-Botticelli-La-Primavera-696x462.jpg

 

Ultime Notizie

“Ennesimo capolavoro del centrodestra in Calabria. Dopo il dietrofront sul consigliere supplente, quello sull’ “epocale” finanziamento della ss106, a distanza...
Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 3,1-121In quei giorni venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea 2dicendo:...
Si è concluso con una sentenza di assoluzione con la formula “perché il fatto non sussiste” il procedimento penale a...
Rinviato lo scorso mese di novembre a causa delle avverse condizioni atmosferiche, è in programma domenica 4 dicembre, presso la...
Toccare i reperti dell’antica Sybaris per superare i limiti percettivi imposti dalle disabilità e viaggiare nella storia esplorando il mondo...

Please publish modules in offcanvas position.