Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Un calabrese da ricordare: Nicola Antonio Manfroce

Manfroce.jpgSono sicuro che in pochissimi (anche tra coloro che si reputano grandi musicofili) conoscono questo sfortunato musicista calabrese nato a Palmi nel 1791 e morto come oggi, il 9 luglio del 1813 a soli 22 anni, mi riferisco al compositore Nicola Antonio Manfroce (1791-1813). Allievo di G. Tritto a Napoli e N. Zingarelli a Roma, rivelò giovanissimo doti non comuni di compositore teatrale e, nonostante l'esiguità della produzione dovuta alla sua morte precoce, è annoverabile tra le personalità musicali più originali ed interessanti del periodo pre-rossiniano. Il principe degli impresari dell'epoca, il Barbaja, gli commissionò una tragedia in tre atti, l'Ecuba. Il compositore, già minato nella salute, si mise al lavoro con grandissima lena e accanimento, tali che ne provarono fortemente il fisico; l'Ecuba venne rappresentata il 13 dicembre 1812 al teatro San Carlo di Napoli riscuotendo un successo strepitoso.

L'opera, piena di novità, colpì infatti il pubblico partenopeo e Manfroce venne salutato come uno dei maggiori talenti della propria epoca. Certa scuola musicologica che fa capo a Francesco Florimo (1800-1888), anche lui reggino, storico e critico musicale di S. Giorgio Morgeto, tende ad attribuire a Manfroce l'origine del crescendo rossiniano. La sua prima opera, Alzira, era stata rappresentata a Roma nel 1810, l'altra, Manfredi, fu rappresentata postuma a Milano nel 1816. Celebre è il ricordo affettuoso e commosso che Florimo stesso lasciò del giovane conterraneo Manfroce, scomparso appena ventiduenne: “tra i primi a studiare e a meditare accuratamente le opere dello Haydn e del Mozart che in quel tempo comparivano in Napoli sicché sarebbe stato più fortunato nel congiungere le soavi melodie della Scuola Italiana a quelle della Scuola Alemanna di quello che non furono il Mayr, il Paër, il Generali”. Dunque, un anello di congiunzione tra i modelli stilistici partenopei e quelli di tradizione europea riprodotti in una sintesi di originalità melodica ed estro innovativo che guarda alla Francia dell'Opéra e della tragédie lyrique. Proprio in tal senso Florimo individuò nella ricerca strumentale di Manfroce il cammino che porta direttamente a Rossini: “un anello di congiunzione fra Paisiello e Cimarosa per giungere a Rossini di cui deve essere ritenuto precursore”. Nonostante venisse curato da illustri medici per ordine della regina, il giovane musicista cessò di vivere il 9 luglio 1813 a soli ventidue anni. Era nato a Palmi (Reggio Calabria) il 21 febbraio 1791.

Vi invito all’ascolto della sinfonia dell’Ecuba suo ultimo lavoro, cliccando quì

Antonio Michele Cavallaro

Info di Luigi Maffeo

Ultime Notizie

Domenica scorsa la Coldiretti di concerto con alcune associazioni locali che da anni contestano l'invasivo progetto dell'ANAS ha organizzato una...
Sulla vecchia SS106 prima di giungere a Sibari due grandi cartelli vietano il passaggio di mezzi pesanti attraverso il centro...
Ci sembra opportuno ricordare quando ne corre l'occasione alcuni dei grandi uomini e donne che hanno dato lustro alla nostra...
Da Corigliano a Roma: approda in teatro un’opera di Isabella Freccia - Il regista Ventura ne farà una commedia per...
Cicogna bianca: nati in Calabria 74 giovani cicogne, 68 hanno spiccato il volo. Soddisfazione per la sezione Lipu di Rende che...

Please publish modules in offcanvas position.