Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Cultura musicale. Carl Maria Von Weber

Carl-Maria-Von-Weber-US-PD.jpgPer gli amici musicofili che amano particolarmente il suono romantico del clarinetto parliamo oggi di un musicista che ha scritto delle opere magnifiche per questo strumento. Oggi ricorre l'anniversario della sua nascita. 

Il 18 novembre del 1786 nasceva il compositore, direttore d'orchestra e pianista tedesco Carl Maria Von Weber (1786-1826). Il fratello del padre, Franz Fridolin Weber, era il padre di Constanze Weber che il 4 agosto 1782 sposò Wolfgang Amadeus Mozart. Carl Maria von Weber era quindi cugino acquisito di secondo grado di W. A. Mozart. Il padre di Weber provvide affinché il figlio avesse una vasta educazione la quale tuttavia veniva costantemente interrotta dai continui spostamenti della famiglia che possedeva una compagnia teatrale. Fra uno spostamento e l’altro il giovane Carl Maria ebbe modo di compiere studi di pianoforte, canto e composizione. A soli 12 anni compose il suo primo Singspiel. A Vienna prese lezioni da Georg Joseph Vogler. Fu tra i primi a esercitare in senso moderno l’arte della direzione d’orchestra. L’opera Der Freischütz (Il franco cacciatore, 1821) che aprì la serie delle maggiori opere di Weber e nella quale il romanticismo del compositore trova la sua prima grande espressione, suscitò gli entusiasmi di Beethoven. Per il clarinetto, strumento romantico per eccellenza per il cui timbro caldo e intenso Weber nutrì sempre una grande predilezione, compose nel 1811 il Concertino op. 26 e due Concerti (n. 1 in fa minore op. 73 e n. 2 in Mib maggiore op. 74) scritti entrambi per il virtuoso Heinrich Baermann, una serie di Variazioni col pianoforte tratte da temi dell’opera Silvena e il Quintetto con archi op. 34. Weber fu anche un grande pianista. Tra le composizioni pianistiche da ricordare il celebre Invito alla danza nella forma di rondò brillante, composto da Weber nel 1819 e orchestrato da Hector Berlioz nel 1841. È proprio in questa veste orchestrata che il pezzo è ancor oggi frequentemente eseguito. La musica di Weber, in particolare le sue opere teatrali, influenzarono grandemente lo sviluppo della musica romantica in Germania.

Luigi Maffeo

Cliccare quì per l'ascolto del Concerto per clarinetto n. 1 in fa minore op. 73

Ultime Notizie

“Ennesimo capolavoro del centrodestra in Calabria. Dopo il dietrofront sul consigliere supplente, quello sull’ “epocale” finanziamento della ss106, a distanza...
Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 3,1-121In quei giorni venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea 2dicendo:...
Si è concluso con una sentenza di assoluzione con la formula “perché il fatto non sussiste” il procedimento penale a...
Rinviato lo scorso mese di novembre a causa delle avverse condizioni atmosferiche, è in programma domenica 4 dicembre, presso la...
Toccare i reperti dell’antica Sybaris per superare i limiti percettivi imposti dalle disabilità e viaggiare nella storia esplorando il mondo...

Please publish modules in offcanvas position.