Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Trebisacce: Lettera agli studenti

ROBERTA ROMANELLI-1.jpgCOMUNICATO STAMPA – IL SINDACO MUNDO E L’ASSESSORE ALL’ISTRUZIONE ROMANELLI SCRIVONO AGLI STUDENTI IN OCCASIONE DELL’APERTURA DELL’ANNO SCOLASTICO.

Il sindaco di Trebisacce Franco Mundo e l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Roberta Romanelli (nella foto), hanno scritto una lettera a tutti gli studenti di Trebisacce che si accingono a cominciare l’anno scolastico, sottolineando l’attenzione che l’amministrazione comunale di Trebisacce pone nei confronti del mondo della scuola.

Cari studenti,

si apre un nuovo capitolo della vostra vita ed è un grande piacereinaugurarlo insieme a tutti voi.

Di certo non è con gli stessi occhi che guardiamo all’inizio di un nuovo anno scolastico.

Quando si è ragazzi “scuola”, molto spesso, equivale a svegliarsi presto la mattina, studiare il pomeriggio, prepararsi per le interrogazioni o per il compito in classe...diventati adulti, invece, chissà cosa si darebbe per ritornare su quei banchi, per rivivere quelle emozioni che solo la scuola è in grado di regalare e che, di certo, ci segnano per sempre.

Si, perché la scuola è una grande fetta della storia di tutti noi.

É il luogo in cui impariamo a convivere con gli altri, dove nascono quelle amicizie che si portano nel cuore per tutta la vita e dove si conoscono gli insegnanti a cui si resta legati per sempre da sincero e tenero affetto; il luogo dove si impara a rispettare le regole e a vivere, perché è qui che si incontra la cultura.

Quel valore aggiunto, inteso nel suo senso più ampio, che vi potrà portare in alto, permettendovi di fare la differenza e rendendovi ancora più orgogliosi di voi stessi.

Perché tutto quello che oggi è una noia imparare, domani sarà un piacere sapere.

Ed è, dunque, questo lo spirito con cui ci auguriamo viviate la magica esperienza che è la scuola:

un percorso da gustare giorno dopo giorno, perché ricco di scoperte, di momenti unici, di passi importanti da vivere attivamente, con interesse e passione.

Siate curiosi, mai annoiati, felici di conoscere, di sapere e di riempire ogni giorno il vostro bagaglio culturale di nuove scoperte.

Seguite i vostri insegnanti, a cui va il nostro sincero ringraziamento, in tutte le attività che vi proporranno, perché quelle sono esperienze di vita che vi aiuteranno a crescere meglio e vi serviranno tanto quando meno ve lo aspetterete. Rispettate loro e i vostri compagni e aiutateli nel momento di bisogno.
Perché anche il rispetto è cultura e la cultura vi renderà cittadini migliori.

Apriamo, quindi, le porte al nuovo anno scolastico, augurando a voi, ai vostri docenti, ai vostri dirigenti e a tutto il personale -il cui contributo è fondamentale - un gran e buon lavoro.

Buon inizio a chi comincia un nuovo ciclo e non deve avere paura e a chi lo conclude e non deve avere fretta.

Iniziate tutti con la consapevolezza che questa amministrazione è al vostro fianco, pronta a impiegare impegno, lavoro e risorse per rendere questa esperienza il più piacevole possibile, per migliorare l’offerta formativa e per garantirvi ambienti confortevoli, sicuri e a norma di legge.

Contate sempre su di noi, voi che siete il nostro futuro.

In bocca al lupo.


Franco Mundo - Sindaco di Trebisacce Roberta Romanelli – Assessore alla Pubblica Istruzione

Ultime Notizie

Non si può lasciar trascorrere questo giorno senza ricordare che il 18 maggio morivano, ovviamente in anni diversi, il...
"OggiSud" Web-TV che opera in tutta la Calabria e con sede a Lamezia Terme, ha diffuso l'intervista realizzata, in...
EMERGENZA STOMBI IL MIR (Movimento in Rivoluzione) NELLA PERSONA DELL’INGEGNERE F. GALLO DELEGATO ALTO JONIO, SCRIVE ALLA TERNA COMMISSARIALE DEL...
Caro alunno che non piangi per Notre Dame ti stiamo fregando. in classe quando abbiamo parlato del rogo di Notre-Dame tu...
"C'est plus facile" parlare di aria fritta, che esprimere pensieri complessi. Per applicare questa, che potrebbe, oggi, sembrare un'ovvia tautologia, l'uomo...

Please publish modules in offcanvas position.