Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Trebisacce. Il Sindaco rende noto ... 3 Comunicati 3

Stampa

TREBISACCEIL COMUNE DI TREBISACCE, A SEGUITO DELL’EMERGENZA COVID-19, ATTIVA UN SERVIZIO DI SUPPORTO PSICOLOGICO PER TUTTI I CITTADINI DELL’ALTO IONIO

Il Comune di Trebisacce, in qualità di comune capofila dell’ambito territoriale socio assistenziale, in collaborazione con i comuni aderenti, ha organizzato un servizio di supporto psicologico ai cittadini del territorio.

È fondamentale – ha dichiarato il Sindaco di Trebisacce Franco Mundo - in un periodo di ansie sociali diffuse, garantire al meglio anche la tutela del benessere psicologico della popolazione. L’impatto emotivo della pandemia in corso sta creando difficoltà significative a singoli, famiglie, organizzazioni: per questo abbiamo deciso, di mettere i nostri psicologi professionisti in forza al progetto PON INCLUSIONE, a disposizione del territorio, sempre ovviamente rispettando le direttive per la sicurezza e applicando adeguate modalità attuative, al fine che possano fornire adeguata assistenza ai cittadini che ne necessitano. Ringrazio la Dott.ssa Vitale, responsabile dell’Area SocioCulturale del Comune di Trebisacce e tutto il suo staff, per l’impegno profuso in questo progetto”.
L'Assessore alla Sanità e alle Politiche Sociali, Giuseppe Campanella, ha espresso compiacimento per l'iniziativa:
"Ringrazio la responsabile, Dott.ssa Carmela Vitale, i suoi collaboratori e gli psicologi in forza al progetto Pon Inclusione di Trebisacce per l'attenzione riservata a chi soffre anche dal punto di vista psicologico in questo momento così difficile e complesso".

Il Comune di Trebisacce e il Comune di Cassano allo Ionio hanno dunque attivato due linee telefoniche per supporto psicologico, dividendo l’ambito in due macro aree:
L’Area Nord comprende i comuni di Trebisacce, Amendolara, Roseto Capo Spulico, Montegiordano, Rocca Imperiale, Canna, Nocara, Oriolo e Castroregio.

Riferimento per l’area Nord è il numero 3473099271, con reperibilità dal lunedì al venerdì, dalle ore 11.00 alle ore 13.00, oltre che martedì e giovedì dalle 15.30 alle 18.00
L’Area Sud comprende i comuni di Cassano allo Ionio, Villapiana, Francavilla Marittima, Plataci, Cerchiara di Calabria, San Lorenzo Bellizzi, Cassano allo Ionio, Albidona, Alessandria del Carretto.

Riferimento per l’area sud è il numero3486918593, con reperibilità dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 12.00, oltre che martedì e giovedì dalle 15.30 alle 18.00.

 

OGGI IN SCADENZA LA NOMINA DEGLI ANESTESISTI PER L’OSPEDALE CHIDICHIMO – MUNDO SCRIVE AI VERTICI DELLA SANITÀ E DELLA REGIONE CALABRIA.

Il sindaco di Trebisacce, Avv. Franco Mundo, ha scritto una lettera al presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, ai vertici della Sanità Calabrese, al Commissario ad Acta Saverio Cotticelli, all’Assessore regionale Gianluca Gallo e al Consigliere regionale Giuseppe Graziano per segnalare l’ennesimo grave atto di mortificazione del territorio dell’Alto Ionio, che potrebbe consumarsi nelle prossime ore.

Nella missiva si legge:
Oggi alle ore 20.00 scade la nomina degli anestesisti in servizio presso l’Azienda Ospedaliera dell’Annunziata di Cosenza, già richiesta dal commissario ASP ma rimasta priva di riscontro positivo. Ciò costituisce un’ulteriore mortificazione per il territorio, come se i cittadini di Trebisacce e della Sibaritide fossero di serie B e non necessitino di cure e interventi in emergenza.

Ciò è veramente inaudito perché, invece di migliorare i servizi, addirittura si chiudono.

Stamattina tutti i sindaci del distretto socio-sanitario, riuniti in video conferenza, hanno manifestato tutto il proprio disappunto e garbata protesta con richiesta di prorogare la concessione e/o incaricare altri anestesisti, magari richiamando anche quelli in pensione per garantire il servizio, previa acquisizione della loro disponibilità, peraltro già manifestata (si vedano richiesta anestesisti équipe Corigliano e Trebisacce). Pertanto chiedo anche a nome di tutti i sindaci del comprensorio, di prorogare il servizio di anestesia e rianimazione e adottare, ognuno per quanto di competenza e conoscenza, gli opportuni provvedimenti, anche per poter fronteggiare l’emergenza Covid-19, la quale non è limitata solamente ai centri e/o alle aree urbane. Si confida nel buon senso e si comunica che nei prossimi giorni, in caso di riscontro negativo, saranno avviate le opportune iniziative per chiedere con forza la soluzione del problema".

 

NUOVA ORDINANZA RESTRITTIVA - MUNDO: “IL NOSTRO È UN MESSAGGIO DI SPERANZA”

Il sindaco di Trebisacce, Avv. Franco Mundo, ha emesso una nuova ordinanza restrittiva, per arginare ulteriormente la diffusione dell'emergenza Covid-19 nel territorio comunale.
Il nuovo atto prevede in primo luogo il divieto di ingresso nel Comune di Trebisacce, se non per comprovate esigenze di lavoro, motivi di salute o di ricongiungimento familiare, limiti alla circolazione, prescrizioni di accesso e d’orario di apertura per gli esercizi pubblici, Uffici Postali, Istituti di credito, divieto di praticare attività sportive nelle strade principali della città e diverse altre misure finalizzate ad agire concretamente al fine di impedire che l’epidemia in corso generi nuovi contagi.

Uniti possiamo superare questa emergenza – ha dichiarato il sindaco Franco Mundo - Le libertà che sacrifichiamo oggi sono il combustibile per la fiamma della speranza che arde forte.Dobbiamo affrontare oggi dei sacrifici per stare meglio domani. Nessuna paura ma assoluta consapevolezza della situazione: dobbiamo adottare misure adeguate per cercare di fronteggiare la situazione in atto, senza nasconderci dietro un dito, ma senza lasciarci spaventare: siamo in piena emergenza, ma la possiamo superare se ci atteniamo alle disposizioni. Le misure che abbiamo adottato fin ora non sono state abbastanza incisive perché molti cittadini non hanno compreso la gravità della situazione. Abbiamo registrato molti ingressi in città che non rispondono alle motivazioni previste, traffico in entrata e in uscita, assembramenti di persone che passeggiano in gruppo, oppure si recano tutti i giorni a fare la spesa, senza tenere conto che ogni volta che si esce di casa si mette in pericolo se stessi e gli altri. Tutto ciò non è più tollerabile. Ne va della vita di ognuno di noi. Per questo ho deciso, in accordo con l’Amministrazione comunale, di dare un giro di vite allo stato delle cose. Vieteremo il traffico in entrata se non per comprovate esigenze, ma non solo. Intensificheremo i controlli e provvederemo con le denunce ricordando che l'inosservanza delle ordinanze integra la sanzione prevista dall'art. 650 del codice penale (Inosservanza di un provvedimento di un'autorità) con pena prevista dell'arresto fino a 3 mesi o l'ammenda fino a 206 euro, salvo che non si possa configurare una ipotesi più grave quale quella prevista dall'articolo 452 del codice penale (Delitti colposi contro la salute pubblica) con pena prevista della reclusione da 6 mesi fino a 3 anni. Purtroppo questo è un momento in cui siamo tenuti a sacrificarci tutti, a sacrificare parte della nostra libertà per poter avere un domani in cui tornare ad assaporarla. Con le nostre restrizioni vogliamo mandare nelle case dei cittadini un messaggio di speranza contro la paura: possiamo vincere, sconfiggere il virus, con comportamenti responsabili e consoni alla gravità del momento. Ringrazio tutti coloro che stanno lavorando alacremente per la tutela del nostro territorio, in primo luogo le forze dell’ordine, la polizia locale e le associazioni di volontariato, la cui opera è davvero encomiabile”.

Comune di Trebisacce

Andrea Mazzotta

Responsabile Comunicazione Istituzionale