Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Cassano. Comunicati dal Palazzo di Città

cassanoalloionioSotto i riflettori dell'A.C.  le criticità del Caporalato e della Sanità

Una rete istituzionale, in comunione d’intenti, contro la tratta degli esseri umani e il fenomeno del caporalato a Cassano e nel comprensorio della Sibaritide. In campo sono scesi il sindacato, il Comune, la Chiesa, Progetto Sud Onlus di Don Panizza e il volontariato sociale. Ha avuto luogo nel salone di rappresentanza del Palazzo di Città di Cassano All’Ionio, un incontro operativo, per fare il punto della situazione, che ha visto partecipi e protagonisti, il rappresentante della Flai-Cgil, Silvano Lanciano, il sindaco Gianni Papasso, il vescovo della diocesi, monsignor Francesco Savino, la responsabile di Progetto Sud, Marina Galati, altri operatori sociali e rappresentanti del volontariato. Per l’esponente sindacale, fare rete con l’amministrazione comunale e la chiesa rappresenta un salto di qualità rispetto alla questione dei migranti con particolare riferimento allo sfruttamento del lavoro in agricoltura. Cassano, ha sottolineato Lanciano, sarà emblematica per le situazioni che comune, chiesa, organizzazioni sindacali e associazioni di volontariato riusciranno a portare a soluzione. Il sindacalista della Cgil, ha, inoltre, apprezzato che, anche nell’occasione, il sindaco Papasso e il vescovo Savino hanno dimostrato grande sensibilità e impegno concreto rispetto alla questione. L’impegno di tutti, ha aggiunto, è quello di collaborare uniti per portare a soluzione la questione dei migranti presenti a Cassano che lavorano nel Distretto agricolo della Sibaritide, con l’obiettivo di rendere visibili e dare dignità, sia dal punto di vista abitativo che da quello lavorativo, ai lavoratori “invisibili” perché irregolari. Soddisfatta per l’esito dell’incontro e per gli impegni assunti, che dovranno tradursi in concretezza, si è dichiarata anche Marina Galati, per la presenza delle istituzioni civile e religiosa, fondamentale per affrontare la questione della tratta sessuale e lavorativa dei migranti. Riferendosi al Progetto INCIPIT della Regione Calabria che Progetto Sud sta attuando, la Galati ha riferito che esso si pone l’obiettivo di lavorare per l’emersione delle vittime del fenomeno della tratta in Calabria e soprattutto di unire una serie di soggetti importanti in ogni territorio in grado di prevenire il fenomeno per affrontarlo e capire quali soluzioni possano essere praticabili. Per monsignor Savino, anche la denuncia è un annuncio di salvezza, ma, ha precisato, deve diventare indignazione e proposta concreta. E’importante fare squadra, ha affermato, affinché la piaga del caporalato venga sconfitta, perché qui, è in gioco la civiltà e la democrazia. Per il Presule, non è più tempo di dilazionare l’attivazione di certi processi di emancipazione e liberazione. Il virus COVID-19, ha rimarcato, avrebbe dovuto farci capire che la cultura dell’indifferenza e della disumanità altro non ha generato se non conflittualità permanente. Siamo per l’integrazione, che, ha chiosato monsignor Savino, significa rispetto delle regole e legalità. Non c’è libertà senza legalità e viceversa. Monsignor Savino, come chiesa di Cassano, si è detto disponibile a dare risposte sia rispetto alla questione abitativa per la domiciliazione dei migranti, sia alla loro integrazione. “La chiesa c’è”. Il comune di Cassano, ha affermato, a sua volta il sindaco Gianni Papasso, anche per la storia che ha contraddistinto la sua gente durate le lotte contadine per la conquista della terra, nonché per il fenomeno dell’emigrazione che l’ha interessato negli anni passati, è stato ed è sempre attivo e presente in materia di accoglienza, solidarietà e integrazione. Le tante iniziative attuate, lo dimostrano. Occorre, ha aggiunto, fare una battaglia di civiltà, democrazia e libertà nel mondo agricolo per come vengono utilizzati i lavoratori. Dopo avere affermato a chiare note la contrarietà al fenomeno abietto del caporalato, Papasso, ha dichiarato di condividere la posizione della Ministra Bellanova per quanto riguarda la concessione dei permessi di soggiorno e la regolamentazione dei migranti. A tale proposito, ha comunicato ai presenti la sua disponibilità a disporre l’iscrizione all’anagrafe comunale dei migranti irregolari individuati nel corso di una recente mappatura condotta dalla Polizia Locale, presenti sul territorio comunale. “No alla schiavitù degli immigrati, ha concluso, contro lo sfruttamento, per la libertà e la legalità”.

Il sindaco di Cassano All’Ionio, Gianni Papasso, accompagnato dalla consigliera Carmen Gaudiano, delegata ai problemi della sanità, hanno incontrato a Catanzaro, presso il Palazzo che accoglie il Governo regionale della Calabria, il Commissario per la Sanità in Calabria, Generale Saverio Cotticelli, unitamente al dirigente dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza, Giuseppe Zuccatelli. Oggetto dell’incontro, le problematiche, le carenze e le criticità che interessano le strutture e l’offerta sanitaria nel comprensorio comunale. Il sindaco Papasso e la consigliera Gaudiano, in quella sede, sostenuti sulle questioni esposte, anche dall’assessore regionale Gianluca Gallo, hanno sollecitato l’utilizzo della struttura ospedaliera di via Ponte Nuovo; una migliore riorganizzazione dei servizi erogati dal Poliambulatorio per dare risposte puntuali, efficaci ed efficienti all’utenza; l’istituzione della guardia medica estiva; e altre questioni di carattere socio-sanitario. Dal canto loro, sia Cotticelli che Zuccatelli, hanno assicurato, in merito alle questioni segnalate di disporre i necessari interventi destinati a migliorare la situazione illustrata. Nella stessa giornata di giovedì scorso, il sindaco Papasso e la consigliera Gaudiano, sono stati ricevuti dalla Presidente della Giunta Regionale, Jole Santelli, presente anche l’assessore regionale Gianluca Gallo. Nel corso del confronto, svoltosi in un clima cordiale e costruttivo, gli amministratori cassanesi hanno rappresentato alla Governatrice Santelli e all’assessore Gallo, quelle che sono le criticità più impellenti e significative che necessitano di interventi urgenti anche da parte dell’amministrazione regionale per il territorio di cui sono rappresentanti istituzionali. Papasso e Gaudiano, in proposito, hanno chiesto agli interlocutori regionali di prendere in debita considerazione le segnalazioni e di conseguenza, attivare i necessari processi di interventi.

 Il Capo Ufficio Stampa

Mimmo Petroni

Ultime Notizie

Dopo qualche giorno dell'inaugurazione del cantiere sul terzo megalotto, ci sentiamo in dovere di ribadire che una strada nuova sul...
Le chiamano poltrone, ma diventano sempre piu scomode quando i loro giochetti in Regione vengono a galla. La Calabria oggi...
Anche gli dei non sono tutti uguali. Eos ovvero Aurora, la dea che commise un fatale errore perché lavorava troppo.
Quando il compianto prof. Alfonso Curto presentò lo stradario di Sibari e Lauropoli a cui aveva lavorato per circa un...
La Regione Calabria rilancia l’agricoltura biologica con un nuovo bando DalPsr un tesoretto di 20 milioni l’anno per un triennio Gallo: «Puntare...

Please publish modules in offcanvas position.