Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Schiavonea. L'ass. Fiori d'Acciaio per i poveri

fiori_d_acciaio (2).jpgIn occasione della giornata mondiale dei Poveri 2021, memori delle parole del Salmista (Dal 34,7) "Questo povero grida e il Signore lo ascolta» anche noi unanimi ci facciamo portavoce di questa espressione nel momento in cui siamo chiamati a incontrare le diverse condizioni di sofferenza ed emarginazione in cui vivono tanti fratelli e sorelle che siamo abituati a designare con il termine generico di “poveri”. Chi scrive quelle parole non è estraneo a questa condizione, al contrario. Egli fa esperienza diretta della povertà e, tuttavia, la trasforma in un canto di lode e di ringraziamento al Signore. Questo Salmo permette oggi anche a noi, immersi in tante forme di povertà, di comprendere chi sono i veri poveri verso cui siamo chiamati a rivolgere lo sguardo per ascoltare il loro grido e riconoscere le loro necessità. Ci viene detto, anzitutto, che il Signore ascolta i poveri che gridano a Lui ed è buono con quelli che cercano rifugio in Lui con il cuore spezzato dalla tristezza, dalla solitudine e dall’esclusione. Ascolta quanti vengono calpestati nella loro dignità e, nonostante questo, hanno la forza di innalzare lo sguardo verso l’alto per ricevere luce e conforto. In virtù di tutto ciò e pienamente convinti che solo l'umiltà e lo spirito filiale possano essere strumento di sano e sincero aiuto, l'associazione FIORI D'ACCIAIO in collaborazione con il parroco di Thurio e Apollinara, Don Cosimo Galizia ha pensato di sanare queste piaghe del nostro territorio attraverso la distribuzione del banco alimentare per tutti gli stranieri e le famiglie bisognose della parrocchia; si è contestualmente pensato all'apertura di uno sportello di Patronato e Caf per aiutare i lavoratori agricoli e per garantire loro ogni diritto da cittadino. In forza di quanto detto, si sente comunque il desiderio di comunicare agli altri, prima di tutto a quanti sono, poveri, rifiutati ed emarginati che nessuno é solo se bussa alle nostre porte e che nessuno deve sentirsi escluso dall’amore del Padre, specialmente in un mondo che eleva spesso la ricchezza a primo obiettivo e rende chiusi in sé stessi.

Martina SIMONE

Ultime Notizie

Conosco Angelica da quando era una bimbetta di pochi anni che zampettava sulla stessa spiaggia pietrosa che frequento da sempre.
Quante chiese in stato di abbandono, alcune sconsacrate, potrebbero essere utilizzate anche dalle nostre parti quali splendidi "cofanetti" in cui...
(Villa Comunale di Cassano negli anni '50 e oggi) La domanda è semplice ma la risposta è tra le più...
Florovivaismo: pubblicato il bando regionale per sostenere il settore A disposizione nuove risorse finanziarie per oltre 800.000 euro L’Assessore Gallo: «Misura pensata...
In attesa della visita alla mostra su Frida Kahlo (nella foto a lato), che si terrà il giorno sabato 11...

Please publish modules in offcanvas position.