Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Albert Schweitzer un uomo da non dimenticare

schweitzer.jpgRicordiamo un grande uomo dello scorso secolo. Il 4 settembre del 1965 moriva il medico, musicista, filantropo e premio Nobel per la pace franco-tedesco Albert Schweitzer (1875-1965). Studiò organo con Charles-Marie Widor. Appassionato di problemi di pratica organistica scrisse il libro "Bach, il musicista poeta". Fu tra i primi organisti a iniziare un recupero storico degli organi antichi. Nel 1912 si trasferì nell'Africa equatoriale (Lambaréné, Gabon) dove fondò un ospedale per indigeni. Uomo di alto ingegno e di straordinaria generosità, mise la sua abilità di medico al servizio dell'umanità più debole. Albert Schweitzer ebbe da bambino problemi nel leggere e nello scrivere e faceva fatica a imparare. Diversamente, nella musica dimostrava grande abilità: a sette anni compose un inno ed a otto suonava l'organo. A 30 anni s'iscrisse a Medicina con l'intento di specializzarsi in malattie tropicali e partire come missionario per l'Africa. L'attività missionaria in Africa, unitamente alla lotta in prima persona contro i rischi degli esperimenti atomici e delle radiazioni nucleari, gli valsero il Nobel per la Pace nel 1952, con i proventi del quale fece costruire un villaggio per i lebbrosi. Raccolse inoltre numerosi titoli accademici e riconoscimenti meritandosi la fama di «più grande uomo del mondo» da parte della rivista Time. Citazioni: La musica e i gatti sono un ottimo rifugio dalle miserie della vita. / Dobbiamo lottare contro lo spirito di incosciente crudeltà con cui trattiamo gli animali. / Gli animali soffrono tanto quanto noi... È nostro dovere far sì che il mondo intero lo riconosca. / L'africano è mio fratello, ma è un fratello più giovane di parecchi secoli. / La fortuna è la sola cosa che si raddoppia quando la si condivide.

a cura di Luigi Maffeo

Ultime Notizie

Racconto semiserio di una storia molto triste descritta nel solito stile simpaticamente aggressivo della prof.ssa Mariangela Vaglio. Lucrezia, matrona romana,...
Nell’ambito degli eventi estivi, organizzati dall’Amministrazione Comunale di Frascineto, il Museo delle Icone e della Tradizione Bizantina, ospita fino al...
"Calabria, la lista Mastella-Noi Di Centro-Europeisti è quasi pronta. Ecco i primi nomi: Per gli uninominali della Camera molto probabilmente correranno...
"Le previsioni presenti in questo sito non vogliono istigare al gioco del lotto, chi lo fa si assume tutte le responsabilità...
A proposito del recente avvenimento di violenza gratuita e inaudita di cui si è macchiato un cosiddetto “membro della società...

Please publish modules in offcanvas position.