Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Corso per Cacciatori di Cinghiali a Roggiano

caccia.jpgTerminato ieri a Roggiano Gravina presso la Biblioteca Comunale il “Corso per cacciatori finalizzati ad una valutazione dei rischi sanitari dopo l’abbattimento e alla presenza della TBC nei cinghiali” . Più di 300 sono stati i cacciatori dell’ ATC CS1 che hanno preso parte al Corso, voluto fortemente dall’ ATC CS1 e dall’ ASP Servizio Veterinario Area B Cosenza.

<< Il cinghiale rappresenta forse la specie selvatica più problematica dal punto di vista sanitario nell’interfaccia tra animali domestici e fauna, sia a causa della sua recettività a diverse infezioni importanti, sia a causa della sua abbondante, quando non sovrabbondante, diffusione >> ha dichiarato il dott. Sandro Stancati Coordinatore Attività Venatoria Selvaggina Cacciata

ASP di Cosenza Servizi Veterinari area “B”

Un segnale semplice, concreto e visibile, che ha visto l’ATC e i cacciatori, il raggiungere un obiettivo comune e condiviso, che ha dato all’attività venatoria, dignità e rappresentanza, e rinnovato futuro, basato sulla serietà delle proposte , sul dialogo, sulla difesa e valorizzazione del territorio , dell’ambiente e di tutta la fauna, cacciabile , che fa del territorio Calabrese, anche grazie alla gestione venatoria , un incommensurabile scrigno di biodiversità.

Perché solo così – ha dichiarato l’Assessore Comunale Marsico , il cacciatore guidato dalla scienza e dalle linee di indirizzo a vario livello, potrà essere orgoglioso delle sue origini e delle sue tradizioni e avere un domani importante , che lo veda partecipe e protagonista di una caccia sostenibile, gratificante e percepita da tutta la società per quello che è: risorsa e non problema, per dare finalmente una dimensione che ci collochi in futuro all’avanguardia, acquisendo attraverso un percorso di conoscenza scientifica le reali competenze, e proiettare il ruolo dell’Ambito Venatorio sempre all’avanguardia, rispondere alle tante e giuste domande dei cacciatori e spiegare ancora più dettagliatamente la strada che convintamente è stata imboccata insieme per raggiungere attraverso proposte serie e sostenibili, il dialogo con tutte le parti mosse dalla stessa sincera voglia di collaborazione e apertura mentale, senza nascondersi dietro ideologie e slogan, per recuperare il tempo perduto.

Un grazie dunque – ha concluso il presidente ATC CS1 Fausto D’Elia, a tutti i cacciatori, a dimostrazione di un concreto interesse e di una voglia di partecipazione concreta aperta al domani, con i piedi ben piantati in terra imparando dalle esperienze di ieri, valorizzando quello che c’è di buono e aggiornando, senza dimenticare nessuna, le tradizioni e i valori che da sempre guidano la caccia, per un rilancio di una attività che con i suoi risvolti economici, gestionali e sociali rappresenta un valore assoluto per tutta la Calabria.

Anton Luca De Salvo

Ultime Notizie

L'associazione Musicale The Voice of Soul invita a partecipare alla manifestazione “LA SOLIDARIETÀ SI FA VOCE”, che si terrà Domenica...
In relazione ai magnifici progetti, da realizzare e in parte realizzati, illustrati al pubblico recentemente dal direttore del Parco Archeologico...
Daniela Nigro sale sul podio più alto dei visagisti e truccatrici d'Italia. Il Make up artist trebisaccese ha conquistato la...
Coldiretti Calabria: gli anziani, “mai così numerosi come adesso”, in Calabria non sono “un peso”, ma una risorsa. Quasi il...
Il futuro è qui. Oltre le sole progettualità, ben al di là delle parole di rito, l’Istituto “Ezio Aletti” di...

Please publish modules in offcanvas position.