Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Cassano. Odontoiatria assente al poliambulatorio

odontoiatria.jpg"Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. Più volte abbiamo segnalato alla direzione provinciale dell'azienda sanitaria di Cosenza, che le attrezzature per il servizio di odontoiatria, ad oggi, rimanngono inutilizzati dal 2015". Lo afferma in una nota Francesco Garofalo, portavove del comitato spontaneo di cittadini in difesa del diritto per la salute di Cassano All'Ionio. A suo tempo - ricorda Garofalo -, fu istituito presso il poliambulatprio di Cassano, il servizio di odontoiatria sociale per pemettere alle fasce nemo abbienti, di poter usufruire delle cure specialistiche nella struttura pubblica, ai sensi delle legge regionale del n°141 e 510 del 2010. Naturalmente - rimarca -, a suo tempo, furono impegnate le relative somme per l'acquisto delle attrezzature. Inspiegabilmente, gli strumenti, rimangono chiusi in una stanza a danno dei cittadini, in particolare, per i bambini, che non si possono permettere le cure dentarie presso studi privati. A pagarne il prezzo più alto sono soprattutto gli anziani con particolari patologie e affetti dal morbo di alzheimer, che prorprio a causa della perdita di memoria e con il passare del tempo, le persone che soffrono di demenza riducono progressivamente l’igiene orale. Ciò comporta dolore, carie, sanguinamento gengivale e problemi con l’aderenza delle protesi, ma anche riduzione della capacità di parlare, disinteresse per il cibo, peggioramento dello stato di confusione associato alla demenza. E invce, la sanità pubblica arranca rispetto alla medicina territoriale. Ad ogni modo - prosegue Garofalo -, è una brutta pagina di mala sanità, che si accompagna allo sperpero di danaro pubblico in barba ad ogni logica di gestione di un'azienda pubblica. Il grado di civiltà di chi amministra, si misura anche di come ci si rapporta rispetto ai problemi, che quotidianamente vivono i pazienti sulla loro "pelle". Non farlo - evidenzia -, significa rendersi complice di situazioni, che si trascinano da anni, su cui sarebbe opportuno l'intervento della magistratura. Per quello che ci riguarda - conclude Garofalo -, non indietreggiamo su una battaglia, che esige risposta da parte di chi fa finta di non sentire. Da qui, la decisione di investire il Vice Ministro alla Sanità, Pierpaolo Sileri, affinchè faccia piena luce sulla vicenda, che rappresenta solo la punta dell’iceberg di scippi e di promesse mai mantenute ai danni dei cittadini di Cassano, da quarant'anni, orfani e assetati di sanità, oggi come non mai.

COMITATO SPONTANEO DI CITTADINI

IN DIFESA DEL DIRITTO ALLA SALUTE

DI CASSANO ALL’IONIO(COSENZA)

Il Portavoce

Francesco Garofalo

Ultime Notizie

L'associazione Musicale The Voice of Soul invita a partecipare alla manifestazione “LA SOLIDARIETÀ SI FA VOCE”, che si terrà Domenica...
In relazione ai magnifici progetti, da realizzare e in parte realizzati, illustrati al pubblico recentemente dal direttore del Parco Archeologico...
Daniela Nigro sale sul podio più alto dei visagisti e truccatrici d'Italia. Il Make up artist trebisaccese ha conquistato la...
Coldiretti Calabria: gli anziani, “mai così numerosi come adesso”, in Calabria non sono “un peso”, ma una risorsa. Quasi il...
Il futuro è qui. Oltre le sole progettualità, ben al di là delle parole di rito, l’Istituto “Ezio Aletti” di...

Please publish modules in offcanvas position.