Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Corigliano. Successo per la serata culturale sulla "Bellezza"

Cirò, Verardi, De Rosis, Pistoia.jpgGrande partecipazione per la “La Bellezza. Eroi ed Eroine del Passato” - Entusiasmante viaggio letterario del prof. Giuseppe De Rosis nella suggestiva cornice della Chiesa del Carmine

“Il Fato è come un fiume in piena, non c’è diga che possa fermarlo. L’unica cosa da fare, dinanzi ad esso, è il modo di rapportarsi agli eventi, quello che potremmo definire il coraggio di vivere”. Questa una delle numerose e significative affermazioni enunciate dal prof. Giuseppe DE ROSIS nel corso del viaggio letterario sul tema “LA BELLEZZA. Eroi ed Eroine del Passato”, svoltosi ieri sera nella suggestiva cornice della Chiesa del Carmine di Corigliano. De Rosis, promotore dell’evento e insostituibile guida di tutte le analoghe iniziative culturali, ha snocciolato, col consueto fervore e suscitando l’ammirazione dei tanti convenuti, storie, personaggi, miti, curiosità della letteratura greca.

I lavori della manifestazione dedicata alla Bellezza sono stati introdotti e coordinati, con sobrietà e puntuali riferimenti storici, dalla dott.ssa Anna Milieni; tra i suoi interventi, interessante in particolare quello afferente l’importanza dell’insegnamento dei miti nelle scuole, come “processo di alfabetizzazione emotiva”. La serata ha avuto inizio con un’appassionante interpretazione del “Discorso di Pericle agli Ateniesi” del dott. Franco Cirò, che con la sua suadente voce ha indotto i presenti alla riflessione sul contenuto del celebre testo proposto.

Da Cardarelli ad Eschilo, da Omero a Pascoli, da Pericle a Ritsos, da Saffo a Sofocle, e ancora Vecchioni, Virgilio, Wolf. Numerosi gli autori che si sono occupati della Bellezza nelle loro opere, come numerosi i personaggi (Agamennone, Aiace, Cassandra, Clitemnestra, Creusa, Fedra, Ismene, Le Sirene, Nausicaa, Saffo, Ulisse) incarnati da donne e uomini del nostro tempo. Antonio TREBISONDA, Natale AVOLIO, Franco CIRÒ, Mario FELICETTI, Antonio DE ROSIS, Placido BONIFACIO, Annelise PASSERINI, Maria VITERITTI, Anna LASSO, Fabiola MADEO, Anna TAVERNISE, Letizia GENTILE, Rita ZAMPINO, Iole ARAGONA, Stefania ZANGARO, Lisa POLINO, Maria ROMEO, Anna MINNICELLI: questi gli interpreti della serata incastonata nel Complesso del Carmine, alle porte del centro storico coriglianese, che hanno letto i brani selezionati per l’occasione in modo coinvolgente e sentito.

Il viaggio letterario ha registrato i cordiali saluti di Don Gaetano FEDERICO, parroco delle Chiese del Carmine e di Sant’Antonio, e l’intervento del prof. Giovanni PISTOIA, il quale ha proposto una originale quanto apprezzata “lettera della Bellezza”, culminata nel ricordo della bellezza delle donne lavoratrici nell’antico concio della liquirizia che ha ospitato l’evento. Interventi e letture sono stati accompagnati da soavi momenti musicali eseguiti dall’artista Maria VYAZIGINA, mentre impeccabile come sempre è stata la regia tecnico-audio curata dal prof. Francesco VERARDI, una delle colonne portanti dei viaggi letterari.

Giovanni Pistoia.jpg In occasione del viaggio letterario sul tema “La Bellezza. Eroi ed Eroine del Passato”, svoltosi alla presenza di un gremito ed attento pubblico nella serata di ieri presso la Chiesa del Carmine di Corigliano, è intervenuto il prof. Giovanni Pistoia, il quale ha declamato una “Lettera della Bellezza” scritta di proprio pugno. Un testo a tratti ironico ma fonte di numerose e acute riflessioni, risultato molto apprezzato dall’uditorio presente, tanto da riscuotere unanimi consensi. Ne proponiamo di seguito il testo integrale.

“Caro Giovanni, questa sera, so che parlerete di me. Approfitto per farti giungere questa mia lettera. Non è usuale che io scriva e parli di me, sono altri che lo fanno, e quante volte ho timore del loro dire! Scusami se lo faccio in prima persona e anche in forma impersonale; è un mio vezzo, penso di farmi capire meglio e poi, ti dico, in verità, questo mio modo di comunicare mi rasserena un po’.

Ci vuole coraggio nel parlare di Bellezza in questi tempi, dove la Bruttezza sembra padroneggiare il mondo e le coscienze. Sono devastata, umiliata, calpestata, deturpata. Ogni giorno, in ogni angolo del mondo, anche lì, nel tuo piccolo prezioso mondo. Che se ne parli è un miracolo, e ne sono grata a chi lo fa con cuore e disinteresse. Ma la Bellezza, amico mio, più che predicarla, si pratica, si custodisce, si nutre, si rispetta. Alla Bellezza ci si educa, e voi so che ci provate.

Cari amici, non cercatemi lontano, sono accanto a voi. Sono nel canto dell’usignolo, nell’incanto del mattino, nei colori della sera, nella gioia del pesco in fiore, nei ricami delle rondini, nella spuma che ti bagna e fugge via sognando nuovi lidi, nel ciuffo baldanzoso dell’upupa, nel ventaglio pretenzioso del pavone. Sono nell’onda del grano in un campo di pane.

Sono negli occhi senza confini di un bambino, nel volto solare della ragazza innamorata, nei solchi rugosi di terra e di sole del contadino mai stanco, nei segni d’artista di donne dal volto in cammino.

Non cercatemi in mondi sconosciuti, sono nelle braccia di chi solleva altre braccia, nel sorriso che si affida a chi ha perso il sorriso, nella carezza che accoglie chi non sa più cosa sia la tenerezza; nelle timide dita che si posano adagio sul volto di chi è appena andato via portandosi parte di noi.

Bellezza è la parola, quella scritta cantata parlata. Bellezza è la libertà: che ve ne fate di ponti d’oro se vi manca la libertà, di agire, di esprimervi, se non potete far sentire la voce della coscienza. Siate come farfalle libere e cercate, come loro, il bello dei colori.

Ma tutto è Bellezza. La Bruttura è l’assenza della Bellezza. Date il sole alla notte e chiamerete giorno la notte. È dentro l’uomo che si annida il precipizio e rende triste anche il sogno della luna. La Bellezza è nello sguardo di chi osserva, anche nello sguardo di chi ha occhi che sembrano a noi spenti, nella mente di chi pensa. Chi pensa bello, vede bello, lo difende, lo esalta, lo realizza.

Riflettiamo sulle mostruosità e gli orrori di ieri e di oggi, ma restiamo fermi nel pensare alla Bellezza che persiste resiste dilaga, e aspetta d’essere tutelata e abitata.

Quante volte sento dire: la Bellezza salverà il mondo! Quante aspettative su di me! Non mi tirerò indietro, particolarmente in questi tempi di nichilismo, ma voi sarete con me? Non espelletemi dal vostro quotidiano, non mi ripudiate. Rinneghereste anche voi stessi, e non dimenticate, poi, che chi vive nella Bellezza sconfigge l’odio, il rancore, perfino la vecchiaia.

E a tale proposito, di’ a quel tuo amico, Giuseppe, detto perennemente Pinuccio, che lasci ai vecchi gli amori senili; la vecchiaia si è già presentata a lui, quando è andato in pensione, e pensava, la furba decrepita, di averlo tesserato. Ma quel buontempone di De Rosis sì è inventato un marchingegno, una diavoleria: tanti mattacchioni e pazzerelle insieme a lui, hanno messo su, non so che cosa, un sodalizio, che chiamano Amici dell’Arte: parlano di letteratura, di poesie, di me; non stanno in cattedra e sanno di non essere a Cinecittà né a Hollywood, e allora la vecchiaccia, disperata, sconfitta, si è dileguata, imprecando: Cu chisti un ci pozzo fare nente!

Caro Giovanni, ti abbraccio; abbracciami quanti sono presenti sotto l’antico fumaiolo del vecchio concio, lì dove, lavorando la pasta bollente della liquirizia con le nude mani, tante ragazze, tante mamme, hanno visto fiorire, e sfiorire, e accrescere, della donna, la bellezza.”

Fabio Pistoia

Ultime Notizie

Molti di noi abbiamo sentito parlare la prima volta del musicista tedesco di Baviera Christoph Willibald Gluck, solo quando...
(La senatrice sui luoghi dell'alluvione) Lunedì saranno finalmente affidati i lavori di messa in sicurezza del tratto del fiume Crati...
La BCC Mediocrati ha acquisito il Ramo Calabria di Banca Sviluppo SpA, consistente in 14 sportelli dislocati nella provincia di...
IL 21 NOVEMBRE SCADONO I TERMINI PER PARTECIPARE AI BANDI PUBBLICATI DAL COMUNE DI TREBISACCE L’Amministrazione comunale di Trebisacce segnala che...
Il 30 ottobre scorso abbiamo pubblicato un comunicato dell’Associazione Laghi di Sibari, con il quale si annunciava che il comitato...

Please publish modules in offcanvas position.