Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Parole strane del nostro lessico. MISTAGOGO

gbermes.JPGStamattina "leggiucchiando" in un vetusto libriccino pescato in uno di quei cassettoni stracolmi di coperte, lenzuola, biancheria e oggetti vari, vecchi di almeno 100 anni che si ereditano magari dai bisnonni, entro cui non si ha mai il tempo (o la voglia) di andare a rimestare, ho trovato un termine a me sconosciuto, "MISTAGOGO" (Mica siamo tutti soloni). Pensando che qualcuno dei miei lettori, ignorante come me, fosse interessato a scoprirne il significato, ho indagato nel web ed ho trovato alcune definizioni, ho scelto quella che mi è parsa più “spiritosa”, adatta e comprensibile, eccola:

“Negli antichi culti misterici, sacerdote che dava un'istruzione preliminare ai candidati all'iniziazione; maestro di vita; mistificatore, demagogo

voce dotta recuperata dal latino [mystagògus], prestito dal greco [mystagogós], composto dal greco [mystés] 'iniziato' e [agogós] 'conduttore'.

Sulle religioni dell'antichità ellenistica e romana, spesso, non abbiamo le idee chiare. Certo, conosciamo bene il pantheon mitologico, ma quando s'inizia a parlare di culti misteri (che evidentemente non sono del tutto in linea con la vulgata mitologica) iniziamo a smarrirci; e quando iniziano a girare i nomi dei misteri eleusini, di Dioniso, di Orfeo, e ancora di Cibele, di Iside e di Mitra, ci accontentiamo di qualche immagine e didascalia di repertorio recuperata al volo nei recessi della memoria, e proseguiamo senza avanzare troppe domande.

In realtà furono un affare importante. Furono culti eterogenei che pervasero il bacino del Mediterraneo in un lunghissimo periodo di tempo, e con un carisma che strinse a sé una parte notevole dei protagonisti della storia di allora. Si potrebbe parlare del loro potissimo carattere soteriologico, cioè di come abbiano iniziato un discorso sulla salvezza molto simile a quello che sarebbe stato proseguito dal cristianesimo. Ma il loro carattere comune più evidente è che si trattava di culti iniziatici, a cui soltanto i misti, cioè gli iniziati ai misteri, potevano partecipare: le rivelazioni erano tenute gelosamente segrete.

In effetti ci sono riusciti: nessuna persona addentro e affidabile le ha spifferate, e quelle rivelazioni sono morte con gli ultimi ierofanti, con gli ultimi sacerdoti. Solo i segreti di valore si riescono a conservare a lungo, e qui — prendendo a esempio i misteri di Demetra celebrati nella città di Eleusi, i più famosi — si parla di segreti tenuti non meno che per un paio di millenni. Che rabbia.”

Dopo questa dotta spiegazione mi sono ancor più incuriosito e così scopro che il termine viene usato anche per indicare i nostri catechisti, in effetti non sono coloro che accompagnano i nostri fanciulli verso l’iniziazione religiosa e la conoscenza dei Misteri Cristiani e del Cattolicesimo?

Così ogni scuola di pensiero può avere i suoi MISTAGOGHI che indottrinano i neofiti alla conoscenza dei propri ideali.

E’ a questo punto che mi viene da pensare alla politica. Si, si alla politica, ai partiti che un tempo riflettevano degli “ideali” specifici e ben delineati e che avevano ognuno il proprio Mistagogo, forte di straordinario carisma; ma oggi personaggi come Salvini, la Meloni, Renzi, Di Maio ecc ecc, ce li vedete come maestri iniziatori di un ideale “mistico”?

E qui mi scappa la risata, però però … riflettendoci bene c’è poco da ridere, milioni di italiani stanno dietro alla loro fantapolitica e bevono le loro folli elucubrazioni, chissà che sotto, sotto, non nascondano qualche Mistero iniziatico”? Ai posteri l’ardua sentenza.

(Nell’immagine in alto, a sinistra il dio Mercurio, Hermes Mistagogo, simbolo delle operazioni magiche che vanno compiute “nel silenzio del corpo e della mente”: il “Pensiero Ermetico”, di cui Giordano Bruno, bruciato sul rogo 401 anni fa, fu un esponente di rilievo – a destra, un forno cosmico-alchemico, simbolo dell’autocoscienza – in Calabria abbiamo avuto un grande scienziato alchimista di Cirò vissuto nel ‘500, recentemente riscoperto, il francescano Giano Lacinio. Se andate a Cirò Superiore non dimenticate di visitare il piccolo ma interessante Museo dedicato a lui e ad un altro grande cirotano, Luigi Lilio, medico astronomo e matematico ideatore della riforma del calendario gregoriano - e poi dicono che noi calabresi siamo “inferiori”)

A.M.Cavallaro

Ultime Notizie

La redazione di infosibari.it condivide in toto quanto riportato nel comunicato che segue, ma andiamo più in là, i responsabili...
L’uomo nuovo. Forse, piuttosto che le linee di un umanesimo nuovo (che resterebbe comunque una teoria, cioè un ideale, sia...
"Le previsioni presenti in questo SITO non vogliono istigare al gioco del lotto, chi lo fa si assume tutte le responsabilità...
E' stato diffuso dalla casa comunale, il consueto periodico, ottimamente curato dal responsabile dell'Ufficio Stampa Mimmo Petroni, "INFORMA-CITTA' Giugno 2020".
Il Comunicato che segue è una riflessione sulla situazione vera e reale che affligge la nostra regione e non si...

Please publish modules in offcanvas position.