Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Gli eroi di Torre Melissa. "Terroni" ... ma col cuore

migranti-torre-melissa.jpg«Un uomo senza sogni, senza utopie, senza ideali, sarebbe un mostruoso animale, un cinghiale laureato in matematica pura».

L’11 gennaio, giorno in cui un po’ tutti ricordavano il cantautore Fabrizio De Andrè nel ventennale della sua morte, nelle cronache trovava spazio un’altra vicenda che le parole dell’artista genovese, in qualche modo, cingevano a mo’ di cornice: il racconto dei 51 curdi arrivati in barca a vela sulle coste calabresi, al largo di Crotone, naufragati a pochi metri dalla riva e salvati nella notte dagli abitanti del luogo, accorsi alle gride d’aiuto e d’angoscia. Una scena eccezionale, in un periodo storico nel quale indifferenza ed egoismo si avviano a regnare. Invece, nella storia scritta dai cittadini di Torre Melissa, c’è il seme di una speranza che, da tenue fiammella qual è, resiste senza spegnersi. È il segno di un’umanità che non muore, che riarde quando sembra sul punto di estinguersi. È un principio da tenere vivo, se si vuol continuare ad avere il privilegio di essere chiamati uomini.

Ciò significa spalancare le frontiere a chiunque, compresi i trafficanti di carne umana che speculano sulla pelle dei migranti? Tutt’altro: vuol dire, semplicemente, prendere consapevolezza del fatto che aiutare il prossimo non è questione che possa essere ingabbiata da norme e codicilli. E come un’altra storia recente dimostra (e ci si riferisce al caso dei 49 per più di due settimane lasciati a bordo della Sea Watch da un’Europa indolente), qualunque sia la strategia che si ritiene più opportuna per affrontare le migrazioni, non è possibile tenere in ostaggio la vita di decine di disperati, tra cui donne e bambini.

Riferimenti e modelli non mancano: in Giappone, paese tradizionalmente diffidente nei confronti dell’immigrazione straniera, il governo conservatore ha presentato e fatto approvare un pacchetto di misure per favorire l’ingresso – nell’arco di un quinquennio – di mezzo milione di stranieri, provenienti principalmente dall’Asia sudorientale, fissando sì dei rigidi paletti per la loro permanenza, ma anche iscrivendo a bilancio una serie di interventi per il loro inserimento sociale. In Germania, Paese più vicino a noi, l’esecutivo ha investito nella stessa direzione, programmando la formazione professionale degli extracomunitari per agevolarne poi l’inserimento nel mondo produttivo. Solo due esempi, indicativi però di una tendenza: disingolfare i canali dell’asilo, regolamentare i flussi, diluire timori diffusi ad arte (e molte volte ingiustificati) nel mare grande della solidarietà. Soprattutto, è il simbolo di una necessità: fermare la rabbia, quella che eleva il rancore a forma di espressione, divenendo strumento di compressione degli spazi di una società indotta ad agitarsi, dividersi, insultare, finendo con l’essere insofferente all’adempimento dei propri doveri ed incapace di ottenere l’effettivo rispetto dei propri diritti.

Indubbiamente, il nostro è tempo di paure, di dubbi fondati sul vecchio che non c’è più e sul nuovo che ancora non si vede, ma è pure tempo di fermenti e sfide da raccogliere, come scriveva Cesare Pavese: «Quale mondo giaccia al di là di questo mare non so, ma ogni mare ha un’altra riva, e arriverò».

+ Vincenzo Bertolone

Ultime Notizie

Al 2 luglio sono legati tre personaggi importanti: compositore il primo, diventato famoso in Italia per la canzone di Celentano...
(foto: Don Orione e Ignazio Silone) Scenari/26. Uscita di sicurezza.Testimoniando al processo di beatificazione di don Luigi Orione a Tortona,...
Non è che vogliamo fare a tutti i costi i rompiscatole, ma nel leggere il comunicato che segue apprendiamo che...
Il sindaco del Comune di Frascineto, Angelo Catapano, in occasione della stagione estiva, al fine di garantire l'igiene pubblica e...
L’Amministrazione comunale di Villapiana è vicina, ancora una volta con spirito solidale, alle esigenze delle famiglie che vivono delle fragilità,...

Please publish modules in offcanvas position.