Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Una favola fantasiosa, in versi

annunaki.jpgAnunnachi, Elohim, Adam: favolosi personaggi della mitologia  arcaica riscoperti dal nostro amico e poeta Luigi Visciglia, che si diverte a scavare nelle credenze dei nostri progenitori e, addirittura, a posizionare alcune mitiche leggende proprio quì in Calabria e più precisamente nella piana di Sibari. Certo che con la fantasia si può raggiungere qualsiasi meta e noi leggiamo con curiosità e con un sorriso la bella favola di Luigi. Abbiamo provveduto a marcare i termini poco usuali in modo che il lettore possa imparare a conoscerli semplicemente cliccandoci sopra. Buona lettura e buon divertimento ... e proprio vero che ad imparare si fa sempre in tempo. (M. Sanpietro)

La terra? Un punto nell’immenso universo,

dimora di: ossigeno, vento, acqua e animali.

In alto fra le tacite stelle il pianeta “Nibiru”,

il luogo da dove gli “Anunnachi” osservavano la terra

per il loro fabbisogno energetico e di manodopera

per lavori pesanti.

Il loro obiettivo era creare un essere senza consapevolezza

da comandare e dedito all’ubbidienza, alla sottomissione

incondizionata degli ordini ricevuti.

Geneticamente plasmarono, sperimentarono, clonarono,

finché li crearono, maschi e femmine

a loro immagine e somiglianza.

Avevano creato gli “Adam”,

lavoratori primitivi a basso costo,

per eseguire i lavori pesanti,

Là! In fondo allo Stivale italico,

dove ricca e rigogliosa è la vegetazione.

Sì! In Calabria,nella piana di Sibari ,bagnata dalle limpide,

rigogliose e pescose acque del fiume crati

che sfocia nell’eterno mare jonio.

Si ! Qui impiantarono il giardino dell’Eden.

Dall’albeggiare al tramonto tutto è armonioso fra:

vento, acqua, piante, animali.

Gli Adam, esseri senza volontà,

vivevano liberi e senza frontiere.

Gli Anunnachi erano i creatori e padroni,

coloro che dal cielo atterrarono sulla terra

con il loro carro celeste e per gli Adam

erano divinità.

Il sesso! Organo riproduttivo, sprigiona un istinto

animalesco, irrazionale e irrefrenabile.

Una lotta ormonale che conduce all’accoppiamento,

rinnovando il ciclo della vita.

Gli Adam crebbero e si moltiplicarono numerosi,

con maschi e femmine.

Gli “Elohim”, guardiani del giardino dell’Eden

e geneticamente possessori della conoscenza,

si accoppiarono con le figlie degli Adam,

perché erano belle e di gentile aspetto,

anche se tutto questo era loro proibito.

Le figlie degli Adam procrearono e partorirono

dei figli con la conoscenza,

trasmessa dai geni degli Elohim.

Adesso erano capaci di ragionare e di discernere

con la loro volontà.

Così ebbe inizio la stirpe umana o disumana.

Vaga nell’Eden la nuova creatura fra consapevolezza,

paure e incertezze, alla ricerca delle sue origini,

perché vuota del suo passato è la sua memoria.

Ramingo, senza scopo né meta, come una bestia spaventata,

sviluppò ambizione, arroganza, individualismo, avidità,

che lo distingue dal regno animale e vegetale,

sottraendo, rubando, per accumulare ricchezze

e inutile potere, infliggendo ai suoi simili

sofferenze e sottomissione, da farli singhiozzare

in un inutile e lacrimoso lamento.

La sua avidità di smisurato potere

causa disuguaglianza e servilismo.

In un gioco arbitrario dove l’accumulo di ricchezza

crea potere e sottomissione del suo simile più debole.

L’uomo vive il suo breve tempo di vita come fosse eterno.

Nel mistero dei misteri, per uno strano mistero,

ci chiediamo: chi è l’uomo?

Un punto!

Una figura geometrica, priva di dimensione umana,

alla ricerca affannosa di un passato identitario

che mai troverà.

Luigi Visciglia

Ultime Notizie

(foto: il magnifico organo a canne della Basilica di San Giuliano a Castrovillari) E' con questo titolo che è stato...
Della problematica dei bambini con potenzialità cognitive superiori alla media, dovevamo occuparci qualche tempo fa, poi un po' per la...
"Al sig. Sindaco della benemerenza, “Per il servizio reso alla Città di Cassano all’Ionio ed alla sua comunità; per aver promosso...
Ho ricevuto per email da un'amica americana il messaggio che segue con l'annessa fotografia. Forse qualcuno ha già sentito o...
San Fili dedica 'Note di pace' all'Ucraina con musiche di Leoncavallo eseguite al pianoforte da Ingrid Carbone (Foto: da sin.

Please publish modules in offcanvas position.