Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Sibari, acqua pura in un'insolita "bottega"

31882772.jpgA Sibari è arrivata “La Casetta dell’Acqua”. La scorsa settimana ha aperto i battenti una “bottega” particolare. Qualcuno dirà: ”Bottega di che, cosa fa, cosa vende?”. Il titolare Pasquale Tocci, che da anni lavora con una primaria azienda per il trattamento delle acque, ha pensato bene di portare anche nella nostra cittadina un’innovazione già presente da anni in aree diverse dalla nostra, per esempio nell’entroterra napoletano. La “bottega”, come ho voluto simpaticamente chiamarla, vende semplicemente uno degli elementi di primaria importanza per la vita sulla terra: “l’acqua”. La stessa acqua che scorre nella rete idrica cittadina, che viene debitamente trattata con una serie di filtri e di accorgimenti in modo da renderla rigorosamente priva di ogni possibile traccia di metalli pesanti e di batteri e, quindi, perfettamente pura come sgorga dalla fonte di provenienza.

Attraverso delle “fontanelle” erogatrici posizionate all’esterno della “bottega” i cittadini possono approvvigionarsi in qualsiasi ora del giorno e della notte di acqua anche leggermente frizzante, per chi lo desidera, fresca e pura.

31841738.jpgCome dicevamo prima, in alcuni comuni della Campania e della Puglia sono stati i comuni ad installare simili “fontanelle” con dei “chioschetti” erogatori e, la qualità dell’acqua è garantita da controlli costanti che vengono effettuati molto spesso e di cui si dà contezza agli utenti attraverso analisi che sono esposte in una apposita bacheca, esattamente come sulle etichette presenti sulle bottiglie di plastica dell’acqua minerale, che si acquistano nei supermercati.

Ovviamente il servizio ha un costo, che è minimo, soli 5 centesimi di Euro a litro, con questa piccola somma ci garantiamo dell’acqua da bere perfettamente pura. Inoltre nella “Casetta dell’Acqua” si possono acquistare degli additivi speciali per trasformare l’acqua in bevande gradevoli e leggermente frizzanti, come limonate, aranciate e finanche la Coca-Cola. Cosa si può chiedere di più?

Consumando l’acqua della Casetta di Pasquale Tocci, oltre a risparmiare, si evita di scaricare nell’ambiente quintali di plastica di bottiglie, ricominciando ad utilizzare i contenitori di vetro, più igienici e praticamente indistruttibili. "La casetta dell'acqua" si trova all'inizio di via Taranto a Sibari-Centro nei pressi della chiesa di San Giuseppe.

Grazie Pasquale per questo servizio innovativo che offri a tutti i cittadini in difesa della salute, ti auguriamo di cuore tutto il successo che meriti con la speranza che la tua iniziativa possa essere di stimolo anche nelle località vicine.

Antonio Michele Cavallaro

(Una parte dell'impianto che filtra l'acqua erogata)

 

Ultime Notizie

Consorzio Bonifica Mormanno: le precisazioni della Regione Calabria «Accuse pretestuose, strumentali, simbolo del tentativo di scaricare su altri responsabilità proprie». Così...
MUNDO E PRATICÒ: CHIESTA L'IMMEDIATA CORREZIONE-RETTIFICA DEL DCA 31 DEL 18.02.2021 Il Sindaco di Trebisacce, Franco Mundo, e il Sindaco...
Ricordiamo oggi due musicisti meridionali, pugliese il primo e calabrese il secondo. Il 21 febbraio del 1776 nasceva ad Altamura (Bari)...
Lo scorso sabato il gruppo “Velisti Indignati” ha incontrato il dott. Carlo Tansi ai Laghi di Sibari per parlare sul...
UNA TARGA IN RICORDO DEL DIRIGENTE MARADEI MANIFESTAZIONE AL LICEO CLASSICO “G.COLOSIMO” Nella ricorrenza del primo anniversario sarà celebrato un...

Please publish modules in offcanvas position.