Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Alto Jonio - Comune Unico? Mundo chiama i sindaci

comuni dell'alto ionio.jpgDopo l'eclatante esperienza dell'unione dei due più importanti comuni della Sibaritide, Corigliano e Rossano, altre realtà del territorio stanno intraprendendo la stessa strada, convinti che l'unione fa la forza. Ci stanno provando i paesi delle balze collinari tra il Crati e l'Esaro: Terranova da Sibari, Spezzano Albanese, Tarsia e San Lorenzo del Vallo, è la volta ora di alcuni comuni dell'Alto Jonio cosentino, a lanciare l'idea è sempre il sindaco di Trebisacce avv. Franco Mundo, che ci aveva già provato alla fine dello scorso anno, ma le elezioni prima e la pandemia dopo, avevano interrotto l'iniziativa. Noi di infosibari.it ci eravamo schierati per il SI alla città unica Corigliano-Rossano e, per quel che può interessare, lo siamo anche per l'unione delle altre realtà, convinti che i servizi alle popolazioni possono essere migliorati. L'esperienza di Corigliano-Rossano, che ha messo in evidenza alcune problematiche ed alcuni errori di valutazione, dovrebbe servire come esempio per evitare le stesse trappole. Non siamo, invece, assolutamente d'accordo con l'idea balzana di una provincia Crotone-Sibaritide che da qualche tempo viene di continuo lanciata attraverso i media. AUGURI, quindi, al sindaco Mundo ed ai suoi colleghi che appoggeranno la sua iniziativa. (La redazione)

Di seguito il comunicato diffuso dal palazzo Comunale di Trebisacce.

IL SINDACO DI TREBISACCE PROPONE UN CONSIGLIO COMUNALE CONGIUNTO CON I COMUNI CONTIGUI PER APRIRE UNA DISCUSSIONE SU UN RIASSETTO ISTITUZIONALE DEL TERRITORIO AL FINE DI AUMENTARE LA FORZA POLITICA.

Il Sindaco di Trebisacce, Avv. Franco Mundo, ha inviato una missiva ai colleghi primi cittadini dei Comuni contigui dell’Alto Ionio, al fine di proporre un incontro e un Consiglio comunale congiunto, finalizzati ad avviare una discussione che abbia come argomento una possibile fusione o associazione dei Comuni stessi.

Nella missiva si legge: “Facendo seguito alla lettera e alla richiesta dello scorso ottobre 2019, alle quali non è stato dato seguito per l’imminenza delle elezioni regionali e per via della successiva emergenza legata al COVID-19, ritengo opportuno riprendere l’iniziativa al fine di avviare un confronto politico-istituzionale tra Comuni contigui, il cui fine sia cercare di dare soluzioni organizzative quale presupposto per un riassetto istituzionale che possa comportare benefici in termini di qualità dei servizi, economie nella gestione e il miglioramento della qualità della vita dei cittadini dell’Alto Ionio, nella consapevolezza delle difficoltà dei comuni, soprattutto dei più piccoli, nel garantire i servizi essenziali .

La legge 56/2014 (legge Delrio),   prevede e consente delle premialità per gli enti locali che adottano provvedimenti tesi all’addivenire a soluzioni che garantiscono servizi a minor costo e con più efficienza.

In tale contesto, considerate le affinità, la contiguità e la vicinanza delle comunità in indirizzo (Trebisacce, Villapiana, Plataci, Francavilla, San Lorenzo Bellizzi, Cerchiara di Calabria, Amendolara, Albidona, Alessandria del Carretto), alcune delle quali già di fatto conurbate ritengo opportuno nell’interesse dei Comuni avviare un confronto costruttivo e di verifica delle condizioni per giungere all’erogazione di servizi in associazione al fine di renderli più efficienti ed economici, nonché di verificare la possibilità di una reale conurbazione politico-amministrativa, nel rispetto delle tradizioni e della propria storia, anche per incentivare le attività e stimolare la crescita delle ricchezze e delle bellezze naturali, vero grande patrimonio delle comunità.

Per tali motivi ritengo opportuno avviare una serie di incontri e una propositiva discussione politica in un unico Consiglio comunale aperto ai Comuni disponibili, che possa evidenziare la possibilità di creare maggiori opportunità, anche per la forte valenza e incidenza politica che si verrebbe a creare con un territorio più vasto, al fine di creare un’area omogenea e più forte, non solo demograficamente, ma anche politicamente”.

Ultime Notizie

L'allarme giunge dai cittadini che abitano nei pressi della famigerata discarica di contrada "Silva" e dilaga dopo un incendio che...
(fig. 1 - Alessandro di Antiochia - Venere di Milo) Perché ricorriamo alla cultura greca nei momenti in cui...
Il Comune di Frascineto, ha presentato domanda per partecipareal bando di finanziamento emanato dal Ministero dell’Interno di concerto con il...
Approvato dalla giunta comunale il “Protocollo di Intesa” tra l’Associazione EranosSybaris, l’Istituto Calabrese di Politiche Internazionali, soggetto ideatore ed attuatore...
Il sindaco di Cassano Gianni Papasso e il leader del Movimento dei diritti civili Franco Corbelli hanno avuto l’idea comune...

Please publish modules in offcanvas position.