Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Lauropoli. 4 Novembre - Commemorazione dei Caduti

4 novembre aereo.jpgAnche quest’anno, come ormai  tradizione,  si è rinnovato l’appuntamento a Lauropoli  per la  Festa delle Forze Armate e la Commemorazione dei Caduti di Tutte le Guerre. Quest'anno l'Associazione che cura l'evento guidata dal Presidente prof. Nociti, ha invitato la fanfara dei Bersaglieri di Isola Capo Rizzuto, che ha dato alla cerimonia una connotazione più militare ma anche più sentita con gli squilli di tromba che hanno punteggiato i diversi momenti della manifestazione.

La celebrazione si è svolta all’insegna del ricordo e della preghiera in memoria dei soldati di tutte le guerre che hanno sacrificato la propria vita per difendere la Patria, la Repubblica e la Democrazia.  Dopo la sfilata che si è snodata su viale Laura Serra con numerosi cittadini, i bambini delle scuole elementari e medie e con la fanfara che ha suonato a passo di corsa il suo inno tradizionale, don Pietro Martucci ha officiato la SS.Messa durante la quale ha ricordato le parole di Pace di Papa Francesco. 4 novembre3.jpg

Subito dopo ha avuto luogo, nella piazza antistante la Chiesa, la Commemorazioe di tutti i caduti, brillantemente condotta dalla sig.a Isa Guarino Ferraro che ha passato il microfono dapprima al presidente Nocito e poi ad un giovane carabiniere che ha letto i nomi dei soldati di Lauropoli che sono morti nell'adempimento del proprio dovere. Si sono alternati a parlare il ten dei CC De Leo, il sindaco di Cassano Papasso e diversi rappresentanti dell'associazione combattenti, mentre nel cielo saettava un aviogetto della Sibari-Fly, pilotato da Francesco Dito, che lasciava nell'aria tersa una scia con i colori della nostra bandiera, una bella e inaspettata sorpresa  che ha scatenato un forte e sentito applauso.

Tutto bello e doveroso nel ricordo delle migliaia di giovani che hanno perso la vita in guerre che certamente non hanno voluto e di cui spesso non hanno capito le motivazioni. Ma ci sono notizie che difficilmente trapelano durante manifestazioni similari, nessuno ricorda, per esempio, che nella prima guerra mondiale (!915-18) il 70% circa dei morti furono meridionali, mandati tutti in prima linea come carne da macello per "liberare" dal "giogo austriaco" proprio quelli che ora vogliono autonomia per liberarsi del "fardello" dei terroni buoni solo come braccia per le loro industrie.

4 novembre.jpgMa sarebbe opportuno ricordare anche i circa 800mila meridionali letteralmente massacrati dall'esercito sabaudo dopo la cosiddetta Unità d'Italia, quando metà dell'esercito piemontese-italiano fu dislocato al Sud per "domare" quelli che loro chiamarono BRIGANTI, ma che altri non erano se non dei "PARTIGIANI" che difendevano  la propria libertà. La maggior parte di quei soldati era formata per lo più, guarda un po', proprio da bersaglieri, che commisero atti di estrema crudeltà trucidando intere popolazioni compresi vecchi, bambini e stuprando le donne. Un autentico GENOCIDIO, simile a quello che i turchi commisero nei confronti del popolo Armeno, di cui NESSUNO però parla.

Chissà se un giorno, durante una di queste commemorazioni, qualcuno avrà il coraggio di farlo!

Antonio Michele Cavallaro

FOTO di Maurizio Guarino

Ultime Notizie

Qualche lettore potrebbe essere stato tratto in inganno dal titolo, pensando di essersi imbattuto in un articolo sul noto cantante...
Sul Tema dell'archeologia a Sibari ci sarebbe molto, anzi moltissimo, da dire. Siamo da tempo abituati alle "provocazioni" argute che...
La redazione di infosibari.it condivide in toto quanto riportato nel comunicato che segue, ma andiamo più in là, i responsabili...
L’uomo nuovo. Forse, piuttosto che le linee di un umanesimo nuovo (che resterebbe comunque una teoria, cioè un ideale, sia...
"Le previsioni presenti in questo SITO non vogliono istigare al gioco del lotto, chi lo fa si assume tutte le responsabilità...

Please publish modules in offcanvas position.