Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Corigliano. Successo del Liceo G.Colosimo

STUDENTI 1.JPGIV EDIZIONE “NOTTE DEL CLASSICO” - Successo di pubblico per l’evento nazionale organizzato dal Liceo “G.Colosimo” di Corigliano Calabro. Giornata incentrata sulla libertà di espressione e di pensiero

Bagno di folla per la IV edizione della Notte del Liceo Classico “G. Colosimo” dal titolo “VERBA MANENT…il potere della parola”, svoltasi al centro di Eccellenza di Corigliano Calabro, alla presenza di rappresentanze istituzionali e scolastiche. Ad introdurre e coordinare le attività, la professoressa Anna Di Vico De Simone che, dopo i saluti e i ringraziamenti, ha spiegato le ragioni dell’iniziativa a cui ha collaborato la professoressa Giovanna Conserva unitamente all’intero corpo docente dell’istituto.

Nel corso della manifestazione sono intervenuti il sindaco Giuseppe Geraci e l’assessore alla pubblica istruzione Tommaso Mingrone. Le conclusioni sono state affidate al dirigente scolastico Pietro Antonio Maradei che ha sottolineato la rilevanza, estremamente attuale, della tematica affrontata quale principio democratico di alto valore da tutelare e custodire. Inoltre, con riferimento alla consegna del nuovo liceo classico, ha ribadito l’importanza di aver zonizzato la struttura nel centro storico.    

Gli studenti si sono cimentati nella rilettura dell’art. 21 della Costituzione, di cui quest’anno ricorre il 70° anniversario, incentrato sulla libertà d’espressione, pietra angolare del sistema democratico. Diritto che è stato faticosamente conquistato, ma che oggi risulta minacciato dall’uso distorto dei media e dei social network, ricettacolo di fake news, haters e cyberbullismo.

DIRIGENTE MARADEI.JPG(foto: il dirigente prof. Pietro Maradei circondato dagli studenti) E allora partendo dal primo esempio letterario di “censura”, quello del Tersite omerico, umile soldato zittito da Odisseo,   aristocratico eroe, “abile nel parlare”, i ragazzi hanno portato in scena stralci della “Lisistrata” di Aristofane, genio della sferzante satira “senza bavaglio” dell’Atene del V sec.a C.; hanno indossato i panni di martiri illustri del libero pensiero: Socrate, Seneca, Ipazia d’Alessandria, Giordano Bruno, le cui anime si ritrovano in un oltretomba immaginario; hanno reinterpretato il mito della caverna di Platone, come prigionieri dei nuovi idoli e del pensiero unico propinato dai mass media e dai social; e poi Ovidio e il suo esilio, il Gatto e la Volpe di Pinocchio nei panni di abili “sofisti”, Don Milani e il suo impegno per una parola che ”rende uguali e ci fa liberi”. Il tutto con originali contaminazioni e performance canore, coreutiche ed artistiche realizzate dagli studenti diversamente abili, perché la comunicazione, soprattutto quella non-verbale, supera ogni barriere. Un’edizione questa, particolarmente emozionante, perché coincisa con la consegna del nuovo Istituto per il “G.Colosimo”, ubicato nella splendida cornice del centro storico, sede che si auspica possa diventare fucina di menti brillanti e progetti innovativi per tutto il territorio.

UFFICIO STAMPA

informazionecomunicazione.it

Ultime Notizie

Il 23 novembre del 1963 moriva a Santa Cruz il pianista e compositore cubano Ernesto Lecuona (1895-1963). Scrisse più di...
La sen.ce Silvana ABATE ci ha inviato il comunicato che segue: "Ho letto il comunicato inviato agli organi di informazione dalla...
"Le previsioni presenti in questo sito non vogliono istigare al gioco del lotto, chi lo fa si assume tutte le responsabilità...
Oggi andiamo a ricordare un altro compositore precocemente scomparso a soli 36 anni e che ha lasciato comunque segni importanti...
L’AMBITO SOCIO ASSISTENZIALE NUMERO N.4, - TREBISACCE COMUNE CAPOFILA, SBLOCCA FONDI REGIONALI PER LE STRUTTURE SOCIO SANITARIE PARI A 1.200.000...

Please publish modules in offcanvas position.