Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Cassano rischia di perdere 2 autonomie scolastiche

ivan-iacobini.jpgPensavamo fosse tutto risolto e, invece, in merito alla questione delle autonomie scolastiche apprendiamo che due autonomie scolastiche potrebbero venir meno: Sibari Zanotti-Bianco e Cassano Lanza-Milani. L’amministrazione comunale aveva previsto con la delibera 185 del 2016 il mantenimento delle quattro autonomie scolastiche: Istituto Comprensivo Lanza-Milani (591 alunni), Istituto Comprensivo Troccoli (676 alunni), Istituto Comprensivo Zanotti-Bianco (538 alunni) e Istituto di Istruzione secondario di Cassano (635 alunni). Le autonomie sono state confermate e approvate nel Piano Provinciale di dimensionamento scolastico. Difatti nella nota relativa al distretto numero 18, quello di Cassano, si legge: “In concordanza con quanto dettato dalle linee guida della Regione Calabria, giusta delibera numero 144 del 2016, gli istituti comprensivi di Cassano Ionio Lanza-Milani e Sibari Zanotti-Bianco non saranno oggetto di modifica in quanto il comune è dichiaratamente area soggetta ad un forte tasso di devianza giovanile e dispersione scolastica nonché territorio caratterizzato da un alto tasso di micro e macro criminalità (come indicato dalla delibera 185 sopra citata)”. Con la delibera di giunta regionale numero 8 del 13 gennaio 2017 si recepisce e approva tale piano proposto dalla Provincia. In data 17 gennaio, però, l’ufficio scolastico regionale del Miur approva sì i dati precedenti però sembra non confermare la presenza dei quattro dirigenti. Essendo, infatti, il piano proposto dal comune valido e relativo solo alla rete scolastica e non a quella riguardante il personale. Quindi pare che i dirigenti della Lanza-Milani e della Zanotti-Bianco saranno oggetto di decadenza (perché ognuna necessita, per legge, di avere 600 alunni o 400 in caso di deroga speciale per le minoranze linguistiche o per i comuni montani). E pertanto, quindi, dall’anno scolastico 2017/2018 le due dirigenze saranno conferite in reggenza con incarico a dirigenti scolastici assegnati ad altre istituzioni scolastiche autonome. I nuovi reggenti, in pratica, invece di essere presenti con costanza sul territorio a monitorare l’andamento e i problemi delle scuole e degli alunni di Cassano e Sibari, saranno reggenti di altre realtà scolastiche e saranno sul nostro territorio raramente solo per questioni di gestione prevalentemente ordinaria. E oltre al dirigente si perderebbe il DSGA, il segretario amministrativo. La questione è molto seria e va dibattuta nelle opportune sedi. Il territorio di Cassano non può permettersi di perdere queste due autonomie. Dobbiamo lavorare per far sì che tutti i dirigenti continuino il loro prezioso lavoro in tutte e quattro gli istituti presenti sul territorio. Senza polemica, offriamo la nostra massima disponibilità a mettere in campo tutti gli strumenti che permettano il mantenimento delle autonomie scolastiche anche a livello di personale nella Lanza-Milani e nella Zanotti-Bianco.

Ivan Iacobini consigliere comunale Cassano Ionio gruppo "Iacobini SIndaco"

Ultime Notizie

In queste ore ho inviato una diffida alla Regione Calabria e ai competenti uffici in riferimento ai lavori sull’argine del...
IL SINDACO DI TREBISACCE INTERVIENE NELL’AMBITO DI UN INCONTRO DEDICATO ALL’OPERATO DELLE ASSOCIAZIONI IN AMBITO DI SICUREZZA TERRITORIALE. “Il mondo...
Dopo un anno dalla prima chiusura del ponte sul Saraceno, il lavoro di recupero della vetusta struttura, risalente al...
Convegno dell’ICSAIC sul popolarismo nel Mezzogiorno, a cent’anni dall’Appello di Don Sturzo ai Liberi e Forti (UNICAL, 13-11-2019) “A tutti gli...
Cosa non si fa per ottenere consensi e fare becero clientelismo. Oliverio le inventa tutte per aggiogare sindaci e politici...

Please publish modules in offcanvas position.