Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Cassano. Comunicato del Comitato per la salute

Bene il governo per la nomina del Generale Saverio Cotticelli a Commissario per la Sanità per la Regione Calabria. Ora si passi ai fatti. I calabresi non possono più attendere.

Lo sostiene in una nota il Portavoce del Comitato Spontaneo di Cittadini per la Difesa per il Diritto per la Salute di Cassano All’Ionio, Francesco Garofalo.

Le politiche sanitarie degli ultimi anni in Calabria hanno perseguito la sostenibilità economica attraverso tagli che hanno indebolito le strutture e danneggiato fortemente i cittadini e le persone che a tali strutture ricorrono.

Ponendo il bilancio come priorità ci ritroviamo vittime del sistema perdendo, in questa assurda priorità, il diritto alla salute. La sanità nella nostra regione non può essere sempre oggetto di strumentalizzazione politica o terreno di lottizzazione. Si deve tornare a mettere al centro di questo settore il diritto alla salute. I più colpiti dai tagli e dai disservizi sono anziani, bambini e disabili, cui viene, di fatto, negato il diritto alla salute con un sistema fatto di liste d’attesa che si possono scavalcare solo pagando in intromoenia o con la sanità privata.

Ritengo – ha evidenziato Garofalo -, che bisogna intervenire sulla rete di medicina territoriale e sull’integrazione socio- sanitaria. Così come occorre rafforzare il sistema di pronto intervento d’urgenza. Con la salute non si scherza. Il nuovo commissario ascolti i territori che da troppo tempo sono rimasti inascoltati ed abbondonati al loro destino. Lo sfascio della sanità è sotto gli occhi di tutti, ma si è ancora in tempo per invertire la rotta. Prioritario deve essere la tutela dei più deboli e il diritto alla cura uguale per tutti.

In particolare, il Comune di Cassano All’Ionio, per un quarantennio, è stato stati privato colpevolmente di una struttura ospedaliera, che ancora oggi, rappresenta l’emblema dello sperpero del danaro pubblico e di ben individuate responsabilità politiche. Così come, quotidianamente, gli utenti sono costretti ad elemosinare finanche i servizi minimi essenziali.

Al nuovo Commissario, - ha concluso Garofalo -, nei prossimi giorni chiederemo di ascoltarci rispetto alle criticità del sistema sanitario che vivono quotidianamente i cittadini di Cassano.

COMITATO SPONTANEO DI CITTADINI

IN DIFESA PE IL DIRITTO PER LA SALUTE

DI CASSANO ALL’IONIO(COSENZA)

IlPortavoce                                                                           Francesco Garofalo

Ultime Notizie

Abbiamo appreso dal Web che alcuni consiglieri comunali di Cassano sono rimasti sorpresi dalla notizia che il campo base del...
Al 28 maggio sono legati due musicisti che a me piacciono molto, scopriamoli insieme ed ascoltiamo due loro composizioni che...
Con la fase 2, ripartono i percorsi di politiche attive per la realizzazione di tirocini di inclusione sociale rivolti a...
Emergenza Covid-19: 3 milioni di euro per gli universitari calabresi fuori sede In pubblicazione sul portale della Regione l’Avviso e la...
COMUNE DI TREBISACCE FESTA DEL BIONDO 2020 ALLA SCOPERTA DEI GIARDINI DI TREBISACCE L’emergenza Covid-19 non può cancellare il...

Please publish modules in offcanvas position.