Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

"Calabria Che Vuoi" dissente sul Bilancio del Comune di Cassano

elda cosenza.jpgBilancio da bocciare. Ignorate le indicazioni dei revisori per anni, si poteva agire prima.

Con i soldi della Syndial e altri soldi a bilancio si poteva operare diversamente e non aspettare fino a ora annunciando misure drastiche contro gli evasori. C’era tempo e modo per agire prima e diversamente ma seguendo le indicazioni dei revisori dei conti che segnalavano il problema del recupero delle somme anticipate e dagli evasori già dal 2013, non da ieri. Il nostro, dunque, non può che essere un giudizio chiaramente negativo riguardo al bilancio di previsione partendo proprio da quella che è la relazione contenente il parere dell’organo di revisione sul bilancio la prima cosa che subito risulta agli occhi è la previsione di una grossa parte di entrate dovute alla cospicua massa di residui attivi derivanti dal recupero evasione tributaria pari a 5 milioni di euro circa. Se poi a questa aggiungiamo un altro milione derivato dalle violazioni del codice della strada dovute nella quasi totalità all’installazione di un autovelox sulla S.S.534, vengono stimate delle entrate di circa 6 milioni di euro basandoci sulla capacità di questa amministrazione di recuperarli al 100%.

A questo aggiungiamo anche che l’ente non ha deliberato nessuna deduzione/esenzione di tributi locali (il cosiddetto baratto amministrativo).Nella situazione in cui viviamo oggi ci sembra impossibile a dir poco l’attuazione delle misure di recupero senza l’attivazione di altri sistemi di riduzione ai sensi dell’articolo 24 del decreto legge n. 133/14 la crisi c’è ed è reale, viene puntualmente richiamata anche dal sindaco. Non capiamo con quale modalità si intendono recuperare queste somme. E i cittadini che non sono riusciti a pagare in questi anni, perché senza lavoro e senza margini di reddito, come faranno a pagare oggi che la crisi si è aggravata? Inoltre verrà utilizzato per il recupero l’ufficio tributi dell’ente o, come paventato dal sindaco, questo ramo verrà esternalizzato con procedure che ci auguriamo attingano al MEPA?

Un’ultima considerazione da fare è che in diversi punti del parere redatto dall’organo di revisione si raccomanda, in maniera preoccupante, il monitoraggio continuo degli importi in bilancio per quello che concerne gli accertamenti tributari. Ma è davvero realistico pensare che si possano riscuotere in due esercizi somme per 5 milioni di euro?

Elda Cosenza   (nella foto)

Capogruppo La Calabria che Vuoi Cassano

Ultime Notizie

Esprimo soddisfazione per l’avvio della manifestazione d’interesse propedeutica al via della campagna sperimentale della pesca della sardella nelle aree dello...
L’energia di una storia rivolta al futuro. Giovedì 28 gennaio, alle ore 21:00, si terrà “10 anni insieme. L’energia di...
300 Mila Euro per completare le opere di urbanizzazione del Centro Storico. La richiesta del sindaco di Cassano All’Ionio alla...
CROSIA, SERVIZIO DI IGIENE URBANA CONSEGNA ECOBOX PER CARTA E MULTIMATERIALE La gestione affidata a Ecoross nel luglio 2020 per...
Non si può dimenticare uno dei più grandi direttori d'orchestra del mondo, come oggi, infatti, 20 gennaio del 2014 moriva...

Please publish modules in offcanvas position.