Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Picchi tua madre? Tranquillo, sarai assolto...

violenza.jpgRiceviamo e pubblichiamo senza aggiungere o togliere alcunché:

Maltrattamenti in famiglia, assolto 29enne - L’uomo era stato tratto in arresto nell’agosto del 2016  - Si è concluso con una sentenza di assoluzione il processo a carico di P.A, ventinovenne rossanese pregiudicato, difeso di fiducia dal penalista Avv. Francesco Nicoletti. Il giovane era accusato di aver reiteratamente posto in essere offese, percosse e minacce nei confronti della madre, anche finalizzate ad estorcerle denaro. Non solo. Gli si contestava di averle procurato delle lesioni al labbro nel momento della ricezione della notifica di un atto giudiziario relativo ad un’altra denuncia precedentemente sporta dalla donna per pregressi episodi aventi ad oggetto maltrattamenti, estorsione aggravata e lesioni aggravate. Nella stessa circostanza, il 29enne avrebbe anche scaraventato a terra gli arredi di casa, danneggiandoli.

I FATTI Già in precedenza, P.A. era finito in manette con l’accusa di maltrattamenti ai danni della madre. La sera del 20 agosto 2016 è giunta sull’utenza dei Carabinieri una telefonata nel corso della quale si sentivano urla ed una voce femminile che gridava aiuto. Il militare in ascolto ha inoltre udito rumori di oggetti che andavano in frantumi ed una voce maschile che proferiva minacce. Sempre dalla stessa utenza sono giunte altre telefonate e solo nell’ultima l’interlocutrice ha indicato l’indirizzo presso cui intervenire. Giunti sul posto, i carabinieri hanno raccolto la denuncia della donna che confermava l’aggressione ed effettuato i rilievi fotografici relativi a mobili e arredi distrutti. Su disposizione del Pubblico Ministero procedente, stante la gravità dei fatti contestati, in quella occasione il 29enne è stato arrestato e trasportato presso il Carcere di Castrovillari.    

LA DECISIONE DEL TRIBUNALE Nei confronti dell’imputato è stata emessa richiesta di giudizio immediato a cui è seguita, da parte della difesa, la richiesta di accedere al giudizio con il rito abbreviato. All’esito del processo, a conclusione della propria arringa il Pm ha formulato una richiesta di pena pari a 2 anni e 2 mesi di reclusione. Il Tribunale di Castrovillari, in totale accoglimento delle tesi e delle richieste avanzate dalla difesa, ha emesso una sentenza di assoluzione nei confronti del giovane rossanese.    

fonte: Informazione e comunicazione

Ultime Notizie

Esprimo soddisfazione per l’avvio della manifestazione d’interesse propedeutica al via della campagna sperimentale della pesca della sardella nelle aree dello...
L’energia di una storia rivolta al futuro. Giovedì 28 gennaio, alle ore 21:00, si terrà “10 anni insieme. L’energia di...
300 Mila Euro per completare le opere di urbanizzazione del Centro Storico. La richiesta del sindaco di Cassano All’Ionio alla...
CROSIA, SERVIZIO DI IGIENE URBANA CONSEGNA ECOBOX PER CARTA E MULTIMATERIALE La gestione affidata a Ecoross nel luglio 2020 per...
Non si può dimenticare uno dei più grandi direttori d'orchestra del mondo, come oggi, infatti, 20 gennaio del 2014 moriva...

Please publish modules in offcanvas position.