Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Addio a Herbert D. Kelleher l’inventore dei voli low cost

herb kelleher.jpgOgni volta che cerchiamo un volo  a basso costo e magari lo troviamo ad un prezzo irrisorio, che solo una decina d'anni fa sarebbe stato impensabile, dovremmo rivolgere un pensiero di gratitudine all'uomo che ha letteralmente inventato il sistema per far viaggiare in aereo praticamente tutti, e che il 3 gennaio scorso ha lasciato il mondo terreno. Chi, come me, lavora da una vita nel mondo del turismo e dei viaggi non può che salutarlo con un enorme "thanks Herb", e che ti sia lieto questo tuo ultimo "air transfer". Di seguito il ricordo del dott. Roberto Gentile (A.M.Cavallaro)

 

Se n’è andato a 87 anni Herbert D. Kelleher, che nel 1971 aveva fondato insieme a Rollin King (scomparso nel 2014 a 83 anni) quella che vien considerata la prima compagnia aerea low cost della storia, la Southwest Airlines.

Kelleher, originario del New Jersey, è stato il direttore esecutivo della Southwest per 30 anni, fino al 2008, oltre che CEO dal 1981 al 2001. La Southwest, con sede a Dallas (Texas), si è trasformata da compagnia aerea regionale in una delle più grandi degli USA.

Per tagliare i costi Southwest scartò il modello “hub-and-spoke” delle rivali (che prevede uno scalo, l’hub appunto, dove si concentra la maggior parte dei voli) per puntare tutto sul “point-to-point”, senza hub intermedi e utilizzato lo stesso tipo di velivolo, il Boeing 737.

La strategia Southwest ha fatto scuola: in tempi più recenti, è stata replicata anche in Europa, da compagnie come l’irlandese Ryanair e la britannica easyJet, che continuano a crescere impetuosamente, sebbene non raggiungano le dimensioni della Southwest. A rendere omaggio a Kelleher è stato, fra gli altri, proprio il vulcanico CEO di Ryanair, Michael O’Leary, che lo ha definito “il Gran Maestro Yoda delle compagnie aeree a basso costo” e lo ricorda così: “Era il leader, il visionario e il maestro: senza Herb non ci sarebbero Ryanair e le altre compagnie low cost”.

Gli assistenti di voli di Southwest sono diventati celebri per il loro buon umore; nella sede di Dallas i visitatori potevano premere uno speciale pulsante che faceva riecheggiare la sonora risata di Kelleher, accanito fumatore e appassionato di bourbon. Il co-fondatore della Southwest si era conquistato l’affetto di clienti e impiegati con basse tariffe e buoni stipendi, oltre che con il suo modo di fare affabile e divertente. Il suo motto era: “A company is stronger if it is bound by love rather than by fear”  (Una compagnia è più forte se è vincolata dall'amore piuttosto che dalla paura).

Ultime Notizie

(fig. 1 - Eugène Delacroix -La barca di Dante) Il libero arbitrio è un concetto intrigante che mette in discussione...
Il 16 gennaio 1728 nasceva a Bari il compositore Niccolò Piccinni (1728-1800). Studiò con Leonardo Leo e Francesco Durante, presso il...
Il diminutivo usato nel titolo, sta a voler sottolineare la pochezza del personaggio, che comunque, e questo veramente è preoccupante,...
Finalmente il Porto di Corigliano-Rossano assume la forma e il valore strategico che gli competono. Con immensa soddisfazione, infatti, comunico...
È fissato per domenica 17 gennaio, l’appuntamento per lo screening sul Covid-19 a Sibari. Nel piazzale della chiesa parrocchiale di...

Please publish modules in offcanvas position.