Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Mons. Antonio Ciliberti è salito in cielo

ciliberti.jpegHo saputo solo pochi minuti fa che mons. Antonio Ciliberti è deceduto a Roma la scorsa notte. Era nato il 31 gennaio del 1935 a San Lorenzo del Vallo e per quasi tre lustri era stato parroco della chiesa di Sant’Antonio In Corigliano. Conobbi don Antonio durante la mia residenza per alcuni anni nella cittadina ionica. Con un centinaio di suoi fedeli parrocchiani organizzai il mio primo pellegrinaggio a Medjugorije e da quel momento per lui fui sempre “il capitano”, così amava chiamarmi affettuosamente. Fui felice, gioimmo insieme e partecipai alla sua ordinazione a vescovo di Locri ricevuta il 28 gennaio 1989 dall'arcivescovo Serafino Sprovieri (coconsacranti: arcivescovo Giuseppe Agostino, arcivescovo Antonio Cantisani).

Fui da lui ordinato “Cavaliere Betlemita” insieme ad altri confratelli di Corigliano, Rossano e Locri e non potrò mai dimenticare la premura di cui mi onorava quando andavo a trovarlo a Matera in occasione delle mie frequenti visite per motivi di lavoro, durante le quali riuscivo sempre a ritagliare del tempo per andare a salutarlo, eppur senza preavviso mi dedicava qualche minuto salutandomi con l’ormai divenuto abituale “mio caro capitano”. Quando poi divenne arcivescovo di Catanzaro le opportunità di incontrarlo furono maggiori, essendo io per metà di origini catanzaresi, mi capitava più spesso di poterlo salutare e chiacchierare piacevolmente con lui e con un altro grande uomo di chiesa, anch’egli purtroppo scomparso, che fu don Natale Colafati, rettore per diversi anni dell’Istituto Teologico San Pio X. Persone che, aldilà delle vuote chiacchiere, hanno saputo dare alla loro azione pastorale una forte impronta culturale ammantata da due essenziali virtù: la modestia e la sobrietà.

Le esequie saranno celebrate lunedì prossimo 3 aprile nella cattedrale di Catanzaro, da mons. Vincenzo Bertolone, attuale vescovo metropolita dell’arcidiocesi di Catanzaro e Squillace.

La notizia del suo trapasso mi ha addolorato profondamente, giunga ai suoi familiari il cordoglio mio e della redazione.

Addio caro don Antonio ti sia lieve il viaggio.

Antonio M.Cavallaro

Pubblichiamo il messaggio di Cordoglio dell'Avv. Amerigo Minnicelli, portavoce delle CENTO ASSOCIAZIONI PER LA FUSIONE Rossano-Corigliano

Desideriamo esprimere alla Famiglia Ciliberti
 il più profondo cordoglio per la scomparsa 
di Mons. Antonio Ciliberti
Arcivescovo Metropolita Emerito di Catanzaro
con il quale tante volte ci siamo confrontati sul tema della Fusione tra le due nostre Città che Egli conosceva assai bene, forse come nessun altro. Posso dire che ci era vicino e ci illuminava con la luce delle Sue Idee sempre all'avanguardia e sempre misericordiose. 
Ci mancherà molto la Sua capacità di ascolto e siamo certi che continuerà a darci parte di quel grande Amore che nutriva per Corigliano e Rossano. 
Don Antonio! 
che Iddio Vi Benedica  
che Voi ci Benediciate da Lassù 
come avete fatto tante volte su questa Terra. 

Ultime Notizie

Il sindaco di Trebisacce Franco Mundo, candidato nella lista del PD alla prossima competizione regionale, con una nota comunicava la...
IL LICEO CLASSICO ALESSI DI TURI DI TREBISACCE CELEBRA LA NOTTE DEI LICEI Una maratona di eventi culturali e, allo stesso...
"ECONOMIA" NELLE ELEZIONI IN CALABRIA: SCIENZA, USO O RISPARMIO DELLE RISORSE E DEL PENSIERO? In famiglia la parola economia ha un...
Il 16 gennaio 1886 moriva a Milano di broncopolmonite a soli 51 anni il compositore italiano Amilcare Ponchielli (1834-1886). Nel...
Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 1, 29-34 29 Il giorno dopo vede Gesù che viene verso di lui e dice:...

Please publish modules in offcanvas position.