Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Legittima difesa? Rivoluzione francese?

Ghigliottina.jpgViene sempre di più invocata la legittima difesa: poter far fuori i ladri. E sarebbe carina! Significherebbe poter reagire anche allo Stato che si succhia il 90% dei nostri guadagni. Assaltare la Bastiglia del potere? Ripristinare le ghigliottine in piazza? Ma per favore! Chi prospetta soluzioni del genere è un pazzo, o, nel migliore dei casi, un populista. La regola, oggi, è che quel che vi rimane dopo la trasfusione statale, può essere assorbita dal malavitoso di turno. O siete dei fottuti fascisti?

Abbiamo sconfitto il nazifascismo proprio per questo, per il sol dell’avvenire nel quale tutto viene ridistribuito. Voi, ignoranti, direte: ma si ridistribuisce solo quello che mi sono sudato col mio lavoro? Ingenui. E che cos’altro si dovrebbe ridistribuire? I vostri debiti? Le rate del mutuo? Ma per piacere! Siate politicamente corretti: sgobbate e siate solidali! Anzi, dovreste essere orgogliosi di poter risollevare la nazione col vostro lavoro.

Politici, Amministratori, ladri e mafiosi, senza di voi sarebbero costretti alla fame. È questo che volete? Pensate ai possibili commoventi spot televisivi nei quali, la vista di quei poveri disgraziati, affamati e pieni di pustole sanguinolente, vi obbligherebbe a versare due euro al mese per la loro stentata sopravvivenza.

Avreste veramente un cuore di pietra che vi permettesse di vedere, senza commuovervi, un politico privarsi della sua berlina blu per spostarsi? O, peggio, vedere un feroce ladro assassino marcire in carcere?

Grazie al cielo siamo una società avanzata, nella quale i diritti civili sono rispettati. Soprattutto quelli dei più deboli: i ladri.

La ghigliottine fanno parte di un triste, cruento e poco evoluto passato, che è meglio non rimpiangere.

Maurizio Silenzi Viselli

Ultime Notizie

Seguo sin dal primo momento la nuova emergenza che si è venuta a verificare sull'argine del Crati dove il livello...
Il territorio di Cassano in zona rossa è senza alcun dubbio una sconfitta per l’intera comunità, che si può e...
L’ associazione DSL di Civita risponde all’appello della Comunità di Sant’Egidio, donando coperte, e sacchi a pelo utili ad affrontare...
Nell'allegato pubblichiamo il messaggio di mons. Francesco Savino, vescovo della diocesi di Cassano Ionio in occasione della ricorrenza di San...
Stavo dimenticando che il 23 gennaio 1934 ebbe luogo la prima rappresentazione a Roma (Teatro dell'Opera) di La fiamma, opera...

Please publish modules in offcanvas position.