Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Il prof. Pietro Garofalo, un uomo da ricordare.

pietro garof.jpegIn questi giorni di forzata clausura, ho avuto il tempo per tirare fuori carte e documenti che in fretta e furia avevo conservato in enormi scatoloni, quando vendetti la casa dei miei genitori. In uno di quei contenitori è saltato fuori, tra una cartella e un quaderno il pieghevole che vado a presentarvi. Si tratta di una vera e propria "orazione funebre" pubblicata per ricordare la figura di un uomo di notevole statura culturale, morale e politica di cui Cassano sembra essersi dimenticata. Parlo del prof. Pietro GAROFALO. In coda troverete e potrete leggere quel che scrisse al momento della sua scomparsa un personaggio spesso contraddittorio, talvolta fastidioso e pungente come un insetto molesto, ma ricco di intelligenza brillante, di creatività e di un non comune coraggio, mi riferisco ad Alcide Ferraro. Qualcuno lo ha definito addirittura "genio del male", ma solo dopo la sua scomparsa, perchè quando era in vita pochi  si sono permessi di definirlo così, anche se, devo ammetterlo, non tutte le sue azioni furono ispirate da sentimenti positivi e nobili.

Il prof. Pietro Garofalo, aveva insegnato lettere, per qualche anno, presso il costituendo Istituto Magistrale di Cassano, incarico che lasciò quando l'allora ministro Giacomo Mancini lo volle a Roma quale suo segretario particolare. Il Ferraro l'ebbe come suo professore proprio nei primi anni di frequenza in quell'istituto, fu quell'esperienza studentesca che, probabilmente, ispirò la delicata "orazione" che leggerete subito dopo questa mia breve introduzione. Io ero un imberbe studentello ginnasiale quando conobbi il prof. Garofalo, allorchè mi diede qualche lezione privata di greco e di latino e confesso, fu l'unico che mi fece entrare in zucca quel poco che ancora oggi ricordo, tra l'altro il voto più alto che io abbia mai ricevuto in tutta la mia carriera scolastica fu un "otto" proprio in una versione dal greco, nel periodo che potetti approfittare del suo sapere. Ma bando ai ricordi, vi lascio alla lettura dell'epitaffio di Ferraro, con la speranza che prima o poi qualcuno di questa cittadina ricordi la figura del prof. Garofalo per come certamente ha meritato in vita.

pietro garofalo.jpeg

Antonio Michele Cavallaro

 

Ultime Notizie

Oggi mi piace ricordare, nell’anniversario della sua morte, una donna di straordinarie qualità innamorata della musica di un grande compositore.
In una comunicazione diretta al neo commissario straordinario dell'azienda sanitaria provinciale di Cosenza Vincenzo La Regina, il portavoce del comitato...
Apprendiamo compiaciuti che il Comune di Cassano si appresta a chiedere al Ministero degli Interni ben 14 Mio di Euro...
Ricordo oggi, nell'anniversario della sua nascita, un musicista che a me piace definire "elegante", la sua musica è come una...
Riceviamo e pubblichiamo l'accorato appello dell'artista Ercolino Ferraina, cittadino della terza città calabrese, al proprio sindaco. Leggendo si arguisce un...

Please publish modules in offcanvas position.