Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Mi Tormenti (poesia)

vecchio-su-panchina-Dipinto-di-Peter-Gallen.jpgQuesta che vi propongo é una poesia che interessa noi anziani che spesso siamo in conflitto con noi stessi per gli anni passati, per il cruccio di non poter affrontare nuove avventure, rivivere i tempi belli della gioventù,  purtroppo sparita, andata via con il tempo, ed anche se sollecitati, spinti verso un revival, non possiamo che sorridere ai frizzi alcune volte tendenziosi che suonano come sfide. La vita è anche questo, non possiamo accettare più alcune sfide, ma possiamo sorridere per la certezza di aver vissuto tanti anni che ci hanno reso alfine maturi con esperienze, certezze, amenità e un po' di sapienza, il che non é poco.  Dovendo e cercando di vivere ancora per altri anni, anche se pochi, ci si augura che siano meravigliosi per altre soddisfazioni che ci daranno piccole o grandi felicità, finché non giungerà il giorno in cui dovremo dire addio a tutti quelli che rimangono per intraprendere l'estremo viaggio con la speranza che la meta sia splendida. (Immagine: vecchio su panchina - Dipinto di Peter Gallen)

 

Mi Tormenti

Tu,

mi tormenti,

mi poni domande

senza arrossire.

Un poco scortese

alla fine mi chiedi

“Quanti sono gli anni che hai?”

Io,

ti rispondo

scoprendomi il fianco.

“Sessantasette, sono tanti?”

Sorridi, pensando

ad uno scherzo verbale,

di rimando mi replichi

“Non credo.

Ne dimostri di meno,

forse cinquanta,

cinquantacinque o sessanta.

Amica non fingo.

Non cerco una lode,

un complimento,

una parola di plauso.

Ho gli anni che ho detto

ho di tutti un ricordo,

un aneddoto, un passo.

Non piango per il volato passato.

Non chiedo il ritorno a vent’anni

Ho vissuto beatamente

i miei più giovani anni,

alcune volte piangendo,

in altri casi allegramente scherzando,

aspettando i rintocchi delle ore

che mi segnavano il tempo,

cronometrando gli istanti

tra un’alba e un tramonto,

tra un dì tormentato

ed un affanno sparito.

Se tu vuoi darmi illusioni,

sorrido tranquillo. Sereno

oramai aspetto il domani

con il pensiero di averlo

insieme a tante

più volte vissuto.

Michele Miani

Ultime Notizie

"Le previsioni presenti in questo sito non vogliono istigare al gioco del lotto, chi lo fa si assume tutte le responsabilità...
Il 14 ottobre scorso il noto giornale online "Iacchité" che ha sede in Cosenza, ha pubblicato un articolo contenente pesanti...
Il 10 ottobre nella Basilica di San Pietro in Roma, il Santo Padre Francesco ha celebrato la Santa Messa per...
Al Salone del Libro di Torino, Cassano è presente con l'editore Giovanni Spedicati titolare de "La Mongolfiera". Spulciando tra gli...
Nella nostra rubrichetta di musica oggi ci occupiamo di un personaggio del XX sec. che ha influenzato il pensiero filosofico...

Please publish modules in offcanvas position.