Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Un libro per conoscere i vini calabresi

conoscere il vino.jpgQuando migliaia di anni fa, il primo vitigno approdò in Europa dal lontano Oriente, fu proprio sulle coste delle regioni meridionali d’Italia che si iniziò a produrre il nettare degli dei, “il VINO”. Da quel lontanissimo giorno la vite e il suo prodotto ne hanno fatta di strada. Dalla vite originaria sono state ricavate migliaia di varietà, alcune regioni hanno fatto fortuna con i loro vini pregiati conosciuti in tutto il mondo. La regione, una delle prime a ricevere il “dono” divino, la Calabria, è rimasta un po’ indietro rispetto ad aree che hanno iniziato più tardi a conoscere ed a praticare la viticoltura. Popoli che bevevano birra, idromele, sidro, si sono convertiti e sono riusciti anche ad ottenere risultati sorprendenti con prodotti che furoreggiano anche da noi al sud. Provate in un nostro bar a chiedere un bicchiere, o meglio un calice, (senno’ facciamo la figura dei beoni di basso livello) di vino e vedrete che la risposta-domanda del barman di turno sarà: “un prosecchino”? Pochi, oserei dire pochissimi, vi proporranno un vino calabro o magari comunque del meridione, eppure abbiamo ottimi vini.

Tutto questo prologo per presentare il libro scritto da un conoscitore, da un caro e antico amico, Carmine SIRUFO, che recentemente ha dato alle stampe “Conoscere il Vino. Alla scoperta delle eccellenze calabresi” per i tipi della casa editrice Montecovello. Dalla recensione dell’editore leggiamo Il libro si rivolge a tutti gli appassionati della cultura del vino, agli operatori del settore enogastronomico, ai produttori, agli enti pubblici preposti alla promozione del territorio, agli studenti e ai docenti degli istituti alberghieri e agrari. Sintetizza l'enografia nazionale, le tipologie e la classificazione dei vini, le modalità di produzione, cosa sono le denominazioni di origine e come siano distribuite quelle attuali, per passare poi ad approfondire la storia del vino in Calabria e la sua enografia, con lo scopo di mettere in risalto tutte le produzioni a denominazione. In modo sintetico affronta, anche l'importanza del wine marketing e le varie strategie da adottare per incrementare la conoscenza e il consumo dei vini Calabresi. Infine si riporta l'elenco, con i relativi recapiti, di tutti i produttori della Regione

In poche parole apprendiamo che l’opera di Sirufo ci permetterà di poter apprezzare appieno le produzioni vinicole della nostra regione, farle conoscere e magari riuscire così ad avere nel nostro solito bar un “buon bicchiere” nostrano invece del solito “prosecchino” che, detto fra noi, ma non ditelo a nessuno, a me sta proprio sui “tintinnibula”. Prosit, anzi “a ra salut” e complimenti all’autore che ringrazio a nome di tutti gli “appassionati” sostenitori del vino regionale, per quest’opera che mancava e che sicuramente incontrerà il favore degli intenditori.

Antonio M.Cavallaro

Ultime Notizie

"Le previsioni presenti in questo sito non vogliono istigare al gioco del lotto, chi lo fa si assume tutte le responsabilità...
Il 14 ottobre scorso il noto giornale online "Iacchité" che ha sede in Cosenza, ha pubblicato un articolo contenente pesanti...
Il 10 ottobre nella Basilica di San Pietro in Roma, il Santo Padre Francesco ha celebrato la Santa Messa per...
Al Salone del Libro di Torino, Cassano è presente con l'editore Giovanni Spedicati titolare de "La Mongolfiera". Spulciando tra gli...
Nella nostra rubrichetta di musica oggi ci occupiamo di un personaggio del XX sec. che ha influenzato il pensiero filosofico...

Please publish modules in offcanvas position.