Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Da un amico un regalo che mi ha commosso

kibro zanotti.jpgL'altro giorno ho incontrato per caso a Trebisacce un vecchio (non per l'età) e caro amico, Mario Brigante, artista, scrittore, giornalista ecc ecc che mi ha lanciato tra le mani un libro dicendomi: "Questo è per te". Il gesto non mi ha sorpreso, è nell'indole di Mario avere queste esternazioni rapide, senza fronzoli e senza secondi fini, gli piace semplicemente donare cultura, lo ringraziai e salutai al volo. Al momento non diedi molta retta all'inaspettato regalo, ero impegnato con altri amici in uno dei tanti battibecchi (più o meno simpatici) politici, soliti in periodi elettorali, ma quando tornai a casa e lessi il titolo: "L'assistenza sanitaria nella Calabria di Umberto Zanotti Bianco" scritto dal prof. Alfredo Focà ordinario di microbiologia e storia della medicina presso l'Università Magna Grecia di Catanzaro, fui particolarmente grato all'amico. La mia famiglia è originaria di Bianco in provincia di Reggio Calabria, piccola cittadina ionica vicinissima ad Africo Nuovo, dove Zanotti Bianco ha operato moltissimo nei primi anni del '900, quando le popolazioni pedemontane della locride vivevano in condizioni igienico-sanitarie inimmaginabili. Ho avuto la fortuna di conoscere mia nonna, nata nel 1867, che mi raccontava delle tremende condizioni di vita nei paesini all'ombra dell'Aspromonte in anni in cui trovare un medico era già una z.jpgfortuna e le medicine un dono di Dio.

Ma Zanotti Bianco, non dimentichiamolo, è stato lo scopritore del sito archeologico di Sybaris-Thurji-Copia di cui oggi meniamo gran vanto e, giustamente, la scuola di Sibari porta il suo nome.

Inutile dire che ho letto le trecento pagine tutto d'un fiato. Il prof. Focà non è nuovo a "imprese" letterarie di questo tipo avendo pubblicato numerosi libri su eminenti medici calabresi e non solo. Il volume è corredato da molte fotografie d'epoca inerenti le peregrinazioni del grande sociologo piemontese e dotato di una robusta bibliografia dalla quale traspare lo sforzo dell'autore nel ricerca di documenti validi e veritieri.

Secondo il mio modesto parere si tratta di un libro che ogni calabrese dovrebbe avere nella propria biblioteca, un libro che dovrebbe essere non solo letto, ma meditato, soprattutto da quei politici che nel pieno di questa campagna elettorale stanno promettendo ospedali da nababbi.

Antonio MIchele Cavallaro

 

 

 

FOTO: Zanotti Bianco in una carrozza delle Regie Poste a San Demetrio Corone nel 1911

 

 

 

 

Il libro è stato stampato nel 2016 per i tipi della Editrice Rubbettino tramite il suo marchio "Cittàcalabria edizioni", costa soltanto 14  Euro e può essere acquistato tramite il web o presso la nostra redazione tramite e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., risparmiando così le spese di spedizione.

 

 

 

 

 

Ultime Notizie

"Le previsioni presenti in questo sito non vogliono istigare al gioco del lotto, chi lo fa si assume tutte le responsabilità...
Il 14 ottobre scorso il noto giornale online "Iacchité" che ha sede in Cosenza, ha pubblicato un articolo contenente pesanti...
Il 10 ottobre nella Basilica di San Pietro in Roma, il Santo Padre Francesco ha celebrato la Santa Messa per...
Al Salone del Libro di Torino, Cassano è presente con l'editore Giovanni Spedicati titolare de "La Mongolfiera". Spulciando tra gli...
Nella nostra rubrichetta di musica oggi ci occupiamo di un personaggio del XX sec. che ha influenzato il pensiero filosofico...

Please publish modules in offcanvas position.