Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Corsano. Giorgio Malagrinò ci ha lasciato

Giorgio Malagrinò.jpgSe n’è andato improvvisamente in un giorno di fine maggio, a soli 64 anni, destando sgomento e commozione nella comunità coriglianese. Perché era conosciuto, stimato e benvoluto per il suo modo di essere e la sua politica del fare. L’imprenditore Giorgio Malagrinò, una vita spesa nel settore agricolo, ha lasciato questa vita terrena. Un suo ritratto è affidato ad una nota a firma del giornalista Fabio Pistoia.

"Persona dal profondo garbo e dalla grande signorilità, amava i rapporti umani improntati all’amicizia e alla sincerità. È stato uno dei pionieri dell’imprenditoria agricola nel territorio di Corigliano e dell’intera Sibaritide, con la sua azienda avviata nell’ormai lontano 1991 e che porta il suo nome: “Ingrosso Prodotti Ortofrutticoli Giorgio Malagrinò”. Situata in contrada Oliveto, l’azienda è divenuta un tangibile punto di riferimento nel settore agrumicolo, specializzandosi in una fiorente attività d’importazione ed esportazione con i Paesi europei e quelli magrebini.

Quella di Giorgio Malagrinò è stata un’esistenza al servizio della famiglia, dell’adorata moglie, degli amati figli, della nipotina della quale era innamorato. Papà, marito e nonno affettuoso, era dotato di un’innata generosità e amava preferire i fatti alle parole. Famiglia e lavoro. Perché il lavoro per quest’uomo era tutto, essendo una persona capace di creare con innumerevoli sacrifici, impegno ed abnegazione quella che oggi è una realtà imprenditoriale affermata ed evoluta. Clienti, colleghi, dipendenti, amici, semplici conoscenti ne hanno impressa l’immagine di sempre, ossia immerso nel suo capannone, sin dalle prime ore dell’alba, per fornire i suoi prodotti come di consueto di alta qualità.

Quale immagine più bella e significativa vi è se non quella che ritrae Giorgio Malagrinò immerso nei suoi agrumeti, con le sue clementine che tanto amava curare e custodire gelosamente in tutte le fasi della lavorazione? Un figlio della nostra terra, un uomo perbene e generoso, un imprenditore che non dimenticheremo mai."

Fabio Pistoia

Ultime Notizie

Un musicista da non dimenticare - Il 24 gennaio del 1851 moriva il compositore e direttore d'orchestra italiano Gaspare Spontini...
Siamo a 34 edizioni per il Premio nazionale “Troccoli Magna Graecia”. Al via la nuova edizione 2020 del Premio. Diverse le...
IL LICEO SCIENTIFICO “G. GALILEI” INVITA L’ALTO IONIO ALL’OPEN DAY Un viaggio, per quanto lungo, comincia sempre con un primo passo...
Ai nostri webnauti amanti della musica d'autore abbiamo comunicato qualche tempo fa l'uscita di un nuovo brano della cantautrice...
Mi è capitato di rileggere un romanzo di un giornalista. scrittore, traduttore, sceneggiatore, nonché professore di liceo che negli anni...

Please publish modules in offcanvas position.