Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Vangelo di Domenica 13 Ottobre 2019

dieci-lebbrosi.jpgLc 17,11-19 XXVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

In quel tempo, 11lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samaria e la Galilea. 12Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza 13e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». 14Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati. 15Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, 16e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano. 17Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? 18Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all'infuori di questo straniero?». 19E gli disse: «Àlzati e va'; la tua fede ti ha salvato!».

Lectio di don Alessio De Stefano

Dal v. 11 inizia l’ultima parte del lungo cammino verso Ge­rusalemme (17,11-19,10). Un percorso non proprio lineare che ha visto il grande gruppo di Gesù partire dalla Samaria (cf 9,52) ripassare ancora in Galilea (13,31 e 17,11), per poi trovarsi già vicino a Gerico in 18,35. Chi ama ricostruire concretamente il cammino di Gesù immagina che avvenisse nella pianura di Esdrelon, sul confine Galilea/Samaria. Ma si deve ammettere che Luca non mostri se non un interesse teologico al tema del cammino. Gesù e i suoi appaiono come un popolo un po’ raccogliticcio, che cresce man mano che tocca le città e i villaggi e che scende verso Gerusalemme in direzione Nord > Sud, quasi a compiere un terzo esodo dopo quello dall’Egitto e quello da Babilonia. Gesù è un nuovo Mosè che conduce il popolo d’Israele verso la terra promessa, che, in Luca, è significata da Gerusalemme. Anche la menzione continua delle folle costringe a pensare a que­sto modello biblico. Esse evocano le parole dei profeti della consolazione quando predicono e pitturano quadri di felice ritorno al paese dei padri che Dio ha dato in eredità al suo popolo (cf Ger 30-31; Is 40-55; Ez 40-48).

«Lungo il cammino verso Gerusalemme» (v. 11), nella sua ultima tappa, Gesù è impegnato a guarire dieci lebbrosi (cf vv. 11-19), poi inizia un discorso escatologico, sui temi della venuta del regno di Dio e del destino finale del Figlio dell’uomo (vv. 20-37). Questo discorso escatologico si concluderà in 18,1-8. Uno su dieci… Con la destinazione “Gerusalemme” sempre fissa sul navi­gatore, il grande gruppo di Gesù attraversa ancora la Galilea e la Samaria (v. 11). Quasi ad inclusione con uno dei primi incontri fatto dal Maestro in Galilea - quello col lebbroso nei dintorni di Cafarnao (cf Lc 5,12ss) - torna l’impatto con la lebbra. Malattia sociale, oltre che fisica, essa getta il presunto untore nello smarrimento e nella mendicità di una indispensabile guarigione. Sono dieci, quasi ad indicare una comunità, a dire una realtà di emarginazione che vedeva coinvolto un piccolo popolo. Dovevano, in effetti, essere molti i lebbrosi di Palestina al tempo di Gesù. Gridano a lui, supplicandolo come se avesse il potere di Dio: «Abbi pietà di noi» (v. 13) è un’invocazione comune nel Salterio che il sup­plice rivolge a Dio. Ma essi danno a Gesù il nome di Maestro, benché non fossero suoi discepoli e lo incontrassero adesso, verosimilmente, per la prima volta. Gesù si comporta, questa volta, nell’osservanza della legge (cf Lv 13) e passa oltre la supplica, indirizzando i dieci leb­brosi dai sacerdoti. Mentre erano per strada, però, furono guariti, prima ancora di arrivare da questi ultimi (v. 14). Non è la legge, dunque, che guarisce, ma Gesù. A questo punto scatta un tema importante: quello della gratitudine. Fiore raro nell’esperienza di Gesù, come in quella comune (cf 2Re 5,15: Naaman il Siro che torna da Eliseo che l’aveva guarito. Gesù ha citato Eliseo in Lc 4,27: «C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naaman, il siro»). Solo uno torna indietro a ringraziare, mostrando di ca­pire chi fosse Gesù e quale potenza egli avesse: in ciò era la sua fede. L’intelligenza di un uomo che sa cogliere la verità e l’essenza delle persone e delle cose si chiama, infatti, fede. L’unico lebbroso tornato a ringraziare otterrà da Gesù la guarigione più importante che consiste nella salvezza: «Al­zati e va’ - gli dice alla fine Gesù - la tua fede ti ha salvato» (v. 19). Egli, infatti, dopo avere ringraziato si era anche ingi­nocchiato dinanzi a Gesù, riconoscendolo come Signore (cf v. 16). Quell’uomo è un samaritano. Nonostante una città di Samaria non avesse accolto Gesù con i suoi, all’inizio del cammino «perché era diretto a Gerusalemme» (cf Lc 9,53) emerge una simpatia malcelata di Gesù - e di Luca - verso i samaritani (cf Lc 10,30-37), che ha una sfumatura critica nei confronti dei giudei, specialmente verso i difensori e custodi della fede ortodossa. Anche in Atti la missione in Samaria sarà molto proficua (cf At 8,5-25). Il samaritano, escluso, entra a far parte dei poveri e dei piccoli. Lontano e spurio, parimenti al centurione (cf Lc 7,9), alla peccatrice (cf Lc 7,50), all’emorroissa (cf Lc 8,48) e al cieco di Gerico (cf Lc 18,42) è capace di gratitudine e di fede.

Ultime Notizie

Molti di noi abbiamo sentito parlare la prima volta del musicista tedesco di Baviera Christoph Willibald Gluck, solo quando...
(La senatrice sui luoghi dell'alluvione) Lunedì saranno finalmente affidati i lavori di messa in sicurezza del tratto del fiume Crati...
La BCC Mediocrati ha acquisito il Ramo Calabria di Banca Sviluppo SpA, consistente in 14 sportelli dislocati nella provincia di...
IL 21 NOVEMBRE SCADONO I TERMINI PER PARTECIPARE AI BANDI PUBBLICATI DAL COMUNE DI TREBISACCE L’Amministrazione comunale di Trebisacce segnala che...
Il 30 ottobre scorso abbiamo pubblicato un comunicato dell’Associazione Laghi di Sibari, con il quale si annunciava che il comitato...

Please publish modules in offcanvas position.