Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Giustratico ovvero "La Madonna dimenticata"

giustrat_dipinto.jpgRecuperiamo un articolo pubblicato sul vecchio sito “sibari.info” il 24 marzo 2010 visitato 3300 volte, significa che a Cassano e dintorni molti conoscono il posto e i motivi che ci spingono a riparlarne. Purtroppo, però, come per tante altre emergenze da noi messe in evidenza, anche questa è passata sotto silenzio, mentre si parla di sperperare altro denaro pubblico per nuove cementificazioni. Eppure si tratta di una chiesetta che ha significato molto per i nostri avi. E' normale che questo paese dove si blatera tanto di cultura, ciò che dovrebbe essere preservato, o si distrugge o si ignora?

“L’amico Peppino Martire m’invita a fare una passeggiata particolare nei pressi della Madonna della Catena, in una valletta interna in contrada Giustratico dove si trova un’antica chiesetta mezza diroccata. Di questo reperto mi aveva già accennato qualcosa un altro caro amico, anch’egli Peppino, il prof. La Padula, accetto di buon grado e andiamo in auto fino alla fontanella che si trova proprio di fronte al Santuario sulla sponda destra dell’Ejano, e poi a piedi ci inerpichiamo per un viottolo a malapena visibile fra l’erba dei prati. La mia guida è esperta e mi conduce senza errori fino ad una stretta piccola valle a poche decine di metri al di sotto della strada rotabile attualmente chiusa al traffico per una frana. 

giustrat_peppino.jpgLa valletta è ben mimetizzata fra le pareti argillose di un calanco ricoperto di macchia mediterranea e un piccolo bosco di pioppi e, addossata alla parete del calanco,  si trova una minuscola cappella semi inondata dall’acqua che sgorga nel suo interno da una piccola grotta e da un ruscello che scorre proprio davanti alla porticina d’ingresso tanto da impedirne il passaggio. Di fianco alla cappellina sono perfettamente visibili delle mura in mattoni pieni che dovevano essere le pareti di un’altra costruzione di epoca sicuramente non molto recente.

Ci avviciniamo, stando attenti a non finire nell’acqua e riusciamo a dare un’occhiata all’interno. Sulla parete frontale è ben visibile un affresco rappresentante una Madonna Galactofousa (che allatta) sovrastata da una colomba che potrebbe rappresentare lo Spirito Santo e sulla sinistra un crocefisso che forse è stato aggiunto successivamente. Sotto il dipinto la parete è crollata facendo intravvedere una grotta dalla quale sgorga dell’acqua che qualcuno ha tentato di convogliare all’esterno con un tubo, qualche devoto ha lasciato anche dei fiori ed un lumino ancora acceso a significare che questa cappellina seppur semi-diroccata e prossima ad essere inghiottita dalla frana che è giunta già a pochi metri, viene visitata in modo abbastanza regolare. Nei miei peregrinari per le contrade e i paesi del cosentino per scoprire curiosità, monumenti e opere d’arte da proporre ai miei clienti-turisti ho incontrato altri due dipinti abbastanza simili a questo di Giustratico uno rappresentagiustrat_grotta.jpg la Madonna del Pilerio, dipinto su legno, custodito nella Cattedrale di Cosenza e l’altro, più vicino al nostro, si trova a Saracena affrescato in una nicchia di una chiesetta del centro storico, chiamato Madonna delle Armi.

L’affresco di Saracena ha gli stessi colori di quello di Giustratico e i personaggi ritratti, la Madonna allattante e il Bambin Gesù, sono nella stessa identica posizione. La Vergine è seduta in trono col Bambino in grembo vestito e nella posizione di ricevere il latte materno. Non essendo un esperto non sono in grado di dare una datazione certa, posso arrischiare un’ipotesi dicendo che il nostro affresco potrebbe essere stato realizzato a cavallo del XVI° e il XVII° secolo, quello di Saracena è stato  confermato dagli esperti essere del XV° secolo. Non è questa la sede per fare ipotesi sulla datazione, quello che penso si debba invece fare, e subito, é tentare il recupero di questo affresco che, anche se non si tratta di un’opera d’arte di grande pregio, è comunque una testimonianza importante della tradizione religiosa del nostro recente passato. Invito tutti coloro che sono interessati, a farsi vivi, insieme ai due Peppino: Martire e La Padula, saremmo lieti di organizzare un’escursione sul posto, magari il giorno in cui questa Madonnina veniva festeggiata, la terza domenica di Maggio, la settimana successiva alla festa della Madonna della Catena.”

Antonio Michele Cavallaro

giustrat_valletta.jpg

giustrat_mura.jpg

Ultime Notizie

La polizia di Stato italiana ha arrestato martedì, tra Lombardia e Calabria, 34 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di...
Una composizione poetica del nostro amico Aurelio Albanese che prende spunto dai recenti fatti accaduti in alcune aree del nostro...
IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA UN ORDINE DEL GIORNO CHE CONFERISCE MANDATO AL SINDACO MUNDO PER CHIARIRE ALCUNI ASPETTI DELLA POTESTÀ...
Oltre 20.000 persone hanno visitato la fortezza di "Le Castella" a Isola Capo Rizzuto (Crotone) tra il 16 luglio e...
Buona domenica. Giusto per non dimenticare chi siamo e da dove veniamo proponiamo la lettura di un articolo che, oltre...

Please publish modules in offcanvas position.