Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Da Calenda a Silla, un modello da non avere

silla.jpgCarlo Calenda giorni fa su Twitter ha fatto sapere che il suo modello di riferimento in politica non è Giulio Cesare, casomai è Silla.
Silla, lo ricordiamo, era un aristocratico spiantato erede di una famiglia decaduta, che riuscì ad essere determinante nella guerra contro Giugurta perché convinse un vassallo a ribellarsi contro il suo re. Per prendere il potere combattè senza esclusione di colpi contro il rivale Mario, scatenando una guerra civile. A Porta Collina vinse una battaglia promettendo ai soldati Mariani salva la vita se si fossero arresi, li catturò, li spinse ad uccidere i loro ex commilitoni, poi li radunò al Circo Massimo e li fece scannare, a freddo.

Fece fuori mezzo Senato con le liste di proscrizione, in cui iscrisse non solo i conclamati avversari, ma anche coloro di cui desiderava le ricchezze, e lasciò mano libera in questo ai suoi luogotenenti Crasso e Pompeo, quest’ultimo simpaticamente soprannominato “il giovane macellaio”.

Allevò nelle sue schiere il giovane Catilina, famoso per avergli portato come gentile omaggio la testa di un lontano cugino di Cicerone, che aveva massacrato personalmente.
Privò di ogni potere i tribuni della plebe, abolì di fatto le cariche elettive, e persino il giorno prima di morire fece uccidere a sangue freddo nella sua villa un tizio che aveva osato contraddirlo.

Carlo_Calenda.jpg Ecco, non so, ma vederlo prendere come modello da un politico democratico mi fa lo stesso effetto che farebbe vedere Hannibal Lecter come testimonial di un ristorante vegetariano.

Mariangela Vaglio

da: www.galateavaglio.com

Ultime Notizie

Sapevamo che da decenni nei magazzini della zona archeologica di Sibari (inizialmente delle semplici baracche di legno) giacevano migliaia...
Da un’ottima inchiesta apparsa sul quotidiano “Il Sole 24Ore” di ieri 6 gennaio u.s. ,curata da Marta Casadei e Michela...
Ancora protagonisti le allieve e gli allievi dell’Istituto “Ezio Aletti” di Trebisacce. E anche lontano dalle proprie aule: negli ultimi...
La nostra premier Giorgia Meloni ci ha abituato a battute "surreali", anche divertenti tutto sommato se non fossero pronunciate da...
Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,13-16 - Is 58,7-10 In quel tempo Gesù disse:«13Voi siete il sale della terra; ma...

Please publish modules in offcanvas position.