Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

LA PITTURA DI BATTAGLIA A NAPOLI NEL SEICENTO

terzacopertina.jpg(in 3° di copertina  - Monogrammista S. R. -  Napoli, collezione della Ragione)
Abbiamo il piacere di presentare ai nostri lettori appassionati di arte pittorica  napoletana dei secoli passati, l'ultima fatica letteraria del nostro caro amico dott. Achille Della Ragione. In allegato  pubblichiamo il libro in formato PDF, ma lo si può richiedere in formato cartaceo contattandoci sul web. Di seguito trovate la prefazione dello stesso autore. Buona Lettura. (la redazione)

Questo  libro  vuole  colmare  una  grave  lacuna  proponendo  ai  lettori  un  argomento interessante:  La  pittura  di  battaglia  a  Napoli nel  Seicento,  un  genere  che  incontrò larga affermazione e lusinghiero successo tra i collezionisti.  
La nobiltà amava adornare le pareti dei propri saloni con delle battaglie raffiguranti singoli  atti  di  eroismo  o  complessi  combattimenti  che  esaltavano  il  patriottismo  e l’abilità bellica, virtù nelle quali i nobili amavano identificarsi.  
Anche  la  Chiesa  fu  in  prima  fila  nelle  committenze,  incaricando  gli  artisti  di raffigurare gli spettacolari trionfi della Cristianità sugli infedeli, come la memorabile battaglia  navale  di  Lepanto  del  1571,  che  segnò  una  svolta  storica  con  la  grande vittoria  sui  Turchi,  divenendo  ripetuto  motivo  iconografico  pregno  di  valenza devozionale.
Altri  temi  cari  alla  Chiesa  nell’ambito  del  genere  furono  ricavati  dall’Antico  e  dal Nuovo Testamento, quali la Vittoria di Costantino a ponte Milvio o il San Giacomo alla battaglia di Clodio, argomenti trattati magistralmente da Aniello Falcone, che fu il più preclaro interprete della specialità, “Oracolo” riconosciuto ed apprezzato.  
A Napoli fu molto diffuso il sottile piacere della contemplazione delle battaglie presso masochistici voyeurs, che prediligevano circondarsi, non di procaci nudi femminili dalle forme  aggraziate  ed  accattivanti  o  di  tranquilli  paesaggi,  né  di  severi  ritratti  o  di languide nature morte, bensì di gente che si azzuffava a piedi o  a cavallo, usando spade sguainate ed appuntiti pugnali.  
Non  mi  resta  che  augurare  a  studiosi  ed  appassionati  buona  lettura  dando appuntamento al prossimo libro.

 Achille della Ragione

INDICE

  • Prefazione     
  • La pittura di battaglia a Napoli nel Seicento     
  • Battaglisti napoletani in trincea       
  • Pugnae: una memorabile rassegna di battaglisti       
  • Aniello Falcone l'indiscusso oracolo delle battaglie     
  • Una prorompente battaglia di Aniello Falcone        
  • Un Aniello Falcone curiosamente firmato         
  • Andrea De Lione in Mostra a Napoli           
  • I Graziani una dinastia di battaglisti napoletani    
  • Indice delle 48 tavole a colore

 

in copertina 
Carlo Coppola - Scena di Battaglia - Italia, antiquario Maggio

copertina.jpg

in 4° di copertina - Salvator Rosa - Battaglia eroica - Parigi, Louvre
quartacopertina.jpg

 

 

 

 

 

 

Attachments:
Download this file (La pittura di battaglia.pdf)La pittura di battaglia.pdf[ ]9178 kB

Ultime Notizie

(foto: il magnifico organo a canne della Basilica di San Giuliano a Castrovillari) E' con questo titolo che è stato...
Della problematica dei bambini con potenzialità cognitive superiori alla media, dovevamo occuparci qualche tempo fa, poi un po' per la...
"Al sig. Sindaco della benemerenza, “Per il servizio reso alla Città di Cassano all’Ionio ed alla sua comunità; per aver promosso...
Ho ricevuto per email da un'amica americana il messaggio che segue con l'annessa fotografia. Forse qualcuno ha già sentito o...
San Fili dedica 'Note di pace' all'Ucraina con musiche di Leoncavallo eseguite al pianoforte da Ingrid Carbone (Foto: da sin.

Please publish modules in offcanvas position.