Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Dalla strada della morte alla Morte del territorio

SS106Dopo qualche giorno dell'inaugurazione del cantiere sul terzo megalotto, ci sentiamo in dovere di ribadire che una strada nuova sul tratto Roseto-Sibari era necessaria, ma non nel senso di farne una terza, ma di mettere in sicurezza e ammodernare la strada già presente, la 106 bis.
Una 106 bis che poteva essere raddoppiata laddove possibile, con lavori dimezzati rispetto al terzo megalotto, minor tempo, meno sperpero di soldi e forse nessun boss sarebbe stato ammazzato facendo una strada "ex novo".

Nello stile del M5S c'erano tutti i presupposti per promuovere l'alternativa al terzo megalotto, e non lo sbandieramento 1500 posti di lavoro a discapito del territorio, distruggendo le nostre bellezze e le nostre ricchezze. Ebbene signori, vogliamo farvi una rivelazione sconvolgente: il recupero e la messa in sicurezza della 106 bis avrebbe generato ugualmente posti di lavoro!
Da alcuni esponenti del M5S ci sentiamo profondamente mortificati per i loro post in cui si mettono la medaglia al petto per quest'opera, ma noi come attivisti dell'alto Jonio e amanti del territorio, ci dissociamo dai loro festeggiamenti e da tutti quelli che hanno approvato con i loro like.
Videoconferenze, incontri aperti al pubblico, incontri con associazioni ambientaliste, per dirci che eravate dalla NOSTRA parte, dalla parte del territorio, dell'ambiente, che è una delle nostre stelle, e poi avete il coraggio di definirlo "un lavoro certosino" svolto dall'ex ministro Toninelli e proseguito dall'attuale viceministro Cancelleri, e ci parlate di ecobonus mentre festeggiate montagne bucate per guadagnare 6 km.
Noi saremo comunque vigili su questo assurdo progetto e non lasceremo che eventuali speculazioni passino inosservate.
L'amara consapevolezza che chi ha ideato questo progetto e chi lo ha sostenuto non si sia fermato davanti a nulla ci fa domandare: fin dove il denaro può spingere ad annientare un territorio? Fin dove i politici locali e nazionali sono disposti a mettere da parte gli ideali, il bene del territorio per poter dare libero sfogo a cemento e distruzione? Fin dove siamo disposti a subire ancora
La prima pietra l'avrete anche posata, ma noi non abbasseremo la guardia. Speriamo che l'ultima pietra non venga posata fra 30 anni, come per la Salerno-Reggio Calabria!

Attivisti del M5S

Dalila Di Lazzaro

Giovanna De Vita

Antonio Michele Cavallaro

Ultime Notizie

Al 2 luglio sono legati tre personaggi importanti: compositore il primo, diventato famoso in Italia per la canzone di Celentano...
(foto: Don Orione e Ignazio Silone) Scenari/26. Uscita di sicurezza.Testimoniando al processo di beatificazione di don Luigi Orione a Tortona,...
Non è che vogliamo fare a tutti i costi i rompiscatole, ma nel leggere il comunicato che segue apprendiamo che...
Il sindaco del Comune di Frascineto, Angelo Catapano, in occasione della stagione estiva, al fine di garantire l'igiene pubblica e...
L’Amministrazione comunale di Villapiana è vicina, ancora una volta con spirito solidale, alle esigenze delle famiglie che vivono delle fragilità,...

Please publish modules in offcanvas position.