Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

CorSano. Protesta per Chiusura Cardiologia

Osservatorio logo.jpgCARDIOLOGIA AL “GIANNETTASIO”

LETTERA DI CONTESTAZIONE AI VERTICI

Il presidente dell’Osservatorio Vincenzo Figoli  ed il responsabile della commissione Sanità Giuseppe Pranteda chiedono l’immediato ripristino dell’unità operativa, oltre ad Emodinamica ed Elettrofisiologia

Corigliano-Rossano, venerdì 20 dicembre 2019

Sanità allo sbando. Il Presidente dell’Osservatorio permanente sulla gestione e gli effetti della fusione, Vincenzo Figoli, unitamente al Responsabile della commissione “Sanità” Giuseppe Pranteda, si rivolgono alle più alte cariche istituzionali al fine di porre gli opportuni rimedi in ordine al provvedimento di sospensione dei ricoveri adottato presso l'U.O.C. Cardiologia - UTIC dell'Ospedale Spoke Corigliano-Rossano e sulle possibili chiusure dei Reparti costituenti il predetto Spoke (vds. Pediatria, Pronto Soccorso, Ginecologia, Ostretricia etc.). Secondo i rappresentanti dell’Osservatorio si continuano a perpetrare disagi ai cittadini per un'offerta sanitaria carente e disorganizzata a servizio degli utenti dell'area vasta della Sibaritide al limite del diritto alla salute costituzionalmente garantito, dell'interruzione di pubblico servizio e dell'assolvimento dei propri doveri. La nota è stata inviata nelle ultime ore al Commissario ad acta per l'attuazione del Piano di rientro dai disavanzi del servizio sanitario della Regione Calabria Gen. Saverio COTTICELLI, al Direttore Generale ASP di Cosenza facente funzioni Aurora DE CIANCIO, al Direttore Sanitario Spoke Corigliano-Rossano Pierluigi CARINO e, per conoscenza, al Ministro della Salute On. Roberto Speranza, all’On. Francesco SAPIA Commissione Sanità Camera dei Deputati, al Presidente della Regione Calabria On. Mario OLIVERIO, al Sindaco - Presidente Conferenza dei Sindaci provincia di Cosenza Flavio STASI, al presidente del Tribunale per i Diritti del Malato - Regione Calabria.

Vincenzo Figoli.jpg(foto: Vincenzo Figoli) Nel documento si entra nel merito circa la recente querelle che ha riguardato la Divisione dell’UTIC-CARDIOLOGIA interno allo stabilimento ospedaliero “Nicola Giannettasio” dell’area urbana di Rossano, con particolare riferimento alla recente disposizione del Direttore Sanitario dello Spoke Corigliano-Rossano Pierluigi Carino destinata a sospendere i ricoveri presso l'Unità Operativa Complessa di Cardiologia a seguito di più volte segnalate criticità strutturali e di inadeguatezza del materiale a disposizione di quell'Unità che ha gettato letteralmente nel panico migliaia di pazienti e tutti gli altri utenti per un bacino di oltre 220.000 abitanti. «Non si comprende – scrivono Figoli e Pranteda - come sia stato possibile raggiungere un tale livello di disorganizzazione, di disattenzione ed inettitudine che, di fatto, ha avuto come risultato quello di sospendere, fra l'altro, i ricoveri nell'U.O.C. di Cardiologia - UTIC dirottando i malcapitati bisognevoli di quel servizio verso altre Unità distanti diversi km da Corigliano-Rossano come Castrovillari, Cosenza, Catanzaro e, finanche, fuori regione (Basilicata) con le facilmente intuibili conseguenze».

Nella stessa nota si sottolinea e ci si interroga su «come sia stato possibile arrivare a ciò solo per la mancata effettuazione di alcuni lavori di manutenzione, fra l’altro più volte e da diverso tempo richiesti alla Direzione Sanitaria dello Spoke in questione, di alcuni locali del Reparto cardiologico e per il mancato rinnovo ed adeguamento della strumentazione e suppellettili, ormai al limite dell'efficienza. Si sospendono, quindi, i ricoveri presso quel Reparto senza neanche aver prima adeguatamente valutato la possibilità di allocare temporaneamente in altri locali presenti nella stessa struttura ospedaliera di Rossano prediligendo una sorta di "spacchettamento" del personale e della strumentazione afferente ai servizi di cardiologia adibendolo e trasferendolo altrove. E’ evidente come una siffatta soluzione non può e non potrà continuare che a produrre così solo disservizi, con ulteriori aggravi di spese a carico del servizio sanitario regionale e dispendio di risorse umane (in tal senso basta leggere il verbale di una riunione, pubblicato sui social, tenutasi il 05/12/2019 tra il Direttore Sanitario, il Responsabile dell'Area Medica ed il Responsabile del Pronto Soccorso. Lo stupore è enorme se si aggiunge la non partecipazione a questa importante riunione del Responsabile della stessa U.O.C. di Cardiologia sul quale tali scelte si sarebbero inevitabilmente riflesse e che, fra l’altro, avrebbe potuto suggerire soluzioni alternative e meno drastiche).

Si ritiene, quindi, che la responsabilità di questa sciagurata sospensione sia direttamente riconducibile al management aziendale, debitamente e doverosamente informato dal Responsabile di cardiologia, ivi compreso il Direttore Sanitario Pierluigi Carino, quest’ultimo non sufficientemente incisivo nelle determinazioni di sua competenza nell'adottare, per tempo, le procedure tecnico-amministrative finalizzate ai lavori di manutenzione ed all'acquisto dei suppellettili necessari secondo la normativa vigente in materia di appalti pubblici.

Quanto precedentemente descritto evidenzia, ancora una volta, la mìope visione generale della gestione dei Servizi Sanitari in riva allo Ionio cosentino, nel solco delle dannose quanto sciagurate scelte del passato che hanno visto prima registrare la soppressione dell'ASL n° 3 di Rossano, poi la chiusura degli Ospedali di Cariati e di Trebisacce ed infine il ridimensionamento delle strutture ospedaliere di Corigliano e di Rossano che, sostanzialmente, ereditando copioni di reparti (tuttora esistenti), attendono, ancora oggi, di conoscere un adeguato crono-programma per l’individuazione di un’area chirurgica ed una medica per come previsto dal D.C.A. n. 64 del 05.07.2016 (oltre ben 3 anni orsono)».

In attesa della realizzazione dell’Ospedale Unico della Sibaritide che risolverebbe le numerose, ma non tutte, criticità già segnalate in passato, si chiede ai vertici aziendali di conoscere come intenderà proseguire nell'immediato stante la forte preoccupazione che ulteriori dilazioni temporali non saranno più tollerate dalla popolazione della Sibaritide sfinita dall'incapacità e dall'inettitudine del management sanitario di che trattasi. Si chiede, inoltre, il pronto ripristino dell’Unità Operativa Complessa di Cardiologia e dell’UTIC unitamente all’indispensabile attivazione dei Servizi di Emodinamica e di Elettrofisiologia, le cui mancanze non sfuggono neanche ai cittadini meno competenti in materia di prestazioni sanitarie così come non sfugge loro una mancata ed adeguata programmazione finalizzata alla diminuzione delle liste d’attesa più volte segnalata».

UFFICIO STAMPA - OSSERVATORIO

    

"Osservatorio Permanente sulla Gestione e gli Effetti della Fusione Corigliano-Rossano"
C.da Momena, snc - presso Hotel Roscianum
87067 - Corigliano-Rossano (CS)
Facebook: coriglianorossano.osservatorio
Twitter: COROsservatorio;
Mail: 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pec: 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultime Notizie

“Prendersi cura: una risposta alla domanda di sollievo”. Sarà il filo conduttore in occasione della XXI Giornata Mondiale Nazionale del...
(foto: il magnifico organo a canne della Basilica di San Giuliano a Castrovillari) E' con questo titolo che è stato...
Della problematica dei bambini con potenzialità cognitive superiori alla media, dovevamo occuparci qualche tempo fa, poi un po' per la...
"Al sig. Sindaco della benemerenza, “Per il servizio reso alla Città di Cassano all’Ionio ed alla sua comunità; per aver promosso...
Ho ricevuto per email da un'amica americana il messaggio che segue con l'annessa fotografia. Forse qualcuno ha già sentito o...

Please publish modules in offcanvas position.