Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Cassano, Hospice. Vivere una Quaresima di carità.

Cassano HospiceLa Quaresima e la Santa Pasqua invitano ad una profonda riflessione sul vero significato della vita di ciascuno di noi.

Nella sequela del servizio e accanto a chi soffre, il prossimo 6 aprile, alle ore17, sarà celebrata una Santa Messa all’Hospice di Cassano, presieduta dal Vescovo della Diocesi, Mons. Francesco Savino.

Per sperimentare anche il nostro modo di rapportarci alla vita - spiega Don Nunzio Veltri - cappellano della struttura, siamo chiamati ogni giorno a vivere un’esperienza diversa dalle altre.

“Momenti di autentica solidarietà verso il prossimo, a contatto diretto dei malati terminali, sofferenti, in fin di vita. L’hospice – evidenzia Don Nunzio - è il luogo dove l’ammalato trova rifugio, amorevole assistenza e conforto. In questo posto, vi è anche riflessione sia per il paziente, sia per tutti gli operatori impegnati a sostenere coloro che hanno bisogno di attenzione.

Il vero sepolcro è qui, dove si vive la presenza di Cristo nella sofferenza di tante nostre sorelle e fratelli. Per noi la vita è una corsa che ci distrae nel contemplare la bellezza del dono della vita. Dobbiamo essere in continua ricerca dell’amore autentico, che ci deve spronare ad operare a fianco di coloro che non hanno voce, gli ultimi, i bisognosi, i senza terra, i senza casa e chi alla ricerca di Dio. Le nostre comunità – ha concluso - siano luoghi in cui si pratichi l’ascolto amorevole delle ferite, prima vera forma di sanazione di ogni male”.

Oggi, la struttura dell’hospice della città delle terme è un fiore all’occhiello nel panorama della sanità calabrese, dove operano sanitari e i volontari dell’AVO con professionalità e, soprattutto, con vero spirito di abnegazione verso chi vive un momento drammatico della propria esistenza.

Di certo, rispetto all’aumento del numero di malati terminali, è auspicabile una maggiore attenzione verso questo presidio di notevole importanza, che deve ottenere necessariamente, l’aumento dei posti letto.

Ultime Notizie

"Se la normativa è coerente e completa, quello che manca è la sua compiuta applicazione: nelnostro Paese si passa dall’eccellenza...
I giorni più brutti della nostra vita sono quelli in cui perdiamo i nostri genitori. Io purtroppo ho conosciuto molto...
Benito e Saverio, due colleghi geometri più anziani che ho avuto il piacere di conoscere fin dal 1958, quando mio...
Corigliano-Rossano – Tutto pronto per la VI edizione del Concorso Internazionale della Sibaritide “Città di Corigliano-Rossano”. Evento organizzato dall’Istituto musicale “Fryderyk...
LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO GLORIA AL PADRE E AL FIGLIO E ALLO SPIRITO SANTO In questa festa nella quale...

Please publish modules in offcanvas position.